Depressione

Posso uscire dalla depressione?

Agnese

Condividi su:

Buonasera,
Spero che scrivere qui in forma di domanda ciò che mi turba possa ricevere in cambio un qualche tipo di suggerimento meno concreto delle risposte che mi sono data da sola.
Vivo da sempre una condizione di precarietà emotiva. Posso ricordare chiaramente in diversi momenti della mia infanzia una sensazione di vuoto profondo, di melanconia radicata e non motivata da un ambiente attorno a me ricco di stimoli e fertile. L'idea del suicidio, il crogiolarmi nella mia tristezza, evitare un confronto più profondo con il prossimo sono sempre stati una costante anche nella mia adolescenza, al punto che, dopo l'ultimo di una serie di interventi chirurgici all'età di 17 anni ho avuto la mia prima crisi depressiva. Vista la mia condizione di sofferenza, ho cercato aiuto in un paio di specialisti, ma siccome il rapporto instauratosi non è risultato adeguato alle mie esigenze del tempo ho finito per abbandonare ogni volta il percorso terapeutico, trovando comunque soluzioni "mie" per tornare a vivere normalmente.
Dopo 25 anni e una laurea in psicologia, sono arrivata a una conclusione a volte troppo scientifica: se il bisogno che sento di "non essere più" (per quanto so che la mia paura di soffrire mi protegge da scelte avventate) è così insito nella mia natura, è davvero giusto combatterlo? Ad oggi affronto questo senso di vuoto dedicandomi agli altri. Mi piace lavorare con i bambini, mi piacciono le persone, amo il confronto con il prossimo e lo scambio mentale che ne deriva. Più imparo, più mi lascio coinvolgere dalle situazioni della vita, più mi rendo conto della incredibile serie di fortunati eventi che hanno portato me e chi mi circonda ad essere qui, ora, a respirare un'aria che di per sé è un miracolo del cosmo. Di fronte a questa immensità di eventi casuali e fortuiti so che l'unica possibile ragione di esistere è essere un elemento positivo in un'equazione il cui risultato, per ignote ragioni, è sempre zero.
Tuttavia, a conti fatti, sento che in fondo ogni mia esperienza, sensazione e noia sono transitorie, infinitesimalmente piccole di fronte a un tutto che non posso davvero influenzare.
Con il tempo e con gli studi sono riuscita ad arginare con discreto successo gli episodi depressivi che io stessa, in fondo, tendo a ricercare, ma quella sensazione di vuoto è sempre lì a farmi compagnia. Se prima l'idea di lasciare la mia famiglia era la principale motivazione che distoglieva il mio pensiero dall'idea del suicidio, ora desidero solo smettere di pensare. L'empatia che muove la mia quotidianità è a volte eccessiva, quasi mai ricambiata, ma sento che va bene così. Vorrei trovare un modo per incanalare queste energie in un progetto che dia un senso alla mia vita, al mio essere in quanto creatura vivente e propria di una volontà, ma non ci riesco ed immancabilmente mi trovo a pensare che non essere, non vivere, non cambierebbe quasi nulla nello scorrere del tempo. Definisco la mia visione dell'esistenza come "quantistica", entropica e volubile allo spasmo, ma anche miracolosa e sempre feconda nel mio finire per giustificare ogni cosa attorno a me, dopo una infinita e stancante ricerca delle cause che l'hanno posta in essere.
Cerco di trasformare la mia tristezza in energia positiva, senza tuttavia la convinzione che nessuno sia a questo mondo per essere salvato, così che il massimo che posso fare è aiutare. So, però, di poter in potenza salvare me stessa, da questa tristezza.
La mia domanda è: posso dimenticare ciò che ho appreso in questi anni? È possibile trovare una soluzione alla consapevolezza che non sono altro che il frutto di una lunga sequenza di eventi casuali, un miracolo tra i miracoli, comunque elementare di fronte alla vastità del cosmo?
So che c'è poco di concreto nelle mie parole, e mi scuso con chi le leggerà per il viaggio mentale che vi sto proponendo,
Grazie per la vostra attenzione
A.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile ragazza, 


il titolo del consulto e le domande finali mi sembra attengano a problematiche non del tutto sovrapponibili. Per depressione si intende un disturbo (declinato nelle sue varie forme) che presenta vari sintomi, tra cui anche la possibilità di compromettere la vita sociale e lavorativa e che è considerato meritevole di trattamento psicologico e/o psichiatrico. Le sue ultime due domande invece mi sembra facciano riferimento principalmente a questioni esistenziali e perciò a una depressione esistenziale che, in quanto tale, esula dalle competenze dello psicologo, sebbene questo professionista si trovi spesso a lambire queste tematiche nella sua pratica professionale.


Suppongo che lei sia più interessata nel concreto a migliorare il suo umore ed elaborare problematiche del passato che possano ancora influire su di esso. Questo ultimo obiettivo è di solito facilmente raggiungibile con una psicoterapia breve strategica, meglio se integrata con approcci più attenti al passato.


Sulla mia pagina può trovare un articolo sulle relazioni interpersonali che fornisce cenni su una tecnica, tra le altre, per migliorarle, anche se tali relazioni fossero di un lontano passato.


Cordiali saluti

Cara collega, chiunque sceglie di studiare Psicologia, lo fa inconsciamente per cercare di risolvere i propri problemi.


A differenza dei "normali" pazienti che si rivolgono allo psicoterapeuta e risolvono i propri problemi in tempi ristretti, il "paziente psicologo" prima si fa 6 anni di università, poi 4 di specializzazione e alla fine, quando la legge lo obbliga a fare la psicoterapia... inizia a risolvere davvero.


La DEPRESSIONE dovrebbe essere chiamata OPPRESSIONE di modo da far comprendere meglio e subito l'eziopatogenesi del problema. Il soggetto depresso cresce in un contesto familiare povero di emozioni positive e spesso viene screditato e svalorizzato proprio da coloro che avrebbero dovuto incoraggiarlo e stimarlo: i genitori e la famiglia in genere. [Alice Miller]


Nel corso della propria crescita accumula e reprime rabbia e frustrazione, finchè non si demotiva e perde l'interesse e la fiducia verso le cose belle della vita.


Dai retta a me!


Sarai una brava psicoterapeuta proprio con i pazienti che soffrono di Depressione, proprio perchè questo è il tuo problema. Non scoraggiarti, ma al contrario pensa che la tua vera "formazione" professionale sarà proprio questa! Quando avrai risolto il tuo problema, conoscerai la strada che porta fuori da quel labirinto. Potrai così andare a prendere e condurre fuori tutti coloro che, come te ora, si sono persi là dentro.


Capisci?


La depressione è la tua "missione"!


Non perdere però tempo a cercare nei libri! Fai una psicoterapia, come fanno tutti. E se non ti sei trovata con quelli di prima... cerca ancora! Magari quelli erano bravi a risolvere altre questioni! Ognuno ha le proprie!!


Se vorrai un consiglio da collega su come orientarti, ci sentiamo.


Ma non stare lì a demoralizzarti inutilmente. La Depressione si risolve!


Ti mando un abbraccio con empatia.


 

Cara Agnese,


Lei ha bisogno di trovare una Guida.


E' evidente che, in questa incarnazione, un disturbo dell'attaccamento ha risvegliato in lei una irresistibile malinconia, ma la profondità con cui ha poi affrontato la questione rende abbastanza evidente che si tratta di un "trucco" delle Forze universali per farle comprendere qualcosa di importante.


Ha fatto un gran buon lavoro, ma entro i trent'anni deve mettersi all'opera per capire il senso di tutto ciò.


Da sola ci vorrà moltissima pazienza! Accompagnata, ce ne vorrà comunque ma procederà più velocemente.


Le serve un intreccio di interventi. Provo a suggerirle qualcosa.


Sul senso di come vanno le cose, potrebbero esserle utili gli scritti provenienti dal Cerchio Firenze 77. Il libro con cui cominciare è "Dai mondi invisibili". Non si lasci influenzare da pregiudizi, le Guide del Cerchio di Firenze sono state molto circostanziate nello spiegare la logica degli avvenimenti della vita.


Sulla ricerca profonda che possa aiutarla a trovare pace può avere un ruolo importante la sand play therapy, la terapia del gioco della sabbia di area junghiana. Fa emergere anche il non verbalizzabile dei primi anni di vita e a Torino ci sono alcune terapeute eccellenti.


Il suo darsi agli altri come reazione denota altissima qualità spirituale; ma forse un po' più di scelta potrebbe giovarle. Varrebbe la pena interpellare un OTTIMO omeopata unicista. Le sue caratteristiche assomigliano a quelle repertorizzate per Natrum muriaticum.


Se accetta di andare oltre con tutto questo ... sono certa che si sorprenderà di se stessa ... in tempi assai ragionevoli. In bocca al lupo.

Gentile A., le domande che lei pone sono quelle che da millenni i filosofi pongono a se stessi e agli altri su quale è il significato della vita. Ovviamente io non ho una risposta, la psicoterapia può solo fornire strumenti per conoscere meglio se stessi ed eventualmente cambiare. Personalmente credo che la risposta al senso della propria vita la può dare solo ciascun individuo, dopo un faticoso lavoro di "scavo" in se stessi. Lei alterna pensieri molto positivi riguardo al mondo ad altri relativi a un senso di vuoto, di insignificanza, di inutilità....


Credo che il desiderio di "trasformare la sua tristezza in energia positiva" possa essere un elemento di forza sul quale far leva per "salvare se stessa, da questa tristezza".


Certo il percorso è lungo e faticoso, ma sembrerebbe che lei abbia gli strumenti per riuscire: preparazione, consapevolezza, intelligenza...


Se riuscirà a fa prevalere gli aspetti positivi a poco a poco "la tristezza ed il senso di vuoto" si ridurranno.


Augurandole ogni bene sono a disposizione per una conversazione de visu a titolo puramente gratuito nell'ottica di poter imparare io qualcosa da lei.

Gentile Agnese alla consapevolezza del senso dell'effimero che caratterizza l'esistenza sarebbe utile unire la sua accettazione per non continuare a chiedersi il perché del vuoto che percepisce in un crescendo alla  Schopenhauer .....e poi si butti di più nella vita ....corso di teatro, di ballo, di cucito, coltivi piante, cucini per sé e per gli amici! Legga Yalom, scriva di sé .....un carissimo e sincero augurio.... che la sua strada sia più leggera 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come devo comportarmi se mia figlia mi accusa di essere un genitore manipolatore?

Salve a tutti.. ho 3 figli di cui 2 maggiorenni da poco. Ho sempre avuto un buon dialogo con i miei ...

3 risposte
Non provo più alcuna emozione, non c’è niente che riesce a darmi la forza di ritornare a vivere.

Ho 22 anni, sono giovane e all’apparenza sembra che la mia vita sia normale e soddisfacente, ...

2 risposte
Ossessione per lo studio

Salve, sono uno studente iscritto al II anno del corso di studi "Medicina e Chirurgia". Brevemente: ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.