Elaborazione del lutto

Dopo la perdita di mio padre, il senso di colpa mi toglie la voglia di vivere.

Mariagrazia

Condividi su:

Buongiorno.
Purtroppo più di due mesi fa ho perso improvvisamente mio padre, di quasi 85 anni, a causa di un infarto. Per me è stato uno shock, in quanto non avevo compreso quanto il suo stato di salute fosse precario; a causa della pandemia aveva fatto meno controlli cardiologici, alcuni segnali di allarme non erano stati correttamente interpretati dagli stessi medici ma, soprattutto, negli ultimi giorni gli ho fatto interrompere - senza consultare un medico e pur sapendo che poteva essere pericoloso - un antiaggregante per fare un esame medico e temo che questo sia stato oggettivamente la causa della sua morte improvvisa. E oltretutto nei giorni/settimane precedenti avevo avuto qualche brutto ma indistinto presentimento, che ho visto poi realizzarsi davanti ai miei occhi.
Ho letto che dopo un lutto capita spesso di sentirsi in colpa per vari motivi, ma ho paura che il mio senso di colpa sia insormontabile e mi tolga del tutto la voglia di vivere; mi sto trascinando giorno dopo giorno svolgendo le attività quotidiane ma ho completamente perso la voglia di vivere.
Ne ho parlato con tante persone a me vicine e ho iniziato a farmi seguire da una psicologa, avendo già svolto in passato una psicoterapia. Però non so se mi questo mi aiuterà e ho paura di non farcela.
La mia vita è cambiata improvvisamente, mio padre era fondamentale per mia madre, invalida, e di conseguenza per me, che non ho una mia famiglia e adesso devo necessariamente stare vicino a mia madre.
Non riesco a capire se sia più grande il mio dolore per la perdita di mio padre o il mio senso di colpa.
Non mi do pace per quello che ho fatto e non ho più stima di me stessa. Grazie

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno. La perdita di una persona cara e quella di un genitore in particolare, è un evento che per la psiche profonda richiede un delicato lavoro di elaborazione del lutto che è delicato e complesso; Lei si sta già facendo seguire da una psicologa quindi continui a lavorare su di sè per affrontare i suoi sensi di colpa e non solo. La perdita di un genitore richiede un lento lavoro per essere superata , ci vuole tempo e pazienza e la voglia di mettersi in discussione e affrontare i fantasmi che sono dentro di noi. Bisogna farsi seguire dal terapeuta  avere fiducia in lui/lei, affrontare le dinamiche psichiche  che vengono fuori nella terapia , lavorare sul difficile e delicato senso di colpa che a volte accompagna la morte del genitore o di chi se ne prende cura e avere il coraggio di guardarsi dentro e superare le difficoltà emotive che vengono fuori con l'aiuto del terapeuta.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Elaborazione del lutto"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Relazioni familiari post lutto

Mi ritrovo qui a sera tarda a scrivervi, poiché non riesco a venire a capo di ciò che ...

2 risposte
Come superare la morte di un padre

Dal 6 maggio la mia vita é cambiata. Papà è volato in cielo. É accaduto ...

5 risposte
Decesso Moglie

Sono passati 15 giorni che è mancata mia moglie, il mese prossimo avrebbe compiuto 73 anni, ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.