Disfunzioni sessuali

Assenza di piacere nell’atto sessuale

Nonnome

Condividi su:

Salve a tutti sono una ragazza di 21 anni.
Non provo piacere durante l’atto sessuale.
Sono sempre stata una ragazza molto spinta da un punto di vista sessuale, sicuramente nelle fantasie e nella perversione.
Ho una carica sessuale molto alta che purtroppo non riesce mai ad essere appagata.
Sono molto attratta dagli uomini, difatti mi sento sempre molto eccitata e anche fisicamente bagnata prima di un atto sessuale.
Nel momento di concretizzare la libido cala drasticamente e con essa anche il mio entusiasmo.
Devo dire che ho sempre avuto un ansia da prestazione.
Partendo dal principio: non bacio con la lingua perché ho paura di non saperlo fare (cosa che sicuramente è).
Arriviamo al sesso: ho sempre avuto ansia per la mia prestazione, di non sapermi muovere e questo mi ha sempre fatto stare in uno stato di agitazione.
Oltre a questo quando faccio sesso ho la mente sempre piena di pensieri, non ci sono in quel momento e mi chiedo “chissà se provo, speriamo che provo, chissà quanto sento”.
Tutto questo al punto di non sentire niente al tatto e a portarmi ad uno stato di alienazione e apatia.
Preferisco fare che ricevere, perché ricevere e non sentire mi reca ansia e frustrazione.
Ad esempio quando pratico sesso orale la mia eccitazione è alle stelle.
Capisco che è un problema psicologico anche dal fatto che ho comprato dei dildo per sbloccarmi e quando li uso provo una sorta di irrigidimento, non provando niente.
Invece quando uso un oggetto di casa (su cui non carico aspettativa e pensiero perché la chiave è non pensare me ne rendo conto, sento molto).
Mi masturbo sempre su uomini, anche che ho intravisto ma che mi hanno suscitato qualcosa.
Tutto questo mi provoca una profondissima frustrazione al punto di avere solo rapporti occasionali con persone di cui non m’interessa (so che non si risolve niente perché c’è bisogno di connessione).
Ho anche parlato del mio problema apertamente, ma ciò non Modifica i miei meccanismi interni.
Allontano chi mi può piacere sopratutto per questo motivo.
A tutta questa frustrazione si aggiungono pure dubbi sulla mia sessualità, a dirla tutta infondati.
Sono arrivati a pensare “non sento perché sono lesbica?”.
Un altro peso addosso ma che poi sfuma con particolare velocità quando mi trovo in mezzo alle persone.
Il mio corpo è fortemente attratto e mi porta esclusivamente dagli uomini.
Sono molto afflitta è frustrata, come posso fare? smettere di pensare non è semplice.
Come affrontare questo problema psicologico così debilitante?

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Nonnome. Le consiglio di rivolgersi ad un esperto per esplorare a fondo le aspettative che si crea circa il rapporto e per indagare la funzione che il suo “irrigidimento”, come lo chiama lei, ha. Disturbi di questo genere celano un sistema di significati che, una volta trovati, possono essere rielaborati per rendere la situazione molto migliore e vivere la sessualità in modo sereno.
Per un consulto più approfondito e utile alla sua causa, mi rendo disponibile anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Salve, c'è un gioco che puoi fare, il gioco della donna frigorifero. Trovati un partner e proponiglielo. Tu dovrai stenderti o metterti in una posizione in cui dovrai stare assolutamente ferma. Lui dovrà cercare di farti godere in ogni modo, tu invece dovrai resistere, sforzandoti di non provare piacere, come se tu fossi un frigorifero. Poi fammi sapere come è andata.


Cari saluti.


Dott. Andrea Bottai - Firenze

Gentile Nonnone,


le consiglio di valutare una psicoterapia individuale sessuologica per riosservare questa sua difficoltà, i pensieri e le emozioni ad essa collegati. Qui non solo sarà supportata, ascoltata e accolta ma anche aiutata a trovare la sua soluzione e la causa del problema. Dal suo racconto sembrerebbe emergere importante paura fprse in riferimento anche al dolore ma soprattutto collegato alla performance e al piacere.


Mi sembra che lei conosce molto bene il suo corpo però potrebbe essere importante capire cosa accade quando si sta per avvicinare l'atto sessuale con una persona per cui prova affetto e innamoramento.


Gli incontri sarebbero senza giudizio e coperti da segreto professionale.


Resto disponibile per informazioni, richieste o domande aggiuntive ed eventuale consulenza online.


Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Cara,


ha fatto una disamina di un certo calibro e questo è già un ottimo punto di partenza.


Nella sessualità di ognuno confluiscono diverse variabili che la influenzano: la storia di vita, l'educazione ricevuta, la cultura di appartenenza con i vari dogmi anche di tipo religioso, le esperienze passate (anche ciò che è accaduto in tenerissima età), le credenze, i tabù, i falsi miti sul sesso e su "come dovrebbe essere" e tanto altro. Inoltre, contestualmente all'atto sessuale, intervengono pensieri, emozioni e sensazioni con comportamenti che ne conseguono e che lo influenzano direttamente.


Quando si hanno problemi relativi al piacere, escluse cause organiche (e nel suo caso ne è prova il fatto che si blocca solo in determinate circostanze) c'è sempre qualche aspetto psicologico a fare da padrone. Come Lei stessa afferma, ad esempio, ansia da prestazione, senso di inadeguatezza, bassa autoefficacia ed autostima, possono essere alla base del problema. Un percorso con un esperto potrebbe aiutarla molto ad individuare cosa genera e alimenta il problema che la affligge. Inoltre, esistono delle terapie mansionali molto efficaci in tal senso.


Resto a Sua disposizione, qualora volesse ricevo anche online e sono esperta in sessuologia clinica.


Buona giornata,


Dr.ssa Annalisa Signorelli

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disfunzioni sessuali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Calo della libido

Le scrivo per un problema che mi affligge da un po’: ho 20 anni e una relazione da un anno e ...

1 risposta
Penso di essere un caso raro...

Sono una donna di quasi 50 anni, mi mantengo ancora bene e da sempre sono stata reputata una ragazza ...

1 risposta
Ho avuto un episodio di disfunzione erettile

Salve, sono un ragazzo di 22 anni e in queste notti ho avuto un episodio che mi ha sconvolto... Ero ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.