Disturbi dell'eccitazione sessuale

Non riuscivo ad avere un erezione, e da quel momento ho iniziato ad avere paura che il problema si ripresentasse

Flavio

Condividi su:

Salve mi chiamo Flavio, sono un ragazzo di 22 anni e volevo qualche aiuto e qualche consiglio su un problema che ho da ormai quasi un anno. E' dall'età di 14 che son sempre stato sessualmente attivo, non ho mai avuto problemi. Tra le mie prime ragazze con una ci sono stato 4 anni, non ho mai avuto nessun genere di problema. Dopo di lei ne ho avute un altro paio, ma con una di queste, che conobbi in una serata, ebbi i primi problemi. Non riuscivo ad avere un erezione, e da quel momento ho iniziato ad avere paura che il problema si ripresentasse. Infatti con le successive ragazze, si è ripresentato il problema. Ho conosciuto un paio di mesi fa una ragazza, conosciuta a lavoro, con la quale c'era una sorta di attrazione, solo che a lei, le ho esposto il mio problema, e tutto ha funzionato, non ho avuto nessun problema. Lei è stata una ragazza un po' particolare, a lei piacevano fare strani giochi erotici con oggetti e quantaltro, e la cosa mi eccitava molto. Ma mi sono poi stancato e dopo un paio di mesi abbiamo rotto, successivamente sono ricapitato a letto con la mia ex, quella con cui son stato 4 anni, e ho avuto nuovamente questi problemi inizialmente, ma poi mi son tranquillizzato ed è andato tutto bene. Ma non è stato niente di serio, semplice voglia sessuale, e finì là. Attualmente mi frequento con un'altra ragazza, che mi piace da morire. La trovo bellissima, e ha un fisico stupendo. La conosco da anni, ma ci frequentiamo da un mese. Va tutto bene quando stiamo insieme, ma quando arriviamo a stare a letto, capisco che lei ha voglia, ma io non riesco a eccitarmi. Lei si, ma io no. Ho troppa paura che si ripresenti il problema, e non riesco a lasciarmi andare. Non so cosa fare, sto male, non riesco a pensare ad altro. Ho paura che questo mio problema non si risolvi facilmente... Con lei ne ho anche parlato, ha detto che non c'è problema e di stare tranquillo, ma non posso aspettare all'infinito. Mi serve un aiuto perchè sento veramente di non riuscire più a vivere! PS: aggiungo che mi masturbo molto con video porno, anche durante periodi sessualmente attivi. Dovrei smettere? Aspetto una vostra risposta grazie!

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

buona sera 

ho un pò di confusione tra le storie di ex e quelle attuali , dovrei conoscere meglio la storia per dire qualcosa in più , quello che ti suggerisco prima un esame fisiologico un urologo, poi lo psicologo per vedere il problema da quali fonti si presenta.. il porno è una tua scelta l'importante che non diventi una scusa per non farlo con una persona in carne è ossa.... 

~~Caro Flavio la risposta è nella tua lettera~~lei scrive" Mi serve un aiuto perchè sento veramente di non riuscire più a vivere! PS: aggiungo che mi masturbo molto con video porno, anche durante periodi sessualmente attivi. Dovrei smettere? "  "non riesco a lasciarmi andare" " "ma poi mi sono tranquillizzato ed è andato tutto bene" , credo che dovresti chiedere un aiuto  , se vuole può inviarmi un email per un colloquio.

Gentile utente,

la masturbazione probabilmente sarebbe meglio almeno contenerla perchè comunque le assorbe energie "in solitario", ma il problema evidentemente non nasce da essa quanto piuttosto da una presumibile forma di ansia.

 Le consiglio di consultare uno psicoterapeuta che utilizzi la Strategica Breve perchè questo approccio ha ideato dei rimedi molto veloci in grado di risolvere il suo problema.

Cordilai saluti

 Gentile ragazzo,

è molto comune quello di cui ci scrive. La paura del fallimento rende la sessualità pericolosa scludendo riducendo la possibilità di eccitazione. Ansia e sessualità non vanno bene insieme, si avvalgono di due sistemi fisiologici antagonisti. Credo sarebbe importante per lei rivolgersi ad un sessuologo, tenendo comunque presente che se il rapporto di coppia si stabilizza, la sessualità diventerà più semplice. I rapporti sessuali con nuovi partner sono sempre un po' più ansiogeni.

Restiamo in ascolto

Gentilissimo Flavio

lei stesso riconosce la paura che "possa riaccadere". Quando si trova nella situazione che "ritiene pericolosa", l'attenzione si sposta solo sulla paura piuttosto che sui vari stimoli che derivano dalla situazione in generale.

Sarebbe utile lavorare sull'ansia.

Cordiali Saluti

Ciao Fabio, temo  non sia possibile essere esaustivo o risolutivo con questa mail... forse dovresti mettere in conto di  andare da un qualche mio collega e  farti un ciclo di almeno  4 sedute (non necessariamente da privati, informati alla asl e vedi  quali psicoterapeuti ci sono, forse non pagheresti nemmeno il tiket).. comunque,  il problema che riporti  sembra essere psichico e non fisico, tuttavia, un consulto da chi è esperto del settore non sarebbe male, chiama il centralino della ASL e chiedi dove sono  gli ambulatori degli urologi dopo diche vai dal tuo medico di famiglia per l'impegnativa e richiami al centralino per la prenotazione.

Per dare  qualche risposta alla tua mail inizio con l'ultima cosa che mi chiedi e che mi  è rimasta  più fresca, cioè se  devi smettere di masturbarti, la risposta è no! se si esclude un senso di spossatezza dato dal forte rilassamento post orgasmo non ci sono controindicazioni per la masturbazione.. ma solo il fatto che tu lo dica mi fa pensare che sei un ragazzo un po ansioso che matura facilmente dei timori  e dei sensi di colpa per delle cose, spesso futili... se i problemi legati all'erezione, come dici tu non sono incostanti e sono concomitanti con  il contesto in cui ti trovi devono essere analizzati, comincia con il chiedederti  se non hai l'impressione di "bruciare" l'immaginario della tua vita sessuale, se  tutto ti sembra  troppo facile e se sta perdendo di spessore rispetto ai sogni di quando eri  ancora più giovane.... insomma se  qualcosa ti sta deludendo...

una seconda ipotesi può essere legata alla tua autostima e alle aspettative che percepisci nelle tue partners e quindi alla tua paura di fallire che  emerge con la defaiance... ma anche questo andrebbe discusso con qualche esperto..

Credo che a monte come ti ho accenato  prima ci sia un ppo di ansia da prestazione  che debba essere letta da un sistemico relazionale che consideri la tua personalità, le tue ambizioni e i rapporti con i tuoi genitori. Hai un età di passaggio di percezione di maturità e responsabilità alla quale forse non sei ancora pronto, però ti dico anche che ti potrebbe essere utile parlare con  tuo padre, di come ti senti, del tuo essere uomo,  del tuo futuro...  non è necessario parlare della tua momentanea disfunzione sessuale, potrebbe essere solo un sensore che che lavora di riflesso... pensaci.

 ciao

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'eccitazione sessuale"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come poter eliminare una perversione?

Sono un ragazzo che ha il feticismo per i piedi femminili, un certo masochismo, mi piace essere ...

7 risposte
Asessualità?

Buonasera a tutti, io sono Gioele e ho 18 anni. Il dubbio che mi spinge a fare questa domanda ...

1 risposta
Varie problematiche sessuali di coppia

Salve, mi chiamo Giulia e ho 26 anni, sono fidanzata da un anno e mezzo e ultimamente sto avvertendo ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.