Disturbi dell'eccitazione sessuale

Problemi di erezione con persone nuove e nella masturbazione

Marcello

Condividi su:

Buongiorno, sono un ragazzo di 30 anni che ha cominciato ad avere rapporti completi relativamente tardi, poco dopo i 20. Da allora ho fatto sesso solo nell'ambito di relazioni serie durate diversi anni, ma in entrambi i casi, nel corso della prima notte, non sono riuscito ad effettuare la penetrazione (solo quello, l'erezione durante il sesso orale era più che soddisfacente), con la prima persona probabilmente perchè era la prima volta, con la seconda forse perchè le cose sono state un po' affrettate e una volta spogliata il suo corpo non era esattamente come lo avevo immaginato. Ma a parte questi episodi accaduti soltanto le prime due-tre volte, la vita sessuale in seguito è stata abbastanza appagante e serena.


Adesso a un anno e mezzo di distanza dall'ultimo rapporto è sopraggiunta una novità: solitamente all'atto della masturbazione accompagno l'uso della pornografia, ma nell'ultimo periodo mi sono accorto che non riesco ad avere o mantenere l'erezione se non tramite il suo ausilio. Il problema è che adesso sto iniziando a frequentare una ragazza che mi interessa molto, e questa cosa mentalmente ha aperto un bel vaso di pandora, autoinnescando una serie di turbe mentali proprio nel momento sbagliato.

Che io sia un tipo di persona che non riesce a vivere queste cose in maniera tranquilla mi pare palese e mi ero rassegnato a portare questa croce, tanto le storielle neanche mi attirano, ma con questo ultimo episodio è possibile che le cose anche a livello fisico siano peggiorate? Sarebbe consigliabile una terapia medica o rischierei di diventarne mentalmente dipendente?

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Marcello il suo problema potrebbe essere di origine psicologica, nonostante ciò sento di suggerirle un controllo urologico per escludere altre eventuali cause al fine di tranquillizzarla in modo da poter provare, con la giusta predisposizione e lo stato d' animo migliore, un percorso psicoterapeutico dove poter individuare nello specifico le cause del suo disagio e soprattutto affrontarle efficacemente, per cominciare a viversi serenamente e piacevolmente la sua sessualità. Perché rassegnarsi?...


 

Buonasera,


credo sia assolutamente necessario intraprendere una terapia per capire e risolvere le motivazioni che ti portano ad avere le difficoltà che hai palesato. Non credo sia opportuna una terapia medica, poichè mi sembra abbastanza evidente la componente psicologica, tuttavia un controllo da un urologo o da un andrologo aiuterebbe comunque ad escludere qualsiasi componente organica. Ciò detto credo proprio che sarebbe auspicabile rivolgerti ad uno/a psicologo/a che sia anche sessuologo/a.


Un caro saluto

Buona sera


leggo con attenzione le sue parole, credo che la cosa che mi sento di suggerire di incontrare un sessuologo per parlare del tuo rapporto con il corpo sia il tuo che quello femminile le tue fantasie, che non devono essere prese come qualcosa da fustigare, terribili, ma bisogna leggerle in quel contesto e i suoi passaggi, poi una psicoterapia per capire le tue paure incertezze.


 


 

Gentile Marcello,


è chiaro che l’ansia, lo stress, l'insicurezza, i diversi problemi psico-sessuali sono propriamente non un disturbo, ma i sintomi di un disturbo, che riguarda chiaramente tutta la personalità, nel presente come nella Sua storia personale.


È possibile che, con un approccio specifico alla problematica, che potremmo presumibilmente chiamare psico-educativo, si potrebbe ottenere in tempi non lunghi sia una risoluzione della problematica in questione, sia un miglioramento, di riflesso, del più complessivo stato generale d’ansia e di insicurezza.


In tal senso, una focalizzazione strategica sul sintomo e una rieducazione psicologica appaiono senz’altro adeguati.


In alternativa, una soluzione più radicale sarebbe – su tempi più lunghi - affrontare una terapia del ‘profondo’, che risolva le radici dell’ansia e della depressione e, di conseguenza, anche i suoi sintomi.


Tale approccio potrebbe in tal caso essere valido per ristrutturare le parti immature e ancora infantili della Sua personalità ed eliminare dai suoi ‘meccanismi’ quei granelli che – per così dire – ne ostacolano il corretto e felice funzionamento in direzione della crescita personale e dello sviluppo adulto della Sua identità, oltre ogni psicopatologica insicurezza e disistima.


Intanto, Le invio cordiali saluti.

Salve Marcello, da quanto dice non credo abbia bisogno di una terapia medica, se con medica intende farmacologica. Tanto è vero che con l'ausilio della pornografia ha e mantiene l'erezione. Non ha parlato di orgasmo, deduco quindi che lo raggiunge, fosse anche solo con la pornografia. Credo quindi che abbia biosgno di una psicoterapia, per comprendere i motivi alla base di queste difficoltà e in modo tale da trovare col terapeuta le misure più adatte affinchè vengano risolte. Spero di esserle stato di aiuto. 


Resto a disposizione

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'eccitazione sessuale"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Feticismo da pannolone

Buongiorno sono una ragazza di 20 anni. Vorrei chiedere un parere: io mi eccito con i pannoloni ...

5 risposte
La stabilità emotiva mi azzera il desiderio?

Sto con il mio compagno da 3 anni, lui ha 28 anni e io 26. Per i primi mesi del nostro rapporto la ...

1 risposta
Blocco sessuale

Salve, sono Giulia ho 31 anni. Ho conosciuto un ragazzo che all'inizio mi ha spaventato per il ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.