Problemi di coppia

Le caratteristiche fondamentali di una sana relazione d'amore

Dott.ssa Paola Liscia contattami

Condividi su:

In qualsiasi relazione, anche quella in cui i partner sono più affiatati, occorre continuamente gestire la tensione tra bisogni di autonomia e di vicinanza, perché ciò avvenga bisogna avere una buona consapevolezza, di se stessi, dei propri limiti, e di rispetto per e per l’altro.

Quando questi assunti di base vengono meno, è possibile instaurare delle relazioni problematiche senza divenirne consapevoli. Spesso ci si rende conto di trovarsi in una relazione problematica, quando questa si sta logorando, in questa fase è spesso difficile uscire da questi aspetti disfunzionali, perché quando li si vive, si perde l’obiettività che potrebbe aiutare a superarli.

Non è semplice capire se la relazione d’amore che si sta vivendo, ha degli aspetti disfunzionali perché spesso si tende a instaurare le relazioni seguendo inconsapevolmente il modello relazionale che si è acquisito vivendo a contatto con le prime figure di riferimento affettivo, ovvero se si cresce in una famiglia dove un genitore è violento verso l’altro, i figli una volta cresciuti tenderanno a riproporre nella loro coppia il modello di violenza acquisito nella propria famiglia d’origine, oppure se i genitori hanno tra loro un rapporto simbiotico, per i figli sarà normale instaurare una relazione di coppia con caratteristiche simbiotiche, etc..

Naturalmente, poiché le variabili che si incontrano nel proprio percorso di vita, sono numerose, non è detto che il modello genitoriale, sarà l’unico ad esser seguito, e che questo diventerà necessariamente disfunzionale.


Per capire se una relazione ha i presupposti per definirsi è sana, devono essere presenti i seguenti parametri:

- L’apertura verso l’altro deve avvenire in modo lento e graduale, rivelando di se aspetti maggiormente positivi che negativi e esprimendo pian piano e con sincerità le emozioni e l’affetto.

- La vicinanza all’altro si crea in modo progressivo, incrementando gradualmente il tempo da trascorrere insieme, così da poter costruire una maggiore familiarità.

- Le dimostrazioni di amore, empatia e affetto, vanno esternate in modo coerente rispetto allo stadio della relazione in corso.

- L’impegno da dedicare al rapporto e la fiducia da accordare all’altro, si decidono insieme e gradualmente e attraverso una costante negoziazione.

- La presenza di interessi sia comuni che individuali, è molto importante perché permette alla coppia sia la condivisione di esperienze comuni, che lo scambio delle proprie esperienze individuali, considerate elemento di novità e ricchezza per la coppia.

- La compatibilità nella coppia si raggiunge attraverso una graduare inter-penetrazione delle attività, la negoziazione e il rispetto dei valori, anche se non sempre condivisi.

- Il contatto fisico deve avvenire in modo naturale e positivo, sviluppando progressivamente una intimità e sessualità che portano al benessere, e favorendo rituali di interazione e sincronicità nei comportamenti.

- La salvaguardia di una autonomia individuale, anche quando si sta in coppia, è molto importante perché permette che ogni persona possa portare fuori il meglio dell’altra e che possa aiutarla a raggiungere degli obiettivi individuali non relativi al rapporto.

- L’esperienza del conflitto è necessaria e deve poter avvenire con toni moderati e con una bassa frequenza, la sua funzione è quella di far evolvere la relazione verso una crescita, laddove questa può essersi bloccata.

- La comunicazione deve poter essere chiara e aperta, così che ognuno si senta capito e libero di esprimersi senza remore.


Quando ci si discosta sia per eccesso che per difetto da questi parametri, si possono creare delle relazioni disfunzionali, dove il malcontento di almeno uno dei due, se non di entrambi è frequente. In questi casi, prima di arrivare a situazioni estreme di conflitto e malessere, si può chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta che può aiutare la coppia a trovare nuove modalità più funzionali che la aiutino a capire se e come poter continuare a stare insieme.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Domande e risposte

È normale non avere desiderio sessuale a 31 anni?

Salve, sono Antonia, 31 anni, sposata da 10 anni e con 2 figli di 10 e 4 anni. Da circa 4 mesi non ...

3 risposte
Mancata voglia di avvicinarsi al sesso

Salve ho 32 anni, sto insieme al mio compagno da 8 anni. All' inizio era tutto bellissimo, c'era ...

11 risposte
COME COMPORTARSI CON UN DIPENDENTE DA COCAINA?

Buongiorno, ho 25 anni e sono fidanzata con un ragazzo da 9 anni, convivente da 3. E' cresciuto in ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.