Problemi di coppia

Siamo entrami attratti ma tra noi ancora non è successo niente

antonietta

Condividi su:

Sono sposata da 16 anni, ho due splendidi figli di 12 e 9,amo o meglio voglio bene a mio marito, lui stravede per me.Da 5 mesi sul lavoro ho conosciuto un uomo di 46 anni, (io ne ho 43,) non è ne sposato e ne fidanzato.Siamo entrami attratti ma tra noi ancora non è successo niente, solo sms e qualche telefonata dove ci diciamo che è assurdo avere una potenziale stori.Lui è pazzo di me ed io lo penso continuamente,sto facendo come la signora Amneris. Cosa devo fare? Non ho mai tradito mio marito ed ho sempre condannato le mogli che lo hanno fatto. Come mi è potuto succedere questo? Io credo di amare quest'uomo tanto, perchè di lui mi piace tutto, ma mi dispiace di mio marito perchè non merita questo. Vi prego ditemi qualcosa.

10 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Dott. Giulio Grecchi Monza e Brianza (MB)

Gentilissima Antonietta Non mi meraviglia assolutamente quanto lei sta provando per l'uomo che ha conosciuto con il quale si trova come in una potenziale storia. Lei è una donna viva nel senso vero del termine e pertanto ciò che vive e prova, rispecchia verosimilmente il suo stato di bisogno, o di desiderio. Credo anche che questo suo sentimento chieda di essere accolto, ascoltato e forse anche sperimentato all'interno di una relazione sincera e rispettosa per entrambi. Penso che proprio a partire da questo stato, potra valutare se e come affrontare quanto con la sua famiglia. Le auguro di stare molto bene

Dott. Matteo Fattore Piacenza (PC)

Suo marito non si merita questo! E lei se lo merita? Si merita di ritrovarsi a vivere una storia di sesso con un uomo che non potrà che darvi ulteriori problemi a un rapporto che forse ha bisogno di essere un pò rafforzato? Vuole un consiglio? Abbia il coraggio di parlarne a suo marito e probabilmente l'amore che vi unisce la saprà aiutare in quella che è oggi una piccola debolezza! L'amore è una cosa seria; non fatta solo di attrazione fisica ma soprattutto costruita giorno per giorno da sacrifici e combattimenti che si esercitano anche contro la nostra umanità che spesso ci spinge là dove non sarebbe giusto andare per amore di chi abbiamo sposato e dei magnifici frutti, i figli che il nostro matrimonio ci ha dato. E poi magari insieme marito e moglie cercatevi un bravo psicologo che vi possa aiutare ad affrontare quei problemi che vi hanno portato a vivere questi momenti difficili. Tanti cari auguri.

Dott.ssa Gloria Monti Forli Cesena (FC)

Buongiorno Antonietta, non si può certamente continuare a stare con una persona perchè non merita un abbandono. Un rapporto d'amore tale deve essere e non un sacrificio. Si chieda come mai lei si sia invaghita così tanto di un altro uomo e cerchi di comprendere davvero quello che sta alla base di tutto ciò. Si faccia magari aiutare da uno psicoterapeuta che l'aiuti prima di fare un passo così importante e decisivo; poi, se dovesse scoprire che davvero non è più innamorata di suo marito, non continui a proteggerlo, non gioverebbe nè a lei nè a lui. Saluti cordiali ed auguri
Salve Antonietta, da ciò che lei dice, mi sembra di intravedere una crisi nel suo rapporto matrimoniale, dipende da lei se decidere di abbandonarsi verso una nuova relazione o decidere di affrontare il problema con suo marito. Valuti bene, quale tra queste 2 ipotesi è quella più vicina a lei e alla sue esigenze. per capire meglio cosa le sta succedendo, può chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta a lei vicino, che può aiutarla a identificare l'origine del suo conflitto. Buon tutto,
Cara Antonietta, sono convinta che lei voglia bene a suo marito e che la sua famiglia sia molto importante. Mi chiedo veramente se tra lei e il suo collega di lavoro vi è solo attrazione fisica o come dice “ lo amo”. Succede e può succedere a tutti nel corso della vita! Pertanto le consiglio di comprendere meglio cosa prova per il suo collega anche mediante la frequentazione. Probabilmente questo collega possiede aspetti e qualità che la fanno stare bene e la valorizzano come donna. Allora, cerchi di capire fino in fondo le differenze tra i due uomini e per qualche istanti lasci perdere la vergogna, l’incredulità e il dispiacere ma pensi a se stessa. Poi accetti di amare e di essere amata. Cordiali saluti
Cara Antonietta, dalle sue parole emerge il momento di confusione che sta vivendo che coinvolge sè, la sua identità di donna, la sua coppia e l'attrazione per quest'uomo. Una coppia, un legame, un amore non crescono da soli: hanno bisogno di cure e attenzioni costanti. Sarebbe importante per lei fare chiarezza rispetto a quello che prova ora per suo marito mettendo a fuoco quale fase sta vivendo la vostra coppia ora. Anche rispetto all'attrazione che prova quest'uomo è importante che lei s'interroghi e vada a fondo: spesso proprio quello che manca all'interno della nostra coppia ci colpisce al di fuori; il rischio che corriamo concentrandoci sul "fuori" è quello di vedere nell'altro solo quello che ci manca senza guardarlo nella sua totalità (con pregi e difetti) perdendo di vista quello di buono, bello e prezioso che c'è nella nostra relazione. La invito pertanto a rivolgersi ad un collega della zona per fare chiarezza e affrontare al meglio questo delicato momento della sua vita. Un caro saluto,
Buon giorno Antonietta,dopo 16 anni di matrimonio capita a tante persone di innamorarsi: la routine, le difficoltà della vita matrimoniale, le responsabilità che ogni giorno vanno affrontate anche avendo 2 figli... non vergognarti per quello che ti sta succedendo. Cosa fare? nessuno, secondo me, può scegliere al posto tuo: c'è chi vuole vivere in modo intenso le emozioni che prova, "buttandosi" nella nuova storia, che indubbiamente sembra più stimolnte rispetto al matrimonio, visto che rappresenta la novità e sei nella fase dell'innamoramento, dove tutto è più bello e le emozioni sono amplificate, e c'è chi invece ha sempre ben presente d'avere fatto una promessa e di essersi preso un impegno per la vita sposandosi, e decide così di lasciar perdere la relazione che sta nascendo... Magari prova a rinvigorire il rapporto con tuo marito: fate una piccola vacanza, uscite a cena, provate a fare ancora gli innamorati... è fondamentale nutrire la propria relazione, non dare nulla per scontato, parlare molto con tuo marito, occuparti di lui e lui di te, altrimenti si rischia davvero di essere sommersi solo dai problemi e dalle responsabilità e non godere delle cose belle che la coppia ha al suo interno. Buona fortuna!!
Antonietta, rispondo prima alla Sua domanda: “come è potuto succedere questo?”. Di solito la nostra sfera emotiva ci coinvolge in maniera quasi totalitaria e - la sua forza - raramente ci offre la possibilità di razionalizzare l’evento che ci sta accadendo. Possiamo usare il vecchio aforisma “ le ragioni del cuore non sono connesse con la ragione”!! L’emotività è l’espressione di nostre forti sensazioni (innamoramento, passioni, fede, valori etc.) che spesso sono di breve durata e di non facile gestione poiché non siamo educati a farlo. Per quanto riguarda l’innamoramento questo tipo di emozione, con il tempo, dovrebbe evolversi in una relazione meno passionale ma più concreta e costruttiva composta da altri tipi di sensazioni e di valori (stima, fiducia, lealtà, sicurezze reciproche e voglia di costruire insieme). Lei attualmente sta provando delle sensazioni che forse era molto tempo che non viveva e che da un lato Le creano momenti di notevoli e piacevoli emozioni ma anche molte incertezze ed ansia per un futuro alternativo. Antonietta, solo Lei, può capire quanto e come l’ attrazione e la passione che sta vivendo per l’Altra Persona possono essere così forti ed importanti da mettere in discussione la Sua attuale esistenza e menage familiare (di cui mi sembra piuttosto soddisfatta!!). Se questo tipo di autoanalisi non riesce a farlo - prima di prendere decisioni pericolose e/o definitive - Le consiglio di consultare uno psicologo con il quale potrà approfondire i Suoi conflitti interiori ed inoltre comprendere ed elaborare il Suo apparato emozionale per riuscire a gestirlo in maniera più adeguata alle Sue esigenze. La saluto cordialmente.
Cara Antonietta, ami o non ami tuo marito? Credo che il punto sia questo, se tu ami tuo marito, i tuoi figli e la tua famiglia, questo dovrebbe bastarti per fare la scelta giusta, ovvero rinunciare alle emozioni che la novità di una storia appena nata potrebbe regalarti. Forse è proprio questo che hai trovato, cedendo alla noia quotidiana e alle abitudini e non riuscendo più a sperimentare piacere in queste. Non rimproverarti, dei piccoli deragliamenti possono capitare a chiunque, soprattutto se sei stata una super mamma e una super moglie fino ad oggi. Tuttavia perchè buttare via tanto lavoro? Rifletti molto attentamente su quello che sta accadendo, e cerca di fare chiarezza in te stessa, anche perchè tuo marito si merita una donna che lo ami, non che stia con lui per compassione. Valuta bene i tuoi sentimenti, la scelta è solo tua e, per il bene dei tuoi ragazzi, cerca di fare quella più adatta a te, che automaticamente sarà quella anche più adatta per loro, fermo restando che il tuo amore nei loro confronti non potrà essere scalfito da nulla. In bocca al lupo!
Buongiorno signora, che dirle? Nella vita accadono tante cose,e non di rado alla fine ci ritroviamo proprio nella posizione di coloro che abbiamo precedentemente assai criticato! Comprendo che la situazione sia per lei assai difficile da gestire, anche se non è poi così assurdo sentirsi attratti da qualcuno che non sia il proprio marito. Le posso solo augurare di fare la scelta migliore per lei. Davvero non saprei dirle altro. In bocca al lupo

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

È normale non avere desiderio sessuale a 31 anni?

Salve, sono Antonia, 31 anni, sposata da 10 anni e con 2 figli di 10 e 4 anni. Da circa 4 mesi non ...

5 risposte
Mancata voglia di avvicinarsi al sesso

Salve ho 32 anni, sto insieme al mio compagno da 8 anni. All' inizio era tutto bellissimo, c'era ...

11 risposte
COME COMPORTARSI CON UN DIPENDENTE DA COCAINA?

Buongiorno, ho 25 anni e sono fidanzata con un ragazzo da 9 anni, convivente da 3. E' cresciuto in ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.