Problemi di violenza

Simona

Salve,
Sono fidanzata da dieci mesi e siamo entrambi innamorati follemente l’uno dell’altra. Progettiamo sempre un futuro insieme, nonostante la tenera età e la breve durata della nostra relazione. Purtroppo però siamo entrambi difficili e ci scontriamo quotidianamente. Da quattro mesi di tanto in tanto le nostre liti sfociano in qualcosa di più grave. Stasera l’ennesima discussione ci ha portato a prenderci a botte. L’ho sempre accusato di essere violento, ma mi sto rendendo conto di esser molto violenta e provocatrice a mia volta. Non riesco a gestire la situazione e vorrei qualche dritta su come comportarmi.

4 risposte degli esperti per questa domanda

Cara Simona, sei molto giovane ma hai già la maturità per renderti conto da te che non è questa la strada giusta per stabilire una relazione che duri nel tempo. Mi chiedo quanti anni abbia il tuo fidanzato e se anche lui abbia ben chiaro che non è possibile continuare su queste basi. Quando due persone non riescono a tenere a bada le mani vuol dire che non riescono a padroneggiare emozioni e sentimenti. 

Consiglio a tutti e due di consultare uno/una psicologo/a per chiarirci le idee. Anche un semplice colloqui potrebbe essere utile. 

Chiedete un appuntamento al vostro Consultorio familiare, a seconda della zona in cui tu o lui abitate, o al servizio di Psicologia clinica (Piazza Nazionale) o al Centro per le famiglie, dentro l’Annunziata. 

Buongiorno Simona,

mi sembra molto importante che lei riesca a riconoscere la sua aggressività e che abbia individuato come problematica la dinamica relazionale di coppia.

Se il suo compagno è  altrettanto lucido credo potrebbe esservi utile sostenere qualche colloquio di coppia per elaborare i motivi che vi portano a manifestare in modo aggressivo i vostri vissuti. Qualora, invece, non lo ritenesse opportuno le consiglio di chiedere un consulto psicologico individuale per provare a comprendere meglio le dinamiche in atto e possibili alternativi modi di vivere la coppia.

In entrambi i casi, se lo preferisce, potrei aiutarla. 

Intanto le auguro buon anno.

Salve Simona,

questa mail è già un freno a ciò che la vostra relazione potrebbe diventare perchè la violenza è sempre accompagnata dall'illusione che questa (cosi come le sue conseguenze) si possa controllare quando invece non è così. I comportamenti aggressivi possono facilmente sfociare in conseguenze fisiche gravi ma anche psichiche. Quando si supera un paletto di ciò che è tollerabile, l'asticella si alza, facendo diventare per entrambi sempre più accettato ciò che non dovrebbe esserlo. Ci vuole uno stop. 

Un consiglio può essere quello di individuare i tasti che fanno scattare la reazione violenta e fermarsi molto prima. Altro consiglio è quello di trovare un aiuto psicologico che possa aiutare a comprendere ciò che accade e perchè al fine di vivere una relazione sana, libera, e senza pericoli.

Cordiali saluti

 

Ciao Simona

La tua domanda mi lascia perplessa.... lui sa di questa mail che hai inviato? Ritenete entrambi che sia un problema di coppia? ... è necessario avere queste informazioni per contestualizzare meglio la domanda di aiuto.
Tu hai 19 anni... e lui quanti anni ha? A chi dei due è già capitato di avere problemi di violenza in coppia?
Quando è nato il primo scontro e perché ?
Queste sono argomenti necessari da affrontare per poter avviare un percorso di risoluzione del problema che potrebbe nascondere altro. Comunque non dovete dimenticare che la violenza è un grave allarme e che la natura ha stabilito una differente forza fisica tra uomo e donna tali da mettere sempre più in pericolo le donne.