Autostima

Con l’attività fisica puoi piacerti di più, potenzia la tua autostima

contattami

Condividi su:

E’ noto come l’attività fisica contribuisca  a migliorare il benessere della persona agendo non solo su aspetti fisici, ma anche su quelli cognitivi, emozionali e sociali, contribuendo complessivamente nel potenziare l’auto-stima.

L’autostima è la valutazione che la persona ha di sé ed è strettamente collegata a quanto si crede di possedere rispetto ad abilità, capacità, a rapporti sociali, al conseguire risultati.

Oltre che dovuta a fattori interni, come la visione soggettiva che la persona ha della realtà e di sé stessa, l’autostima,  dipende anche da fattori esterni, come i successi ottenuti e  la qualità dei “messaggi” che riceviamo dalle altre persone con le quali entriamo in contatto.

E’ come se gli altri agissero da specchio, fornendoci la visione di come loro ci vedono e valutano.

Se è vero che si è influenzati da ciò che gli altri pensano di noi, accade anche l’inverso e che gli altri sono influenzati dal giudizio che noi abbiamo su di noi. In pratica ci vedono come noi ci vediamo. Pertanto per trasmettere un giudizio positivo di noi e piacere agli altri bisogna innanzitutto piacere a noi stessi.

Alcuni suggerimenti per contribuire a piacersi:

partire dalla consapevolezza di ciò che si è,  non è negando che troviamo risposte diverse al nostro disagio. Ad esempio: se il mio corpo non mi piace non è facendo finta che tutto vada bene che risolvo.  Provare, invece, ad accettarlo, smettendo di fargli la guerra e rivolgendo a lui pensieri positivi, considerando quanto ci permetta di fare, di muoverci, di entrare in contatto, con questo atteggiamento benevolo sarà possibile trovare modalità nuove per migliorarlo. Pensate al solo vantaggio che può derivare dal dedicarsi ogni giorno 30 minuti di attività fisica, anche la semplice camminata da soli ponendo attenzione a quanto ci circonda o in compagnia;

porsi obiettivi ragionevoli per sé, saper riconoscere cosa è per perseguibile da ciò che non lo è. Stabilire una meta poco compatibile con le nostre reali possibilità contribuisce a minare l’autostima. Alle volte basta saper rinviare a tempi successivi a quando si avranno altre abilità per riuscire meglio;

non attribuirsi  colpa esclusiva quando non si raggiungono i risultati, generalmente dipendono sia da aspetti interni che ci appartengono che da variabili esterne a noi come la volontà, disponibilità degli altri, il contesto che agiscono ostacolando e rallentando;

avere un giudizio troppo severo e critico verso sé non aiuta, anche i fallimenti forniscono informazioni utili nel potenziare le abilità;

ridimensionare il significato attribuito agli insuccessi,  non riuscire non vuol dire necessariamente che si è degli incapaci o che si vale poco, ma sapere che possediamo sia dei punti di forza che di debolezza ed entrambi  aiutano nel realizzarsi.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Domande e risposte

Paura di ricevere

Salve, ho 24 anni e la mia vita è abbastanza movimentata: sono cresciuta con un gruppo di ...

5 risposte
Ho paura di me stessa e del mio futuro

Non so cosa mi capita. Sempre più spesso penso al suicidio, anche se non voglio morire, vorre ...

6 risposte
RIFIUTO AD USCIRE

Buongiorno, ho un figlio di 16 anni che si rifiuta ad uscire e preferisce giocare con la playstatio ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.