Autostima

Imparare a dire NO

27 Maggio 2019

contattami

Condividi su:

Se abbiamo paura di rifiutare le richieste altrui la nostra vita può complicarsi alquanto, ci ritroviamo a fare cose, che non vogliamo, in genere frustrati ed arrabbiati con noi stessi e/o con l’esterno. Questo articolo può aiutare chi teme di dire dei NO per non compromettere le relazioni di vario genere: amicali, sentimentali, familiari, lavorative.

Innanzitutto i contesti di vita ci portano naturalmente a porre dei confini e a declinare domande e richieste, in alcune situazioni i NO vanno motivati, in particolare nei rapporti continuativi, dove ha senso preservare una buona relazione, in altre oltre ad essere una perdita di tempo diventa anche superfluo: Es. al telefono di fronte ad una proposta commerciale, che non interessi, di un call center; quando un estraneo, che non ci aggrada, ci corteggia invitandoci ad uscire o chiedendoci il numero di telefono o che ci pone domande indiscrete.

Per chi ha difficoltà a rifiutare lo è soprattutto davanti alle richieste di persone con cui si ha relazioni strette e/o gerarchiche, paventando gravi conseguenze per sé, paradossalmente il circolo vizioso che si innesca assecondando l’altro può essere pericoloso sul lungo periodo per le buone relazioni con l’altro: aumentando le pretese ed attese esterne verso di noi e nel contempo il nostro risentimento di subire, mettendoci a rischio di esplosioni emotive improvvise, che appaiono poi immotivate ed eccessive all’interlocutore.

L’origine del comportamento di chi compiace l’altro è la bassa autostima, che spinge a prodigarsi e a non contraddire l’esterno, come se fossimo dei debitori nei legami e dovessimo impegnarci a meritare l’attenzione, la considerazione, l’amicizia, l’amore. Innanzitutto occorre lavorare su questo aspetto, sul valore personale, accompagnati da uno psicologo psicoterapeuta prima di passare a sperimentare gradualmente comportamenti assertivi (esprimere chiaramente la propria volontà rispettando l’altro), tra cui dire liberamente dei NO. In alcuni casi si ha difficoltà ad individuare i propri bisogni, gusti ed obiettivi, essendo abituati a conformarsi all’esterno, allora diventa fondamentale scoprire chi siamo, cosa ci piace e cosa non ci piace, cosa vogliamo e cosa non vogliamo.

Quando a piccoli passi iniziamo a dire dei no e a motivarli chiaramente, scopriamo che aumentano parallelamente la sicurezza in noi stessi e il riconoscimento da parte dell’esterno. Diventa un meccanismo virtuoso dove il manifestare il proprio pensiero/sentire si collega al rispetto dell’interlocutore. La nostra esperienza ci insegna che i SI forzati, che poi diventano dei NO, con motivazioni non autentiche provoca reazioni negative nell’altro che si sente ingannato o preso in giro.

Per concludere “C'è chi dice no” e conserva relazioni esterne positive e si sente in pace con se stesso, importante è iniziare a dire NO senza aggredire ed offendere l’interlocutore.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Autostima"?

Domande e risposte

Genitore possessivo all'università

Buonasera, gentili psicologi. Nel parlarvi del mio problema, comincio raccontandovi un aneddoto ...

2 risposte
Insicurezza e paura del confronto

Buongiorno a tutti. Sono una ragazza di 22 anni. Sto affrontando un periodo difficile e da poco ho ...

1 risposta
Come uscire al più presto da un blocco universitario?

Salve, sono una ragazza di 22 anni e sono all'inizio del mio primo anno fuori corso. Sono sempre ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.