Bulimia

Soffro di disturbi alimentari da tanti anni

Valentina

Condividi su:

Soffro di disturbi alimentari da tanti anni, ho da poco subito un lutto e sono perennemente in preda ad una fame nervosa che mi porta ad abbuffarmi per poi eliminare il tutto tramite induzione. Sto attraversando un periodo di crisi anche con il mio ragazzo e non trovo vie di uscita. Ho perso la curiosità che mi spronava ad agire, mi sento vuota e non mi attira più niente. L'unico pensiero al quale mi appiglio è il cibo, un pensiero che mi assilla 24 h su 24. Penso di trovare conforto nel cibo ma dopo mi sento peggio di prima perché provo ribrezzo per quello che ho fatto a me stessa e non riesco nemmeno a poggiare lo sguardo sul mio corpo. Sono un involucro senza un'anima. Ogni giorno ripeto che andrà meglio ma non riesco a muovermi e quindi ritorno al punto di partenza. Ho messo in pausa la mia vita e non capisco cosa ho intenzione di fare. Esiste un modo per superare questa bulimia nervosa? Grazie per l'attenzione

17 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno  Valentina, la risposta alla sua domanda è si. In Umbria esiste un centro pubblico per la cura dei dca. Per avere informazioni basta cercare su google "Palazzo francisci" troverà tutte le informazioni che le servono. Per il resto in attesa di muoversi provi ad intraprendere un percorso di psicoterapia abbinato ad uno nutrizionale. Cordiali saluti 

Buongiorno Valentina..la tua richiesta d aiuto è già un inizio di cambiamento per fare si che ogni giorno non sia la copia del precedente fatto di buone intenzioni e immediati fallimenti

i disturbi alimentari al contrario dei luoghi comuni non sono legati all aspetto fisico e ai modelli che i media ci propinano anche per pubblicizzare una scopa..sono molto legati alla crescita

dovrei saperne di più...se ti era già capitato magari quando hai fatto la maturità o in un altro periodo..

La perdita di cui scrivi anche se non è chiaro chi sia immagino una persona a te molto vicina..al di là della sofferenza del dolore e della mancanza ci sono perdite che mettono in discussione i nostri ruoli le nostre competenze..ci sono assenze che ci mettono in condizione di salire sul palco e non essere più nelle quinte..

Ti consiglio la psicoterapia per supearare questo loop in cui sei imprigionata per risolvere il tuo problema alimentare e soprattutto per sbrogliare dei nodi un po più antichi..

io faccio studio a Napoli, la prima consulenza è gratuita può sembrare venale ma la terapia è un viaggio bisogna fare un primo passo..e il monitor non è di aiuto..

Ti saluto tienimi aggiornata.

Salve Valentina mi dispiace per il suo periodo negativo. Dovrebbe sicuramente ricorrere ad una consulenza psicologica ed elaborare un programma per uscire da questo blocco della sua vita. I lutti hanno una fase di elaborazione che è necessaria al loro parziale o totale superamento, quindi probabilmente il suo malessere di adesso è collegabile ad una normale fase depressiva dopo una perdita o un lutto. Però è anche vero che lei già soffriva di disturbi alimentare e quindi è un'aspetto di cui deve prendersi cura. provi a visitare il sito di coaching e dipendenze, potrà acquisire informazioni sulle dipendenze alimentari. Ovviamente se lei avesse una diagnosi di disturbo alimentare deve rivolgersi ad un centro specialistico. A Napoli esistono vari centri specialistici tra cui

Centro ADA – FIDA Napoli

Contatti: Via Alessandro Manzoni, 26b – 80123 – Napoli (NA) 081.7146362

oltre alla SISDCA alla Federico II

 
Sede:

Dipartimento di Salute Mentale  ASL NA 1 - via Adriano 16  80126 Napoli  tel. 081/2548587

Dott. Andrea Caso Napoli (NA)

Ciao Valentina,

come nella maggior parte dei problemi di dipendenza, il comportamento alimentare fa in modo che tu possa dedicarti totalmente al tuo corpo, al cibo e come scrivi "dimenticandosi dell'anima.

Per iniziare a risollevarti c'è qualcosa che puoi fare ma hai bisogno di molta volontà. 

Inizia a regolare la tua alimentazione e quando il bisogno forte, capriccioso di mangiare arriva, cerca di dare spazio alla tua anima, cerca di spostare la tua attenzione dalla fame alla tua vita a quello che è il tuo "nervoso". Questo può costare sofferenza, prova a farlo con qualcuno magari, in modo da avere un aiuto in più. In questa fase serve forza.

La dipendenza alimentare è segnale di un grande disagio psicologico, se vuoi affrontare la realtà esterna ed interna inizia a contenerti e inizierai anche ad intravedere il tuo malessere dell'anima.

La realtà può costare qualche dolore, ma la finzione una continua sofferenza. 

La tua avventura può iniziare così.

 

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve da quanto lei racconta e rispondendo alla sua domanda esiste un modo per affrontare e superare la bulimia nervosa, si rivolga ad un collega della sua città ed incominci un periodo di terapia privata durante il quale troverà modo e tecniche per gestire e prevenire gli attacchi di fame o le astensioni dal cibo. Oppure può rivolgersi a centri specifici per i disturbi alimentari nella sua città, dove potrà informarsi sui servizi ed i percorsi che offrono e seguire quello per lei più adatto. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Dott.ssa Erica Carbone Salerno (SA)

Salve sono la dott.ssa Carbone. Ho letto la sua richiesta d'aiuto e mi sento d'incoraggiarla. Nella descrizione di sé leggo una buona consapevolezza. Questo significa che con un po' d'aiuto lei potrà tranquillamente uscire da questo brutto momento. Lo scopo delle terapie è, infatti raggiungere un buon livello di consapevolezza della propria condizione per poi lavorarci allo scopo di affrontare le proprie difficoltà maggiore serenità. Metà del lavoro è già stato fatto. Non perda l'occasione di stare meglio. Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento. Chiedo scusa se dovesse trovare errori sintattici ma le scrivo dal mio Smartphone e non ho la possibilità di rileggere quanto espresso. In bocca al lupo

Dott. Gennaro Fiore Salerno (SA)

Gentile Valentina,

il recente lutto e la crisi nel rapporto col suo ragazzo hanno probabilmente riacutizzato il suo DCA che è un disturbo ad andamento cronico con possibili fasi a volte anche lunghe di remissione.Se lei non ha mai intrapreso un percorso di psicoterapia questo potrebbe essere il momento in cui decidersi.Occorrerebbe avere informazioni più dettagliate riguardo alla frequenza e modalità delle abbuffate seguite dalle condotte di eliminazione per valutare la opportunità di associare un supporto farmacologico per alcuni mesi.La terapia consigliata è quella cognitivo-comportamentale che la potrà rendere più consapevole delle emozioni associate alle crisi bulimiche e delle indicazioni comportamentali da mettere in atto per contrastare queste condotte osservando inoltre un corretto regime dietetico. Il trattamento di questa patologia non è semplice ed offre quasi la stessa difficoltà del trattamento di una tossicodipendenza ma ce la si può fare ed il primo passo deve farlo lei affidandosi ad un bravo psicoterapeuta.

Cordiali saluti.

Gent.Le Valentina 

Mi ha molto colpito la sua frase: " ho messo in pausa la mia vita " perchè credo esprima molto precisamente quello che i DCA provocano e fanno sentire, cioè un blocco, un impasse dal quale sembra non si possa uscire.I disturbi alimentari, nel suo caso sembra una bulimia con condotte di eliminazione, si possono affrontare e curare anche se, specie se persistono da tempo non si risolvono da un giorno all'altro e cosa fondamentale prevedono l'intervento congiunto di psicoterapeuta e medico/nutrizionista. Solo con un buon lavoro di equipe e con la giusta motivazione da parte del paziente se ne può venirne a capo.

Inoltre il momento di vita che lei sta vivendo ( recente lutto e crisi con il suo ragazzo), sembra trovare come unica modalità di soluzione proprio il cibo, che probabilmente serve a distogliere la sua mente da pensieri molto dolorosi, creando così un circolo vizioso.

Le consiglio vivamente di cominciare quanto prima una terapia mirata per migliorare significativamente la sua qualità di vita.

Cara Valentina,

non le sono servite molte parole o informazioni per farmi arrivare tutto il suo dolore, il suo vissuto di impotenza e l'immobilità attuale della sua vita. La bulimia è una via di fuga, come tante altre, da ciò che nella vita ci sembra troppo complicato e difficile da gestire o accettare. Come lei saprà benissimo, più che una via di fuga, col passare del tempo, diventa un vortice capace di fagocitare tutto e il rischio è quello di perdersi e di non sapere davvero da dove ricominciare per riprendere in mano il controllo della situazione.

In questa sua richiesta d'aiuto si può leggere forte anche il desiderio di rimettere in moto questa sua vita "in pausa"... bene questo è un primo importantissimo passo, ma non basta. In certi casi è davvero importante chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta che potrà aiutarla a metter ordine nelle sue relazioni e a rimetter ogni tassello al proprio posto. Vedrà che presto ritornerà forte il desiderio di vivere pienamente... niente più "via di fuga", ma solo voglia di ripartire da sè!

Cordiali saluti.

Salve ho letto con attenzione e profonda empatia la sua mail e credo che non debba sottovalutare il suo problema e incominciare al più presto un percorso di psicoterapia.

Non si senta in colpa, non provi ribrezzo per se stessa.

I disturbi alimentari nascondono una mancata percezione del proprio corpo e difficoltà ad ascoltare i propri bisogni primari, ma è molto difficile,se non impossibile, che se ne esca da soli

Dovrebbe provare a fare piuttosto un'atto d'amore verso se stessa, cercando di ritrovare se stessa e la propria anima.

Accetti di avere un problema che va al di la del suo controllo e dei suoi sforzi per cercare di evitarlo, chieda aiuto per poter superare questo problema che le causa cosi tanto dolore e sofferenza!

resto in attesa per ulteriori chiarmenti o domande.

Affettuosi saluti

Cara Valentina,

La problematica dei disturbi alimentari è un tema che incontro quasi quotidianamente. E' difficile da soli uscire da questo tunnel che sembra non avere mai una fine. Ha bisogno di farsi aiutare, contatti un terapeuta esperto di questi disturbi e si lasci aiutare vedrà che pian piano in fondo a quel tunnel comincerà a vedere la luce.

Resto a sua disposizione per qualsiasi chiarimento.

Saluti.

Cara Valentina, 

sento la sua sofferenza nelle sue parole. Allo stesso tempo penso che il primo passo per il cambiamento sia la consapevolezza. Da ciò che scrive, trapela una lucidità rispetto a ciò che la fa soffrire. Un piccolo sforzo in più, una spinta per cambiare direzione, per decidere di non "fare le stesse cose allo stesso modo di sempre". Il futuro è nelle sue mani e solo lei decide!!!! ​FORZA, CORAGGIO e tanto AMORE per lei.

Con Rispetto.

Dott. Antonio Raia Napoli (NA)

Gentile Valentina, 

ho letto la sua mail e trovo che la sua sia una vera e propria richiesta d'aiuto. Capisco che i disturbi alimentari a differenza delle altre condizioni psicopatologiche sembrano risolvibili con un pò di buona volontà. Purtroppo non è così. Capisco, inoltre, come un sintomo possa intensificarsi in condizioni particolarmente stressanti, come ad esempio un lutto, una separazione, ecc. Io le consiglierei di affrontare almeno un primo colloquio, dove si potrà concordare insieme il da farsi. Non esiti a chiedere altro. 

La saluto caramente 

Dott.ssa Simona Toto Napoli (NA)

Cara Valentina, credo che il lutto subìto e la crisi che sta vivendo con il suo ragazzo stiano facendo emergere delle difficoltà ben più profonde che già si manifestavano da anni, attraverso i disturbi alimentari cui fa riferimento. Sarebbe azzardato, per quanto mi riguarda, entrare in dettagli tecnici a partire dalle poche informazioni che ha scritto, perchè dovrei capire bene cosa effettivamente per lei è causa di sofferenza ed il perchè della sua sensibilità centrata sul corpo. Posso però dirle che, dopo tanto tempo, potrebbe essere arrivato il momento di prendersi cura del suo disagio, chiedendo ad uno specialista di accompagnarla in un percorso che la porti alla consapevolezza del suo modo di vivere emozioni e pensieri attraverso il corpo. Solo così potrà arrivare a far emergere l'anima, per riprendere le sue parole così giuste. Il contenuto dell'involucro, che lei oggi non percepisce, invece esiste, è prezioso, ma forse è soffocato da un modo poco funzionale, di pensare, di sentire e di fare. Tutto è possibile, a patto di volerlo. Resto a sua disposizione, non esiti a chiedere ancora oppure a contattarmi.  

Salve Valentina
non ha mai pensato di farsi seguire da uno specialista? Ci pensi, almeno adesso che sente di essere giunta come in un momento di stallo. Forse questo lutto ha smosso qualcosa dentro di lei, o forse la crisi con il ragazzo, non sappiamo bene come mai il suo disturbo sembra essersi acuito proprio ora, ma varrebbe la pena di fermarsi un attimo e di riflettere su ciò che le sta accadendo.

 

Gentile Valentina,

gli psicologi della Strategica Breve hanno messo a punto specifici ed efficaci protocolli per i disturbi alimentari, per cui potrebbe rivolgersi ad essi. Tali terapie riescono spesso a rompere l'abitudine compulsiva alle abbuffate  e di conseguenza il circolo di pensieri che la sostiene.

Sarà inoltre probabilmente utile cercare di risolvere i sentimenti di insoddisfazione derivanti dal periodo di crisi, chiarificare gli obiettivi di vita, superare i traumi ecc.  

Cordiali saluti

Dott. Stefano Iovino Napoli (NA)

Gentile Valentina, 

come non comprendere il suo dolore e la difficoltà estenuante che un sintomo come quello che ha descritto procura. 

Esiste sicuramente un modo per riportare tutto alla normalità, per cercare di sostituire quello che oggi rappresenta il cibo con ciò che invece è fisiologico e funzionale rispetto ad una vita che non necessiti di abbuffate e vomito.

Provi a richiedere l'aiuto di uno specialista, vedrà che troverà un sollievo a questo grande dolore.

In bocca al lupo.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Bulimia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Abbuffate continue e digiuni

Salve, sono una ragazzina di 15 anni e ho dei problemi col cibo. Premetto che è una storia un ...

5 risposte
Arrivo ad abbuffarmi perché tanto dopo vomito tutto

Ciao..sono una ragazza di 22 anni..sono alta 1.64 e fino a maggio 2015 pesavo più di 80 kg....

16 risposte
Questo incremento del peso ha destabilizzato tutti i miei schemi

Ciao a tutti. Mi chiamò chiara e ho 21 anni. Studio presso la facoltà di psicologia e ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.