Disturbi della personalità

E` narcisista o no?

Virginia

Condividi su:

Gentilissimi,

Vi scrivo per avere conferma o meno di ciò che penso, così da poter contattare uno specialista e potermi poi comportare di conseguenza.

Un anno fa ho conosciuto un ragazzo apparentemente sicuro di sé, pieno di voglia di fare, sorridente e brillante, oltre che bello ed acculturato. Un bellissimo e affascinante avvocato.

Appena conosciuto si è mostrato ammaliato da me, ricordo sorprese sul posto di lavoro, frasi che in realtà mi hanno accompagnata per tutto l'anno, come `sei stupenda, ragazze come te non ne esistono`, dopo due mesi `io ti amo, stai diventando il mio punto di riferimento e questo non va bene perché io dipendo solo da me stesso. Essendo anche io una bella ragazza ha quindi fin dall'inizio provato una forte attrazione fisica, ma la cosa bella di lui è stata il rispettarmi sempre, anche a livello sessuale, infatti, il primo approccio lo abbiamo avuto dopo 2 mesi e mezzo e sono stata io a volerlo, non lui. N. anche se era obiettivamente attratto, ha sempre rispettato ciò che dicevo e pensavo.

Se qualcuna gli scriveva, se gli arrivava un sms, oltre a comunicarmelo lasciava il telefono lì in modo che potessi leggere e vedere, insomma, è sempre stato sincero.

Dopo 3 mesi però abbiamo iniziato a discutere e lui ha cominciato con i suoi tira e molla: pensava sempre di avere ragione, faceva di ogni cosa una tragedia, riusciva ad ascoltare il mio punto di vista e a volte anche a darmi ragione, ma solo in casi palesi, quando cercavo di recuperare nelle litigate, se lui era davvero arrabbiato, mi faceva stare ancora peggio, dicendo frasi cattive come `non avrei mai voluto conoscerti` oppure `mi stai rovinando la vita`, per poi passare a `sei l'unica gioia della mia vita`. Nonostante ciò, non ha mai toccato il mio aspetto fisico e nemmeno ha mai provato a denigrarmi come persona, se non una volta dicendomi di essere un lupo travestito da agnello per un motivo futile, generalmente mi ha sempre detto di essere troppo per lui.

Ho capito ci fosse qualcosa di strano in lui, allora parlandogliene, è uscito fuori il fatto che lui è consapevole di essere un pochino narcisista e lo si vede dalla ricerca costante di avere conferme altrui, dal non accettare spesso le critiche, dal dirsi sempre `io sono il migliore`, dal sogno di fama e notorietà che ha, dal non rendersi conto del male che provoca alle altre persone. Infatti, ha ammesso di essere un ragazzo profondamente insicuro di sé, insoddisfatto, l'unica costanza che ha nella vita riguarda la sua professione, ma sia in amicizia che in amore spesso è sfuggente, altalenante. Con me si è aperto più volte, ma con gli amici fa difficoltà perché dice di essere `riservato`.

Inizialmente lui mi lasciava e lui tornava perché vedeva freddezza da parte mia e distacco, a differenza sua che era molto affettuoso, ultimamente, essendomi innamorata, lui mi lasciava e io dopo un po` tornavo con delle scuse che lui ha sempre accolto. Da ciò che dice e da ciò che dimostra credo sia innamorato davvero anche se è profondamente egocentrico.
L'ultima volta, dopo un mese di stacco, appena ritornato mi ha confessato di essere andato a letto con due ragazze, voleva occupare il vuoto e la mancanza, per quello parlo di sincerità, tanto io avrei potuto non saperlo mai, eppure me l'ha detto.

Nell'ultimo mese invece è successa una cosa che ci ha allontanati: io sono rimasta incinta, ma ho avuto un aborto spontaneo, lui mi è stato vicino tanto anche se fondamentalmente non sa affrontare né gestire situazioni difficoltose, ha bisogno sempre della spinta di qualcuno che gli dia i giusti suggerimenti. Però c è stato, si è preso le sue responsabilità e non è scappato, peccato che una volta risolto il tutto si è allontanato di nuovo da me, perché a me collega questo evento spiacevole che l'ha fatto star male e siccome da quando gli è successo questo soffre di attacchi di panico, ha deciso di cancellarmi come se questo servisse a cancellare anche l`intero ricordo.

La mia domanda è: io sono lucida mentalmente, anche se innamorata, ma ormai è da 10 giorni che abbiamo staccato ogni contatto e non ho nessuna intenzione di cercarlo, però, questa è una forma di narcisismo? O ha dei tratti che però non determinano essenzialmente la patologia?
Ultimamente ha detto di aver pensato di andare da uno psicologo per l'episodio che ci è successo che per lui è stato traumatico perché a suo dir lui trova sempre soluzioni in ogni cosa e invece in questo caso è stato obbligato ad aspettare, si sentiva impotente insomma. Quindi se posso spingerlo a iniziare una terapia lo faccio volentieri, non per me ma per lui perché ha solo 26 anni e quindi sono sicura possa fare un bel lavoro prima che possa entrare in un periodo ancora più critico.

Grazie.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Virginia,


Non è possibile valutare un aspetto così delicato della personalità attraverso un racconto fatto da terzi e senza un'adeguata valutazione psicodiagnostica che, in ogni caso, deve essere effettuata di persona. La motivazione ad intraprendere un percorso di conoscenza di sé deve essere spontaneo, altrimenti è difficile poter creare un'alleanza di lavoro e un cammino terapeuta-paziente soddisfacente. Se il suo ex fidanzato si riconosce nei tratti da lei descritti e desidera approfondire aspetti di sé mi può contattare.

Gentile Virginia non è possibile fare diagnosi che riguardino i disturbi di personalità tenendo esclusivamente conto delle sue considerazioni. Il trauma che lui ha subito è sicuramente importante e potrebbe essere lo spunto perchè accetti un aiuto psicologico che potrà sostenerlo nell'affrontare questo specifico problema ed anche superarlo. Poi in quella sede se dovessero emergere altre difficoltà correlate alla sua struttura di personalità sarà cura di chi se ne occupa gestirle. Mi permetto di esprimere una mia opinione in merito anche alla sua esperienza personale relativa al mettersi in gioco in questo rapporto. Lei come sta? Come si sente? Rispetto a se stessa intendo non esclusivamente in relazione a lui. Come sta elaborando la perdita? Mi perdoni se oso stimolarla ma credo che sia importante che anche lei rivolga lo sguardo verso di sè data la sua giovane età nella prospettiva di vivere una vita serena e consapevole. 

Buongiorno Virginia,


non si fanno diagnosi online. Tantomeno su terze persone. Se lei sente che andare dallo psicologo può servirle per conoscersi più a fondo e quindi per approfondire vissuti suoi personali (anche in relazione a questo legame con quest'uomo), allora lo faccia con tranquillità.


Il percorso psicologico è un lavoro che si svolge su di se', non sugli altri. Anche se gli altri sono sempre presenti nel racconto che le persone fanno a riguardo di ciò che accade loro, il focus del lavoro e' sempre sulla persona che chiede un aiuto diretto.


L'uomo di cui parla non ha bisogno della sua spinta per andare da uno psicologo. Lo lasci decidere in autonomia. Se lei ha difficoltà a stare in relazione con lui, questi saranno aspetti che potrà tranquillamente affrontare nel percorso che sta valutando di intraprendere. Lei può tranquillamente lavorare sulla sua coppia senza che ci sia l'altro partner. La psicoterapia di coppia non necessariamente va fatta insieme. Dipende dal metodo del professionista, oltre che dalla volontà reciproca dei componenti della coppia di volerla fare insieme. Ok?


Le auguro un buon percorso. Saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ipotesi al vaglio di comorbidità tra disturbo bipolare di tipo 1 e ADHD

Buongiorno, ho 39 anni e dalla primavera del 2015 sono stata diagnosticata bipolare del tipo 1, a ...

1 risposta
Sono confusa..possibili tratti borderline

Salve, mi sono appena iscritta perchè ho bisogno di capire cosa mi succede..ho bisogno di ...

1 risposta
Disturbo narcisistico personalità

Quali sono i segnali che indicano che il bambino diventerà dipendente narcisistico di persona ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.