Disturbi della personalità

Vivo la vita che è stata programmata per me. La odio.

Camilla

Condividi su:

Gentili dottori,
sin da quando ero piccina i miei genitori hanno preteso che io facessi tutto ciò che volevano, calpestando i miei desideri ed aspirazioni ed usando i loro sentimenti per me come un vero e proprio ricatto. Mi sono laureata con lode in una facoltà che non mi piaceva, ma voluta dai miei, ed ora sto lavorando nell'azienda di famiglia come i miei vogliono. Una vita di sacrifici, spesso senza la possibilità neanche di avere la domenica libera o di poter organizzare una vacanza. I soldi che si guadagnano non mi arrivano, in quanto mi viene ripetuto che è grazie alla mia famiglia che ho un lavoro, che devono gestirli loro, e che comunque ora non mi servono.


Ciò mi ha gettato in una specie di circolo vizioso in cui mi dicono che mi comporto come una bambina, che non prendo iniziative e che sono troppo remissiva ed accomodante con le persone, ma d'altra parte non mi è concessa la possibilità comportarmi diversamente o di far cose, come organizzare la mia esistenza diversamente ciò che la mia famiglia ha in programma per me.
A ciò si aggiunge il fatto che il lavoro in azienda è molto stressante e mio padre ne ha risentito molto, al punto che ha continuamente scatti d'ira o necessità di sfogarsi verbalmente in maniera molto forte con me, ricordandomi tutti i miei lati negativi o quanto non sono adatta a questo lavoro, a volte incitandomi anche al suicidio.

Ho un'autostima molto bassa da sempre, ma ultimamente le cose stanno andando peggio del solito. Avevo cominciato a diventare impermeabile alle critiche, ma da qualche mese basta che mi si faccia un discorso anche fra i più banali, ad esempio che non sono in grado di fare nulla e che non farò mai nulla nella mia vita, per gettarmi in uno stato di sconforto che perdura per giorni e giorni. Quando sono in questa fase ho continue crisi di pianto che durano anche ore, pensieri negativi, voci nella testa che mi incitanto a prendere l'auto e fuggire o peggio.
Non ho tempo né voglia di fare qualcosa di diverso dal lavoro, perché credo di non meritarmelo e che ogni cosa diversa dal lavoro sia per gente sfaccendata. Persino una passeggiata al sole, anche se piacevole, nella mia mente viene vissuta come una perdita di tempo.

Nel passato avevo un hobby che implicava la partecipazione a due o tre eventi culturali all'anno, ma l'ho dovuto abbandonare a causa dell'osteggiamento dei miei genitori, e questa cosa mi causa ancora oggi grande dolore, perché mi ha allontanata anche da tutte le mie conoscenze extra-lavorative.


Mi sento in generale triste, sola, vedo la vita come non mia davvero e non capisco se i miei sono lamentele o capricci, come sostengono a casa, o se ho davvero bisogno di un medico. Ma anche se fosse, sono imposibilitata a vederne uno per i motivi di cui sopra. A volte credo che non ci sia una via d'uscita in tutto ciò e sento di aver sbagliato tutto nella vita. Non ho comunque la forza di fare qualcosa, o almeno non al momento.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Camilla,


è comprensibile ii suo disagio interno e, visto che ha constatato che il suo malessere perdura da molto tempo, La invito a richiedere al più presto una consulenza psicologica presso un/a nostro/a collega della sua zona.


Questo è il momento per richiedere un aiuto diretto: per aiutarsi a svincolarsi da dinamiche relazionali con i suoi familiari che La bloccano e Le provocano questo forte disagio. Ciò Le potrà consentire di riprogettare la sua esistenza in direzione consona ai suoi desideri. Ma deve compiere un passo importante: aiutarsi a farsi aiutare. E' necessario che Lei lo voglia e sia disposta ad impegnarsi.


Può rivolgersi presso un professionista privato oppure presso il servizio pubblico della Asl (consultorio, oppure centro di salute mentale).


Camilla, tutto è risolvibile e, per fortuna, gli aiuti per fronteggiare situazioni esistenziali critiche esistono. Le occorre lavorare sulla propria struttura di personalità per evolvere nella direzione da Lei desiderata. La psicoterapia potrà aiutarla senz'altro a "sciogliere" quei nodi che la vincolano ad una scelta di vita che "non sente sua". Le auguro un buon cammino! 


Saluti

Mia cara signora Camilla,


quella del "copione" prestabilito e' una tematica purtroppo alquanto comune a quanto pare ad ogni latitudine e non ho il minimo dubbio che i fatti stiano esattamente come lei li riporta ne' penso che le sue reazioni siano esagerate o eccessive, tutt'altro, le vedo invece in sintonia con quanto le accade intorno.


Paradossalmente, le viene fatto notare il suo assentire, mi passi il termine la prego, passivamente, alle decisioni altrui e che "nulla mai cambiera' " da parte sua rispetto a questo. Da cui il suo sentirsi ancora piu' schiacciata dalla sua situazione.


Allora perche' non provare davvero a cambiare qualcosa in questo senso? A sfatare questa oscura profezia che sembra riguardarla?


Non le piace questo copione? Lo butti via! Ne riscriva un'altro con i personaggi e le scene che preferira' lei.


Non e' tutto gia' determinato. Nessuno ha stabilito che la sua vita sia una strada ormai dritta e ineluttabile in un paesaggio che non le piace. Provi a cambiarla. Come, dipendera' solo da lei, ma se posso darle un piccolo suggerimento, quando sente quella vocina che le suggerisce di prendersi un po' di tempo per se' stessa provi ad ascoltarla... Scoprira' che a volte non e' poi cosi' male prendersi del tempo per se' stessi. E poi vada avanti da li' passo dopo passo.


Non le posso assolutamente predire come sara' il nuovo copione e che risultati dara' ma sono certo che, come minimo, sara' diverso da quello che lei sta - mi passi il termine pirandelliano - mettendo in scena in questo momento.


Con i migliori auguri 


MV

Se non le piace lavorare l'azienda di famiglia perché non si crea qualcosa di suo? Oppure se fosse legato ad un aspetto economico può anche chiedere ai suoi di darle più soldi, ovviamente le mie sono solo supposizioni sulla base di pochissimi elementi, ma il consiglio maggiore che posso darle è il seguente ne parli con suo padre, si apra le dica la verità è vedrà che capita il suo stato d'animo , poi se fosse il caso di andare da uno psicologo per capire cosa le sta accadendo dentro di se, lo faccia solo dopo averne parlato in famiglia con i genitori per capire se è un aspetto legato alla sua personalità in continua evoluzione e voglia di cambiamenti e stimoli nuovi oppure all'ambiente familiare non del tutto positivo 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi della personalità"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Disturbo di personalità che persiste..

Qualche anno fa mi hanno diagnosticato un disturbo narcisistico di personalità e quello borde ...

2 risposte
Ho strutturato la mente in questo modo: qual è il motivo e come posso cambiare?

Salve, sono una ragazza e ho 27 anni. Nella mia infanzia ho avuto il trauma dell'edipo con mio padre ...

4 risposte
ex bipolare

Buonasera, sono appena uscita da una brutta storia sentimentale durata a fasi alterne per ben 15 ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.