Pensieri ossessivi

Pensare al suicidio in brutti momenti

Ester

Condividi su:

Non ho molto da dire alla fine. A dicembre è morto mio nonno, era una grande figura paterna per me. L’ho visto morire lentamente con bombole d’ossigeno e senza coscienza..una visione che una parte di me vorrebbe cancellare. Da lì, quando stavo giù, iniziavo a pensare a quanto mi mancava e quanto sarebbe stato bello stare lì con lui. Oggi ho avuto una discussione accesa e diciamo che in generale questi non sono stati nemmeno i migliori mesi della mia vita, ogni cosa sembra essere andata storta.

Eppure ho tanti amici, un ragazzo da due anni e tutti mi reputano una persona tranquilla, solare e piena di idee. Eppure è da un po’ (2-3 mesi) che quando sono tanto giù, penso al suicidio.

Penso al come farlo, ma soprattutto al perché. La cosa che mi preoccupa di più è che magari potrebbe diventare un pensiero fisso. Non vedo un futuro per me e non vedo successi nel passato.

Anche se un testo non può far capire tutte le confusioni che ho in testa, spero che un minimo si sia capito e se riesco ad avere una spiegazione e magari una soluzione a questi pensieri che mi vengono spesso in testa.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Ester,


mi sento di dirti che, in realtà, hai molto da esprimere!


Aver dato voce al tuo malessere significa volontà di reagire. Ti suggerisco, però, di cercare presto un aiuto da uno specialista per poter comprendere da dove arrivino questi pensieri suicidari. Sicuramente, la morte di tuo nonno ha significato una rottura importante nella tua vita, tanto da desiderare di raggiungerlo.


Su questo sito hai l’opportunità di cercare sostegno mirato. Non so in quale città o regione ti trovi, ma sicuramente avrai a disposizione uno specialista che possa aiutarti.


Se vivessi a Roma, io ricevo presso lo studio di Monteverde e Piazza Fiume.


Prenditi cura di te!

Ciao Ester,


ti assicuro che attraverso le tue parole riesco a sentire il profondo malessere e la sofferenza che stai attraversando. Purtroppo nella vita ci sono alcuni momenti difficili dove è necessario il supporto degli altri per poterli affrontare e superare. Chiudersi in se stessi, nel proprio dolore, e mantenere a lungo questa posizione, spesso non aiuta a superare le difficoltà, anzi con il passare del tempo tende a radicarle nel nostro animo e fa si che attanaglino tutta la nostra esistenza. Al contrario trovare persone emotivamente vicine con le quali parlare e condividere il proprio dolore e la propria sofferenza è un passo fondamentale per riconquistare la serenità e il piacere di vivere, senza per questo cancellare il dolore e i ricordi belli e brutti ad esso collegati, per far si che questi entrino a fare parte di noi senza condizionare la nostra esistenza. Alcune volte per sorpassare lutti e sofferenze può risultare utile o necessario valutare di rivolgersi ad un professionista che ci accompagni nell'esplorazione e nell'elaborazione dei dei nostri vissuti e nella riconquista del nostro benessere psichico.


Rimango a disposizione per qualsiasi richiesta o domanda.


Per adesso un saluto e un abbraccio.

Ciao Ester, quasi tutti nella vita hanno pensato almeno una volta di “volersi togliere di mezzo”, non sentirti anomala in questo. Sarebbe opportuno capire come mai da un certo periodo stai così male. Da approfondire l’eventuale lutto del nonno. Questo potresti affrontarlo con uno psicologo perché se ti provoca sofferenza e ti limita nella vita quotidiana, alla lunga potrebbe essere molto doloroso. 

Buongiorno Ester,


quando viene a mancare una persona cara, un punto di riferimento importante sul quale avevamo grandi investimenti, è come se anche parte della nostra identità  ci lasciasse. Quella parte fortemente legata alla persona cara ci viene a mancare, e questo è il grande dolore che dobbiamo elaborare per continuare ad andare avanti. Elaborare significa riuscire ad integrare quella esperienza di vita, così tragica, con tutte le altre nostre situazioni vissute, tutte le esperienze che la nostra mente ha immagazzinato e hanno contribuito a formarci come persone. Elaborare significa riuscire ad attingere forza e coraggio dal ricordo che permane di quella persona. Ecco perché la difficoltà di elaborazione di una perdita così significativa a volte può bloccarci in uno stato di malessere tale che i pensieri di ricongiungerci in qualche modo alla parte che ci ha lasciati sembrano l'unica via d'uscita. Da come ne parla, il nonno è stata una figura paterna molto importante, ne faccia uso, nel senso che può attingere forza proprio dagli insegnamenti che ha avuto la fortuna di avere da lui. Il ricordo di questo nonno la deve aiutare a proseguire il suo cammino e non ha concluderlo, perché questo è quello che lui sicuramente avrebbe voluto e vuole. Se la sofferenza è però troppo intensa, non esiti ad affidarsi ad un professionista che sarà in grado di aiutarla in questo percorso di elaborazione con strumenti efficaci. 


Saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Pensieri ossessivi"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Senso di colpa per aver tradito

Buon pomeriggio, Mi chiamo Piera e ho 37 anni. Sto insieme al mio attuale compagno da 16 anni. E' ...

3 risposte
Paura del suicidio

Salve a tutti, sono Maria e non avrei mai pensato di trovarmi qui oggi a scrivere queste parole, che ...

4 risposte
Confuso sul da farsi

Mi chiamo Mario Sono fidanzato con una ragazza da dicembre dell'anno scorso: ci sono alti e bassi, ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.