Problematiche sociali

La sindrome della capanna post COVID-19

22 Maggio 2020

contattami

Condividi su:

In queste ultime settimane, si sente spesso parlare in TV e sui social della "sindrome della capanna". Si tratta di una sensazione di disagio, ansia e insicurezza che si manifesta quando bisogna uscire di casa dopo un lungo periodo di reclusione.

La propria casa viene percepita come luogo sicuro e protetto, al contrario del mondo esterno che è considerato minaccioso. Ci siamo abituati così tanto a restare a casa, che l'idea di uscire ci provoca disagio. Si stima che circa un milione di persone stanno vivendo questa reazione a seguito del lockdown.

Durante il periodo di isolamento, abbiamo modificato il nostro stile di vita, forse ci siamo impigriti o abbiamo smesso di prenderci cura di noi stessi. Ricominciare a uscire significa dovere riaffrontare il mondo là fuori, tenendo conto del timore del contagio, della diffidenza e del giudizio altrui. Pertanto può capitare di sentirsi insicuri o in difficoltà.

La sindrome della capanna di solito è un malessere temporaneo che si risolve spontaneamente una volta che la situazione torna alla normalità.

 

A marzo, la chiusura dei negozi e l'obbligo di restare a casa per tentare di contenere la diffusione del Corona Virus, sono state condizioni difficili da sopportare, ma lentamente abbiamo creato nuovi ritmi, più umani e rilassati rispetto alla vita precedente.

Questo perché la situazione ce lo imponeva e come esseri umani possediamo da sempre grandi capacità adattive che ci permettono di superare le difficoltà.

Forse, la nuova quotidianità ci piace di più, ci fa stare meglio e l'idea di rinunciarvi ci crea disagio, che in alcuni casi si può trasformare in crisi di panico. Il mio consiglio è quello di riprendere ad uscire poco per volta, concedendoci il tempo per adattarci nuovamente.

L'unica certezza che abbiamo è che prima o poi questa situazione terminerà ed è quindi legittimo in questa fase riflettere e cercare di capire quali sono le nostre sensazioni, i nostri desideri e ristabilire le nuove priorità in base a ciò che è cambiato dentro e fuori di noi in questi mesi.

Paradossalmente una pandemia è un ottimo momento per capire come e con chi desideriamo trascorrere il nostro tempo senza sprecarlo con persone o in situazioni che non ci piacciono o ci fanno soffrire.

 

Nelle prossime settimane, con la riapertura dei negozi e la possibilità di riprendere ad uscire, potremmo sentirci in uno stato di allerta costante o in ansia.

Questa reazione è del tutto normale, perché la situazione è ancora incerta e non sappiamo per quanto tempo le cose continueranno così.

Ansia e panico sono sensazioni fisiologiche che abbiamo tutti e non sono di per sé negative, perché svolgono una funzione protettiva, ci aiutano ad essere prudenti a riconoscere ed evitare i pericoli.

Dunque, sentirsi un po' ansiosi e agitati quando riprendiamo a uscire per dopo un lungo periodo in casa è del tutto normale.

Il problema si pone quando il malessere diventa ingestibile, ci impedisce di dormire o si trasforma in veri e propri attacchi di panico che limitano la nostra libertà. In questi casi è bene rivolgersi ad uno psicologo per chiedere un aiuto qualificato, anche tramite CONSULENZE ONLINE, perché la salute psicologica è importantissima.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problematiche sociali"?

Domande e risposte

Problematiche sociali

Salve a tutti. Mi sono appena iscritto al sito e volevo qualche consiglio per risolvere questa condi ...

1 risposta
Non riesco più a convivere con me stessa

Buonasera a tutti, Da un po' di tempo ho un problema.. sento di non riuscire a sopportarmi più ...

7 risposte
Mio figlio viene allontanato

Salve, mi chiamo Elisa e sono la mamma di un bimbo di 3 anni. Mio figlio ha sempre giocato con due ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.