Aiutatemi con la mia famiglia

Veronica corsi

Soffro molto per i miei genitori.
Li amo, ho una famiglia bellissima, mi sono sempre stati vicino, si amano hanno dato tutto per la famiglia e per noi.
Non hanno un vissuto semplice grazie alle loro famiglie quindi con noi e con loro stessi sono da sempre stati chiusi in se stessi per quanto riguarda le emozioni ed i sentimenti.
Non mi si parla mai liberamente di ciò che si sente.
Anzi non se ne parla mai.
A volte io però provo a fargli capire che questa cosa e’ distruttiva per tutti.
Perché noi figli ho un fratello non riusciamo mai a parlare o a sfogarci .
Come se dovessimo proteggerli dal dolore o da qualche sofferenza.
Hanno sempre ragione loro a costo di cambiare la realtà di omettere i loro comportamenti.
E così mi sembra di rimanere sempre sola con i miei pensieri.
Di andare lì a cena da loro per far stare bene tutti per portare leggerezza ma io ora vorrei godere di loro vorrei parlassero la mia lingua vorrei che mia madre finalmente smettesse di fingere a se stessa e di abbracciarmi mentre piange.
Vorrei lo facesse anche mio padre così potrei farlo anche io.
Invece non c è niente da
Fare se provo a fare discorsi che riguardino sentimenti di mia madre si finisce col litigare e mio padre anche si mette a piangere .
Ed io mi sento in colpa e vorrei morire .
Non volevo litigare volevo solo urlare che si può stare bene che possiamo amarci e dirci tutto.

2 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Veronica, mi spiace molto per la situazione che descrive poiché comprendo il disagio e delle dispiacere connessi.

credo che lei abbia ragione nel sostenere che una condivisione emotiva ed empatica di ciò che avviene possa portare notevoli vantaggi per tutti tuttavia ritengo che allo stesso tempo, non tutti siano in grado di poterla sostenere, probabilmente per esperienze pregresse nelle quali non è stato loro insegnato.

ritengo importante che lei possa ritagliarsi uno spazio di ascolto e richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare il dispiacere e la sofferenza descritta, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi, Esplorare meglio la situazione con ulteriori dettagli e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.

Resto a disposizione, anche online.

Cordialmente, dott FDL 

Buongiorno Veronica. Il proposito che lei si pone mostra una grande sensibilità verso l’accettazione e il contatto con le emozioni che si provano. In una famiglia in cui tuttavia si è imparato che il comportamento premiato è quello di allontanarsi dalle emozioni è molto difficile portare un cambiamento se non con un percorso di terapia che contribuisca a cambiare il significato che viene attribuito all’esternazione dei nostri sentimenti.
Se lo ritenesse utile, sono disponibile per un confronto per valutare insieme, approfondendo prima la sua storia famigliare in modo adeguato, un’eventuale modalità alternativa di comunicazione che permetta al suo nucleo famigliare di poter esprimere ciò che prova, incentivando una comunicazione emotiva efficace.
Mi rendo disponibile anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.