Problemi relazionali

Amico inesistente

Virginia

Condividi su:

Mi chiamo Virginia, ho 18 anni e da circa 5 ho ripreso in mano un'amicizia storica a distanza. È sempre andato tutto bene finché non ho più potuto vedere come ogni estate il mio amico Pietro. Mia mamma si è gravemente ammalata e l'ho assistita con piacere rinunciando alle vacanze che avrebbero permesso alle 2 famiglie di incontrarsi. Durante tutto la malattia avevo contatti estremamente sporadici con il mio amico e mia madre essendo a lui molto affezionata avrebbe voluto tenersi in contatto individuale con lui. Era la prima volta che succedeva perché fino a prima di allora i contatti erano giornalieri. Non solo in 5 mesi di malattia pur abitando a un' ora di distanza non si è mai preoccupato di presentarsi a far visita a mia madre e il tempo lo aveva considerato che di mezzo è passata anche l'estate, tradizionalmente periodo di libertà per il mio amico. Tutto ciò non è stato possibile purtroppo e ci siamo sentite abbandonate in un momento di grande difficoltà. Mi spiego meglio...se non ero io a telefonare al mio amico, lui non si faceva sentire minimamente. Arriva purtroppo il giorno del decesso di mia madre, a seguito della sua volontà invito Pietro al funerale. Viene, sembra affranto e mi promette che non mi avrebbe mai abbandonata in questo mio percorso di accettazione del trauma e "guarigione". Da allora si fa sentire sempre meno e addirittura nel momento in cui io cerco di trovare modi per trascorrere tempo insieme, lui fa marcia indietro e si inventa mille scuse. Dovrei parlare con il mio amico? È bene continuare questo rapporto o è meglio chiuderlo nella consapevolezza che non conviene darci una seconda possibilità?

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Virginia, da come lei descrive il comportamento del suo amico sembra che sia in difficoltà a stare vicino alle persone che sono a loro volta in uno stato di sofferenza e difficoltà. Forse si sente inadeguato e non sa cosa/come fare, come comportarsi e quindi di fronte a questo problema sceglie la distanza per non affrontarlo (è successo quest’estate durante la malattia di sua madre ed ora che ne sta affrontando il lutto).


Di fronte alla sofferenza di un amico/amica a volte non si sa cosa fare, dire, si vorrebbe fare qualcosa per far cessare questa sofferenza ma non sempre è possibile e non subito perché affrontare e superare il dolore è un processo che richiede tempo. Però, stare vicino ad una persona che soffre e non poter fare nulla per lei è una cosa che fa soffrire e lei lo sa bene visto che è stata vicino a sua madre ammalata. Eppure, offrire anche solo la presenza e l’ascolto fa bene ad una persona che soffre anche se non fa scomparire il dolore.


Forse tutto questo il suo amico non lo sa. Forse avrebbe bisogno di sentirselo dire, poi … solo il tempo le dirà se questa amicizia può durare oppure no.


La saluto cordialmente.


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ragazzo di 20 anni che non ha interazioni sociali

Buonasera, sono un ragazzo di 22 anni e non ho un problema io direttamente ma mio fratello, di 21 ...

5 risposte
Genitori e sensi di colpa

Buona sera scrivo perché ormai da molti anni ho un rapporto molto difficile con i miei genito ...

5 risposte
Sono escluso dalla mia famiglia

Salve, Sono un ragazzo di 24 anni, non vivo più con i miei genitori da 4 anni per studiare e ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.