Problemi relazionali

E' possibile cambiare il "carattere" di una persona?

Davide

Condividi su:

Inizio con il citare alcune frasi specifiche per rendere meglio il quesito della domanda:


- “Io sono fatto così e non posso cambiare”
- “Sono nato così e nessuno mi cambierà mai”
- "Si può provare a migliorare una persona, ma resterà sempre tale"


Oppure la più classica, usata frequentemente nel meridione ovvero :
-"Chi nasce rotondo, non può morire quadrato"


Personalmente ritengo che siano quasi ed esclusivamente delle giustificazioni, un modo per giustificare se stessi ed i propri "sbagli"/"problemi". Oppure un modo per scavalcare l'ostacolo, ed evitare un deciso impegno per migliorare una parte di se stessi.
Mi piacerebbe sapere se ci sono degli studi scientifici che affermino la veridicità di questa impossibilità nel cambiamento oppure, che affermino la possibilità di un reale cambiamento.

Per sfatare uno tra i più grandi miti vigenti nella nostra società.


Grazie, Davide.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Davide


ma come mai questo interesse così vago?


Se ci fa capire un pò meglio a cosa è riferito forse possiamo darle delle indicazioni più precise.


Il carattere di un individuo si struttura nei primi tre anni di vita, attrvaerso le relazioni primarie. La personalità si truttura fino all'adolescenza. E' chiaro che se si parla di cambiamenti strutturali della persona  prevedono grande motivazione ed un lungo lavoro terapeutico e solitamente si fa per disturbi di personalità diagnosticati.


Quindi lei di che cambiamenti sta parlando?


Mi faccia sapere. Buon prosieguo

Caro Davide, mi dispiace ma questo "mito" al giorno d'oggi non è sfatabile! il carattere di una persona infatti completa la sua struttura verso i 7 anni d'età. Questo perchè i bambini creano molte connessioni neuronali nei primissimi anni di vita, questa se da una parte può essere una risorsa, dall'altra non lo è perchè il bambino struttura il suo carattere grazie alle ingiunzioni che egli ricava dai genitori. Ti spiego meglio la nostra società è formata da ego, anche meglio detti caratteri, ed è come se noi trasmettessimo questo carattere ai nostri figli, però quello che succede è ancora più complesso perchè il bambino non ha la capacità di pensare, quindi fino a circa 5 anni di vita il bambino ha la capacità di sentire le cose come realmente sono! Quindi se una madre dice al figlio non ti preoccupare, ma è lei stessa preoccupata, il bambino capirà: preoccupati! e si svilupperà una personalità ansiosa. il nostro carattere si è strutturato sulla base di una ferita d'amore. il piccolo infatti nel primo anno di vita non ha la sensazione di essere qualcosa di separato dal mondo poi è come se si risvegliasse in un mondo diverso fatto di separazioni e dualità. Il carattere quindi aiuta il bambino a sopravvivere. Ti faccio un altro esempio ancora c'è la persona particolarmente nervosa, quella che non si arrabbia mai, quella che sorride sempre, quella che sorride poco. questo perchè probabilmente quando erano piccoli quella che ora è nervosa ha capito che avrebbe ottenuto cure e protezione dalla madre solo se avesse urlato quella che non si arrabbia mai potrebbe derivare da una madre che ignorava i suoi bisogni emotivi allorché questa faceva i capricci, il bambino quindi per istinto di sopravvivenza ha strutturato una modalità che per tutti i successivi anni di vita si ripeterà a loop, magari con modalità diverse, ma l'essenza rimarrà sempre quella. oggi si parla di stati di illuminazione o di samadhi che si raggiungono tramite la meditazione e la ricerca personale. e sono stati attraverso i quali l'uomo ha la possibilità di guardarsi da fuori e osservare quali sono i suoi schemi ripetitivi. quando succede questo si diche che l'uomo si è risvegliato. ultimamente è successo ad un personaggio famoso (JIM CARREY), quando questo succede c'è la possibilità di uscire volontariamente dallo schema. anche se al resto del mondo sembri strano, depresso, ma che cosa gli è successo? ed ecco che il carattere rientra in modo per dimostrare che in realtà si è sempre la stessa persona. l'uomo ricomincia a definirsi a limitare il suo raggio d'azione per la paura universale e del bambino di non essere amato, di essere abbandonato. 

Salve Davide,


mi incuriosisce davvero cosa ti abbia suscitato tale interesse. Mi chiedo se, quando pensi alla possibilità o meno di cambiamento, ti riferisci a te stesso oppure a qualcuno che ti ha risposto in uno di quei modi? E a quale fine?


Personalmente ritengo che non cambiare, in un mondo in cui tutto è continuo cambiamento, sia impossibile. E' anche vero che pretendere che qualcuno cambi solo perchè noi lo riterremmo opportuno, giusto, desiderabile...quasi mai sortisce l'effetto che vogliamo. Il cambiamento di una persona è sempre legato a mutamenti di contesto, di emozioni, è l'effetto di riflessioni e delle interazioni relazionali con gli altri.


Scientificamente parlando non saprei se ci sono studi specifici in questo senso, ma se davvero fosse così sarebbero inutili i confronti, le discussioni e le psicoterapie, e la scienza in questo senso ne dimostra senza ombra dubbio l'efficacia.


Se serve questo il mio parere

Salve Davide. Le persone possono certamente cambiare e modificare alcuni tratti caratteriali più rigidi che creano incomprensioni nelle relazioni. Tuttavia il tentativo di cambiare radicalmente una persona in una relazione di coppia è indice di immaturità affettiva ed egocentrismo. Le relazioni sono fatte di continui compromessi in cui ognuno cerca di migliorare se stesso per migliorare la relazione con l' altro.

Caro Davide,


sapevi che ogni minuto in media 35000 delle nostre cellule si rinnovano? Noi siamo esseri in continuo mutamento, quindi in realtà naturalmente cambiamo, anche se la nostra mente difficilmente ci fa accettare il cambiamento come qualcosa di positivo. Questo non significa però che nelle relazioni possiamo avere la pretesa che l'altra persona cambi sulla base delle nostre aspettative... tutto sta nel trovare di volta in volta gli stimoli, le esperienze, le persone, che si incastrano con il nostro momento evolutivo, anche perchè noi tutti attiriamo quello che siamo, quello che ci serve per evolvere in un dato momento della nostra vita. L'atteggiamento giusto di fronte ai problemi è cercare di cambiare se stessi, in modo da risolverli oppure evitare le situazioni che ci causano sofferenza. Volgi il tuo sguardo dentro te stesso e magicamente anche il mondo fuori di te ti apparirà meno ostico! Spero di esserti stata d'aiuto!

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Andarsene di casa per l'uni, famiglia disagiata, cosa fare?

Ho 19 anni, ho appena dato la maturità ed adesso dovrei scegliere cosa fare nella vita, io ho ...

9 risposte
Sono nata sbagliata?

Buonasera, vi contatto perché vorrei trovare una risposta ad una domanda che mi faccio da ...

6 risposte
Voglio parlare con i miei genitori

Vorrei avere una rapproto migliore con i miei genitori. Passo dall'essere dipendente all'essere ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.