Problemi relazionali

Problema nella costruzione di relazioni

Valeria

Condividi su:

Salve,
ho 26 anni e ho avuto le più svariate esperienze in tema amoroso; intendo di aver avuto diversi tipi di relazione con gli uomini: dalla storia seria e lunga, a quella semplicemente fisico-passionale, e quelle di poco conto, cotte passeggere e infatuazioni. Quello che mi sta capitando proprio ora è che ho conosciuto, circa 3 mesi fa, un ragazzo di 11 anni più grande di me; un uomo che posso dire di essere gentile, onesto, intelligente e attraente, anche se non esteticamente di bellissimo aspetto.

Ho sempre avuto il pensiero di essere adatto a me un uomo più grande, per il senso di responsabilità e maturità, che mi ha accompagnato da quando ero adolescente; e per il fatto che i ragazzi della mia età, o poco più grandi, non riescono a darmi quello che cerco in un uomo, come sicurezza e maturità. Come il più delle volte, quando mi capita di conoscere un ragazzo, all'inizio ne sono incuriosita, attratta, oserei dire anche precocemente innamorata. Fino ad arrivare a distanza di pochissimo tempo trascorso dalla conoscenza, a sentirmi in trappola e con un peso allo stomaco, al solo pensare di costruire qualcosa. Mentre con gli altri ero piuttosto convinta (anche inconsciamente) di non essere loro adatti a me, questa volta sento che è diverso, sento che lui mi comprende, che abbiamo molte cose in comune, e che potremmo davvero costruire qualcosa di bello. Ma mi lascio attanagliare dai pensieri che invadono la mente, sul futuro, interrogandomi costantemente se lui è adatto a me, se non desidero altro, se mi piace veramente. Pensieri che giudicherei anche stupidi, ma che mi limitano dall'essere serena e abbandonarmi al tempo con lui. Anche quando sono con lui infatti, a volte mi perdo a pensare a come potrebbe essere, a osservarlo in ogni gesto, in ogni modo di fare. In alcuni periodi, non riesco a vivermi la relazione giorno per giorno, penso al domani, al come saremo, e ho paura di annoiarmi, di non durare, di troncare il rapporto, forse perché cosciente di essere incontentabile. Ho provato a parlarne con lui, e devo dire che mi tranquillizza non poco; ma poi dopo qualche settimana il pensiero sembra ritornare!
Mi chiedo se questo sia un problema mio personale da risolvere e superare, o se la persona in caso, potrebbe non piacermi veramente. Mi rendo conto di non essere riuscita a racchiudere altro nel testo, ma vorrei capire in primis se sbaglio in qualche movimento o pensiero.
Grazie

0 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mia madre è una narcisista

Voglio trovare il coraggio di andarmene di casa. Io e il mio ragazzo vogliamo andare a convivere, ...

6 risposte
Come devo reagire all'ennesima relazione finita male?

Buongiorno, sono una ragazza di 23 anni.Premetto che ho un background familiare molto particolare, i ...

4 risposte
Rapporto con mia madre

Salve, spero in una vostra risposta dato che sto entrando in crisi esistenziale. Ho un rapporto con ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.