Problemi relazionali

anna

Ho 20 anni e ho grandi problemi a relazionarmi con i miei coetanei, non so perchè, non riesco a interagire con i miei compagni di classe e coetanei in generale. Ogni volta la stessa storia, faccio amicizia con una sola compagna e mi aggrappo a lei come salvagente, evitando sempre situazioni in gruppo, soprattutto quando ci sono ragazzi, perchè ogni volta mi blocco, divento tutta rossa e non riesco a dire due parole in croce. Ho come l'impressione che tutti mi giudichino, che mi "prendano in giro" perchè si accorgono che non riesco a sbloccarmi e interagire con loro. Ma comportandomi così non faccio altro che aumentare la mia paura del giudizio e a chiudermi ancora di più in me stessa. È tutta la vita che mi succede e non so davvero come uscirne.

1 risposta degli esperti per questa domanda

Salve Anna, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL