Problemi relazionali

Problemi di amicizia

Lorenzo

Condividi su:

Salve a tutti.
Nell'ultimo periodo sto vivendo molte sofferenze per un'amicizia che si è fatta molto intensa qualche mese fa e che, mano mano, sta andando sempre di più a morire. E' da inizio estate, infatti, che ho stretto i rapporti con un amico per via di una passione che abbiamo scoperto di avere in comune. Grazie a questa passione, dunque, il nostro rapporto non si è limitato più ad una semplice conoscenza, ma è divenuto qualcosa di più. C'era una costante confidenza e dialogo che mi hanno portato a pensare che avessi trovato la persona che mi sarebbe stato accanto per tutta la vita (comunemente chiamato 'migliore amico' :) ). Pian piano questa fiamma si è andata a spegnere. Il nostro rapporto si è limitato semplicemente a parlare di questo hobby che ci ha uniti, e basta. Io mi sono sempre sentito di aver dato molto a lui, ma di aver ricevuto probabilmente poco in cambio. La situazione è proseguita così, addirittura da arrivare a sentirci a giorni alterni. A volte capitava addirittura di discutere e di non sentirci più per vari giorni. L'uno poi ricercava l'altro ma i rapporti non erano più chiaramente gli stessi. E' come quando una donna acquista una borsa: più passa il tempo e più la (nuova) borsa non sarà più attraente allo stesso modo agli occhi della stessa. Da parte mia comunque rimaneva sempre la voglia di tenere alta questa amicizia che si era fatta molto intensa, e per questo ho iniziato a soffrirne. A volte capitava di uscire con un gruppo di persone, tra cui lui, e non riuscire a dirgli niente, per quanto pensassi all'evoluzione che stava subendo questa nostra amicizia. Siamo arrivati al punto di avere una piccola discussione e ho deciso di parlargli. Gli ho fatto notare di questa fiamma che si stava man mano spegnendo da ormai molto, ma lui sostiene di non rendersene conto. Ciò, però, è evidente anche agli occhi di altri e, per questo, non è una mia fissazione. Abbiamo in qualche modo risolto ma, anche se abbiamo ripreso a parlare in maniera costante via chat ad esempio, rimango sempre dell'idea che quei sentimenti che si erano creati all'inizio non ci sono più. Il punto è proprio questo: questa situazione mi fa continuamente pensare al nostro rapporto, all'amicizia che avrei voluto nascesse, o meglio...che avrei voluto perdurasse. Probabilmente ciò è dettato dal fatto che lui ha già qualcun altro su cui contare negli anni a seguire, già un'altra persona che probabilmente sente vicino come io vorrei sentire vicino lui. Quando mi capita di tornare a casa dopo un'uscita assieme, i pensieri tornano alla mente e la sofferenza anche. Soprattutto pensare che sta per iniziare l'università e che, per questo, farà nuove amicizie, mi porta sempre più a pensare che nell'arco di qualche mese il nostro rapporto andrà sempre più a morire e sarà sempre meno probabile che ciò invece perduri nei mesi, o magari anche negli anni. Non fraintendete però: ciò non vuol dire che egli sia menefreghista nei miei confronti. Anche in lui c'è interesse a mantenere vivo il rapporto, ma non lo sento così vicino come lo sentivo qualche mese fa. Ed è proprio ciò che invece lui non nota..per lui è rimasto tutto invariato.
Questo dolore, che mi perseguita ormai da un mesetto buono, mi porta ad essere carente mentalmente nella giornata. Perdo la voglia di fare tutto il resto e quelle che sono da sempre le mie passioni iniziano quasi a diventare un peso per me. Insomma, non faccio altro che pensare a questa cosa.
Suggerimenti, gentilmente?
Grazie mille.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Lorenzo,


Mi sembra di capire che il distacco che percepisci sia per te doloroso tanto da essere diventato una preoccupazione che interferisce nella tua vita quotidiana.


Dovremmo indagare che significato hai dato a questa amicizia e cosa significherebbe per te perderla. Le relazioni sono piene di sfumature e forse in questo caso la soluzione migliore potrebbe rivelarsi iniziare a guardare questa amicizia con nuovi occhi per poterla accettare anche in una diversa forma, senza più soffrire.


Resto a tua disposizione qualora avvertissi l'esigenza di un maggior approfondimento,


Puoi contattarmi attraverso il modulo contatti o all'indirizzo valentinatarantino.psy@gmail.com


Un caro saluto,


Dott.ssa Valentina Tarantino

Salve Lorenzo




mi sembra quasi che lei stia parlando di un innamoramento, passatao dalla fase dell'illusione e della gioia alla fase della disillusione, proprio come nelle coppie. Ma evidentemente è solo un'impressione e mi sto sbagliando! Il suo modo di parlare di questa amicizia speciale mi colpisce molto...

Credo che la perdita di interesse per le passioni, la stanchezza, la sofferenza abbia radici nella fase adolescenziale che lei sta vivendo in cui è tutto poco definito, e si è alla scoperta della propria identità e del proprio ruolo sociale. Certo è una fase difficile, ma se vuole può farsi aiutare a diventare adulto consapevole.

Comunque complimenti al suo coraggio e forza.


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a provare sentimenti per gli altri

Buongiorno, sono Chiara e ho 24 anni. Ho sempre avuto questo “problema” nella mia vita....

1 risposta
Amore non (del tutto) corrisposto, come venirne fuori?

Salve, mi rivolgo a voi perché non riesco a dimenticare un ragazzo che mi è entrato ...

2 risposte
Come comportarsi?

Buongiorno, la mia bambina ha quasi 3 anni e mezzo, e non ha cuginetti e bambini con cui rapportarsi ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.