Problemi relazionali

Rapporto conflittuale madre e figlia

enrico

Condividi su:

Buonasera Scrivo nel tentativo di essere di aiuto per una mamma ormai adulta che conosco da più di 10 anni e che ha un rapporto difficilissimo con la figlia ormai trentenne e mamma a sua volta, peraltro separata. Da sempre che ella ricordi il rapporto con la figlia è stato traumatico e di forte attrito nonostante ella per la figlia stessa abbia dato tutte le cure e attenzioni necessarie. Praticamente non è possibile un dialogo sereno mai e sempre la figlia ormai adulta continua a recriminare la mancanza di cura da parte della mamma che ormai da anni si dibatte e peraltro non riesce ad avere una vita regolare neanche più per se stessa. Le ho consigliato un percorso psicoterapeutico quale unica soluzione: mi ha riferito di essere in passato andata da uno psicoterapeuta che le disse subito e solo di creare un distacco che pero non è stata in grado di realizzare: a mio giudizio la situazione è gravissima e d'accordo con lei ho preso l'impegno di trovare delle risposte competenti e uno psicoterapeuta in Abruzzo di notevole esperienza dato che il caso lo impone. Vi ringrazio anticipatamente

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Enrico,

le situazioni di cosidetto invischiamento ovverosia mancanza di necessari confini nella relazione sono solitamente, come racconta bene anche lei, quelle più conflittuali. L'impossibilità di creare un distacco mi fa supporre che le ansie sia della madre che della figlia creino un'esplosività nel rapporto che si autoalimenta. La figlia reclama cure. Spesso se le mamme non si occupano a sufficienza di sè stesse, agiranno le loro problematiche nel rapporto con i figli (ma non solo). Le cure materne di cui probabilmente parla la figlia infatti non riguardano una costante presenza indifferenziata, ma una modulazione affettiva in un rapporto basato sul rispetto ovverosia caratterizzato dalla possibilità di avvicinarsi e allontanarsi e di riconoscersi come individui separati.

Nelle circostanze in cui il rispetto viene meno, i problemi più evidenti riguardano le tematiche di dipendenza e autonomia e mancanza di confini. Certo in ogni specifico caso, questa "danza a suon di calpestarsi vicendevolmente i piedi" ha le sue caratteristiche peculiari, relative alla storia relazionale di ognuno dei partecipanti.

Non è sufficiente pertanto l'imposizione di un "distacco". Quello che dovrebbe essere lavorato in terapia sono le motivazioni profonde per le quali la scarsa cura verso di sè si riproduce nelle relazioni intergenerazionali (anche la figlia mi pare di capire è separata) come una bomba atomica in continua esplosione, che non fa altro che alimentare il conflitto.

Il suggerimento per una psicoterapia è ottimo, essa però dovrebbe essere seguita non al solo fine di interrompere il ciclo vizioso (non si interromperà magicamente), ma anche per indagare le motivazioni profonde che lo scatenano e lavorarci duramente per cambiare. Questo richiede volontà e convinzione. L'essere esausti può essere una buona motivazione per cambiare, a volte però purtroppo insufficiente. Le persone cambiano se lo vogliono, lo decidono e si impegnano. Spero che riuscirà ad essere d'aiuto a questa coppia di mamma e figlia riuscendo a suggerire delle  motivazioni sufficienti a dare una spinta per cambiare registro.

Cordialità

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve in merito a quanto da lei raccontato, il consiglio che ha dato alla sua amica è un buon consiglio. Il distacco dai genitori e dai figli non è facile, nè immediato, ma necessario per crescere, con distacco non intendo negare la loro esistenza, ma mantenere il confine tra sè stessi, con le proprie idee, personalità, conoscenze ed una propria vita ed i genitori o i figli con le loro idee e la loro vita. Se questo non avviene, la faccenda si complica perchè non c'è possibilità di avere una relazione serena, perchè non c'è possibilità di esprimere sè stessi all'interno della relazione che risulta non alla pari. Convinca la sua amica ad andare in psicoterapia e se non vuole andarci, può farlo la figlia, andarci può essere di aiuto ad entrambe. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco ad innamorarmi...

Sono Anna ho 21 anni.. da un anno a questa parte sono fidanzata.. fin qui tutto bene se non fosse ...

3 risposte
Come aiutare una bambina totalmente esclusa?

Salve, io ho una nipotina di 10 anni che soffre tantissimo perché tutte le amichette di class ...

1 risposta
Continuare una relazione d'amore non ufficiale?

Ciao sono una ragazza di 23 anni e frequento un ragazzo di 32. Ci conosciamo ormai da 4 anni; appen ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.