Problemi relazionali

Relazione complicata

TATIANA

Condividi su:

Salve. Mi chiamo Tatiana e ho 34 anni. Da circa due anni sto frequentando una persona che ha 17 anni piu' di me, separato con due figli, un bimbo di 14 anni e una bimba di 16 anni. La sua bimba vive a Londra e il bimbo vive con lui. In questa relazione sono molto instabile cioe' passo pochi giorni stando bene e altri che ho dei dubbi di quello che sto facendo e vorrei lasciarlo. Racconto un pochino la storia.
All'inzio ci vedevamo una o due volte alla settimana perche a parte che abitiamo a 50 km di distanza lui mi diceva sempre che non aveva tempo perche' stava sempre con il figlio. E' continuato cosi' per circa due mesi. Poi io sinceramente mi sono stancata e lo volevo lasciare ma sempre mi pregava di non lasciarlo che dovevo fare lo sfrozo di capirlo che non ha molto tempo..i figli..etc. La cosa continua. Non ci si chiamava mai. Lui mi scriveva solo una volta al giorno su facebook. Con il tempo le cose iniziarono a cambiare. Ci si vedeva un pochino di piu' e a volte una chiamata. Ho sempre pensato che questa persona mi voleva bene però non ha mai avuto un reale interesse per me. Voglio dire che lui non e' interessato a stare con me ma solo di passare il tempo perche' c'e' da dire che quando stiamo insieme stiamo bene.
Cosi siamo andati avanti circa due anni. Un tira e molla continuo che psicologicamente non e' la migliore scelta penso. Ho cercato di lasciarlo tantissime volte ma non sono mai riuscita perche' molte volte veniva e mi chiedeva per favore non mi lasciare..mi diceva che mi amava tanto..che ero molto importante per lui e cosi via..
Non e' mai stato capace di dire a suoi figli che ha una relazione con me perche' si vergogna in quanto sono piu' giovane. Neanche ai suoi genitori. Penso che qualche amico suo lo sa. Ma non ho la certezza.
A me ora hanno offerto un lavoro negli Stati Uniti e ci siamo allontanati. La storia continua. Un giorno mi sono arrabbiata tantissimo perche lui non cambia la sua rutina neanche per parlare su skype con me e l'ho bloccato in tutte le reti sociali. Non so come ma ha trovato il numero di telefono del lavoro e mi ha chiamata chiedendomi per favore di non lasciarlo. Sono tornata un fine settimana per lasciarsi e mi pregava in tutte le lingue del mondo di non lasciarlo.
Devo dire che io gli voglio molto bene e lo penso tanto. Ci starei con lui per il resto della mia vita pero ho dei forti dubbi. A volte lui da per scontato tutto. Non ha cambiato della sua vita NULLA per cercare di passare un piu' tempo con me. Pero io ho cercato sempre di capire la sua situazione e di dare ovviamente piu' spazio ai suoi figli.
Sono veramente in crisi. Lo vorrei lasciare ma non so come fare. Mi servirebbe un poco di decisione. Ora che sono lontano mi risulta ancora piu' difficile. Aiuto.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Tatiana,
in una relazione è fondamentale anche raggiungere un equilibrio tra la soddisfazione dei bisogni del partner e la realizzazione, al contrario, dei propri bisogni. Indubbiamente la situazione attuale della persona che lei frequenta, con due figli da accudire, non è di facile gestione ma questo non comporta necessariamente l’impossibilità di trovare del tempo per la vostra coppia. In una coppia lo “sforzo di capirsi” deve essere condiviso da ambo le parti, attenzionando reciprocamente le necessità e i desideri di ciascun membro della coppia.
Naturalmente, trovare del tempo per lei e per i suoi bisogni sarà ancora più difficile per il suo partner dal momento che egli non ha mai riferito ai suoi figli della sua relazione. Questo può rappresentare un ostacolo aggiuntivo, dal momento che relegare la sua figura all’esterno del nucleo familiare del suo compagno, non favorisce una sua integrazione positiva nella sua vita e nemmeno un maggiore investimento di tempo, dal momento che così il sistema famiglia e il sistema coppia devono sempre essere rigidamente separate. E’ importante per lei, dopo due anni di relazioni, cercare di comprendere quali prospettive future desidera e insieme prendere quella direzione. Se vuole essere parte partecipe della sua vita (“Ci starei con lui per il resto della mia vita” )non può restare “nascosta”.
Un cordiale saluto

Buonasera Tatiana, 


ho letto la sua storia che trasmette disagio e grande indecisione rispetto la difficile scelta da compiere. Cuore e ragione sono spesso in conflitto. Vorrei fare solo alcune riflessioni con lei. Notando il titolo 'relazione complicata', mi sono chiesta perché ci piaccia tanto stare nel tormento Perché, avendo possibilità di scelta (e a 34 anni le opportunità non mancano se si è disposti a cercare), ci si
trovi a stare in relazioni complicate, quando l’amore dovrebbe essere semplice e spontaneo. Invece ci
infiliamo o ci ritroviamo in situazioni che non ci fanno stare bene, che ci tormentano, che ci creano disagi di
ogni tipo, senza apparenti speranze di miglioramento. Così, anziché pensare al nostro benessere e voltare
pagina, restiamo immersi in una realtà che tuttavia non accettiamo e vorremmo cambiare. Bisogna anche
dire che lo stare in relazioni complicate ci toglie dalla paura di coinvolgerci in una relazione matura e sana,
nella quale darsi reciprocamente e costruire un futuro insieme.
Il fatto è che a volte va bene così, perché in fondo non siamo pronti per altro, così inconsciamente scegliamo
chi corrisponde a questo desiderio soggiacente.
Molto dipende dal patto che una coppia stabilisce (non per forza in modo esplicito) all'inizio, e da quanto,
col passare del tempo, entrambi i membri della coppia siano disposti a revisionare questo patto, nel caso di
esigenze che cambiano, soprattutto se solo da uno dei due partner.
Provi a pensare a cosa vi legava all'inizio, alle vostre motivazioni per stare insieme. Ora sono le stesse? Avete
gli stessi obiettivi di allora? Altrimenti cosa è cambiato e da parte di chi? L'altro è disposto a cambiare
assieme?
Spero di averle dato alcuni spunti di riflessione.


Cari saluti

Cara Tatiana, restare ancorati ad una storia che non va da nessuna parte e che ci logora non è il massimo. Rilegga la sua lettera con attenzione, c'è tutto quello che le serve per troncare questa storia dove salta fuori in continuazione la scarsezza di affettività ed impegno necessari per attuare un minimale progetto di coppia. Oltretutto, finchè resta nella storia, non è motivata a guardarsi intorno e a vedere altre vie per essere appagata come merita.


Se mi scrive in privato, le consiglierò qualche testo che le potrebbe essere utile leggere.


Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Difficoltà a relazionarmi ed a mantenere le relazioni interpersonali

Buongiorno, ho difficoltà a relazionarmi e di conseguenza a mantenere le relazioni interperso ...

2 risposte
Non riesco ad amare e non ho fiducia

Salve, mi chiamo Sara ed ho 40 anni. Vi scrivo per comprendere per quale motivo io non riesca pi&ugr ...

3 risposte
Vorrei andare via di casa

Buongiorno a tutti, In pratica negli ultimi due anni mi sono accorta di star vedendo sempre di ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.