Problemi relazionali

Totale incapacità a socializzare. Non parlo mai e mi sento una persona vuota.

Giuseppe

Condividi su:

Salve, mi chiamo Francesco e ho 22 anni. Scrivo perché credo di avere gravi problemi relazionali. Infatti non ho neanche un amico e questo da anni. L' ultima volta che ho avuto qualche amico era ai tempi delle medie. Il fatto è che io mi sono sempre sentito diverso dagli altri e mai in sintonia. Non ho mai fatto niente di concreto per cercare di fare amicizia anche perchè non sapevo da dove iniziare. Fino a poco tempo fa ho sempre avuto la convinzione che la colpa fosse della mia eccessiva timidezza e anche della sfortuna che non mi ha fatto conoscere persone più simile a me. Ultimamente però sto capendo che non è semplice timidezza ma si tratta di problemi ben più gravi. Ho sempre avuto il problema del parlare poco, quasi mai fin da bambino, cosa che mi è sempre stata fatta notare dagli altri. Ho sempre avuto difficoltà nelle conversazioni e a trovare argomenti, anche a parlare di cose stupide, del più e del meno. Io credevo fosse la timidezza e l'insicurezza eccessive a farmi bloccare, invece adesso ho paura di essere veramente una persona vuota. Anche se mi vengono fatte delle domande rispondo (anche a monosillabi) e poi non so come continuare facendo bloccare la conversazione. Guardo gli altri parlare e parlare in continuazione e li invidio tanto. Non so che fare per cambiare e soprattutto come iniziare da zero a fare amicizia. Anche se trovassi qualcuno con cui fare amicizia, è possibile "fare pratica" e cambiare questa situazione?

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Giuseppe,


Intanto le vorrei dire che da quello che scrive, dalla descrizione approfondita della sua sofferenza e dalla lucidità con cui analizza il problema, lei mi sembra una persona tutt'altro che vuota.


La sua sembra più una paura, un sentimento che mi è arrivato durante tutta la lettura, paura di parlare, paura di sé stessi, paura dell'altro. E questa paura le viene, da quel che dice da quando era piccolo e si sa, le paure se non affrontate diventano sempre più enormi col tempo e diventa sempre più difficile prenderle di petto.


Credo che, vista la sua grande capacità di guardarsi dentro, nonostante tutta questa paura, lei possa utilizzare questa risorsa rivolgendosi ad un esperto, che può accompagnarla dentro questa buia caverna per vedere cosa c'è che le fa tanta paura. Potrebbe scoprire che, dopo tanti anni, quell'ombra gigantesca e mostruosa sia invece associata ad un piccolo topolino, chi lo sa!


Le auguro un buon viaggio Giuseppe.


 


Michaela Mortera 

Caro Giuseppe, imparare a relazionarsi con gli altri si può apprendere. Appena può, si iscriva ad un corso di gruppo sui temi della comunicazione assertiva, dell'autostima personale e del controllo emozionale. In questi gruppi avrà modo di agire attività di role plajing con gli altri corsisti e di comprendere che non è l'unico ad avere difficoltà relazionali.


Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Posso chiedere un incontro alla psicologa del mio compagno?

Buongiorno, Il mio compagno è in terapia con una psicologa per depressione. Dopo un periodo ...

6 risposte
il mio "handicap"

Sono Maria e ho 19 anni. Vivo costantemente nella paura di essere abbandonata. Una decina di anni fa ...

4 risposte
Socialmente impacciata

Buongiorno a tutti, sono una ragazza di 23 anni e sono all'ultimo anno di studi universitari. Mi ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.