Problemi relazionali

Vorrei andare via di casa, ho bisogno di consigli?

davide

Condividi su:

Inizio col dire che ho avuto un'infanzia difficile, in famiglia siamo in 6, anche se sono l'unico figlio rimasto in casa. Io e i miei fratelli siamo cresciuti con offese e violenze, offese come (miserabile, pezzo di merda, fallito, mi vergogno di avere n figlio come te ecc.), questo da parte di mio padre, tutte questo senza ragioni valide, e soprattutto immeritevolmente, mia madre che anche se di buon cuore per paura non ha mai fatto niente (e questo lo reputo peggio)... Io per colpa di tutto ciò non sto bene, sono insicuro e ho tanti deficit anche se ho creato una falsa personalità forte sicura e serena, per riuscire ad essere apprezzato dalla società, infatti su quel punto di vista non ho problemi, anche se non posso confidarmi con nessuno perchè non mi fido a farlo.

Purtroppo sono molto infelice, vorrei serenità e soprattutto autostima vera, e penso che l'unico modo per poter riuscirci sia andarmene di casa e vivere indipendente visto che dalla mia famiglia ho avuto solo odio e invece di esser cresciuto con incoraggiamenti, sono cresciuto col sentrmi dire con collera da mio padre le ose peggiori al mondo e visto scene orribili, Cosa dovrei fare?

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Davide, 


e' comprensibile il tuo disagio.  Le offese fanno sempre male all'animo. Nessuno può rimanere insensibile a ciò. Chiunque ne soffrirebbe.


Ti dico una cosa che spero tu possa prendere come un suggerimento valido per te: tuo padre con il suo modo di fare è quello che è, ma non è il mondo. Lui non è gli altri.


Tu sei tu e lui è lui. Fare questa differenza nella tua mente è un primo passo importante per vederti e per non confonderti su chi sei tu. 


Suggerimenti:


- apriti agli altri, poiché solo così potrai scoprire che è possibile trovare buoni amici; ( è importante saper distinguere i comportamenti buoni da quelli che non lo sono,  così come è importante imparare a rifiutare i comportamenti che ci danneggiano. È errato però chiudersi agli altri per un giudizio assoluto (errato) che "non ci si può fidare di nessuno"). 


- se vai ancora a scuola, rivolgiti allo psicologo scolastico per chiedere un supporto psicologico nelle tue difficoltà, oppure rivolgiti allo psicologo del consultorio familiare della tua città. Entrambi i servizi sono gratuiti.


- con l'aiuto dello psicologo focalizza la tua attenzione sui tuoi obiettivi personali (affettivi, sociali e lavorativi)


... ... ...


Ti auguro di cuore il meglio.

Buona sera


Dalla tua storia non si evince molto , nel senso se studi, se lavori, che rapporti ai con i tuoi 6 fratelli. Un passo alla volta, cerca uno psicologa presso consultori oppure asl che ti possono supportare in questo viaggio, se poi ai veramente bisogno di lasciare casa, se lavori condividi casa con degli studenti , cosi ti rapporti agli altri , dividete le spese, inizi a conoscere altre realtà .


Parla con i tuoi fratelli se ai un buon rapporto fatti consigliare da loro.


Prenditi cura di te.


 

Ciao Davide, mi dispiace sentire che un ragazzo così giovane abbia già affrontato tante situazioni terribili. Il fatto che tu ti renda conto del tuo dolore e cerchi delle soluzioni è già un ottimo passo, spesso subiamo delle delusioni e nel tuo caso cattiverie da chi ci deve proteggere questo automaticamente ci porta a pensare che tutti possano farci del male. Dalla tua parte hai la tua età e tutto il tempo per ricostruirti come persona per accrescere la tua autostima, devi essere consapevole di quello che vali e di come sei, quello che ti è successo usalo come trampolino di partenza per migliorare te stesso, spesso delle ferite così forti ci segnano nell’anima ma ci insegnano anche che nella vita bisogna affrontare i dolori andare avanti cercando il meglio per noi stessi. Prima di prendere qualsiasi decisione cerca un bravo terapeuta nella tua zona che ti aiuti ad affrontare con ancora più consapevolezza e forza la situazione, e sopratutto che ti aiuti a capire che si può uscire da tutto basta lavorare su se stessi e volerlo. Poi consapevole di tutto ciò sarai in grado di prendere qualsiasi decisione che sia migliore per te stesso. Ti mando un grande in bocca al lupo. 


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Problemi nel provare sentimenti

Salve, volevo parlare di questo problema che mi porto da due anni non riesco a provare felicità o ...

14 risposte
Paura dell'abbandono?

Buonasera a tutti. Da circa un anno e mezzo sono fidanzata con un ragazzo bravissimo, il primo con ...

4 risposte
Perchè è diventato faticoso relazionarmi con gli altri ?

Buongiorno, ho 55 anni sposata da 25, lavoro da 30 e con due figli (che adoro) di 24(F) e 19 (M) in ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.