Psicoanalisi

Sto per effettuare una igv, soffro di depressione da 6 anni, ho paura

Maria

Condividi su:

Salve, ho scoperto di essere incinta e sto per fare una igv! Non sono tranquilla! La mia prima gravidanza non è stata delle migliori, ho dovuto fare un cesareo d'urgenza alla 32 w causa Sindrome hellp che stava per uccidere me e mio figlio...nato con un peso di kg1300 e rimasto in incubatrice per un mese e mezzo!Io invece 15 giorni di flebo in ospedale con screzio renale,problemi al fegato, pressione alle stelle, bolla alla retina, trombosi alle braccia...oggi cmq vivi e vegeti entrambi!dopo 5 anni riprovo ad avere un secondo figlio ed ecco che questa brutta esperienza supera la prima! Il bambino non cresce equilibrato,ha gli arti piccoli rispetto alle misure dovute, alla 23 w muore dentro la mia pancia! Ho dovuto fare un parto naturale ed un raschiamento senza anestesia, esperienze che hanno segnato per sempre la mia vita! All'inizio, è come se non fosse successo nulla, riesco a vivere apparentemente serena...sistemo casa, la faccio imbiancare come se nulla fosse successo...dopo un annetto circa ecco che iniziano dei dolori allo stomaco che non trovano spiegazioni di natura fisica ! Non so quanti controlli ho fatto, non so quante cure ma nulla stavo male con spesso dolore al centro della pancia o sul lato sinistro, non riesco a mangiare ,ho nausea,vomito a volte notturno, calo di peso, e dopo circa 9 mesi iniziano le crisi di pianto...non riesco più a vivere...sicché arrivo da sola a capire che i miei problemi sono altri ! Vado da uno psichiatra ed ecco che questo dottore risolve tutti i miei problemi...stavo somatizzando tutte le mie angoscie e con la cura datami e che seguo ancora oggi, sebbene ridotta rispetto a prima, sto molto meglio...ritorno a vivere...ole'...Oggi incinta, si ho scoperto dopo 9 anni da quell'esperienza di essere nuovamente incinta...non sono felice...normalmente alla notizia subentra la gioia non nel mio caso....la situazione non è però così semplice! In questi nove anni ho lottato con un sentimento di maternità interrotto brutalmente, il desiderio di un figlio è stato molto vivo ma non ho mai avuto il coraggio di riprovare! Ogni donna incinta che vedevo era sofferenza, ogni bambino desiderio ...ma mi sono sforzata e dopo tanta fatica finalmente avevo trovato la serenità..."ho un figlio mi dicevo e non per forza se ne debbono avere due...sono fortunata ! "Ci ero riuscita sino a che ,ecco che, la serenità conquistata a fatica viene interrotta dalla notizia di essere incinta! Perché proprio a me che ho per tanti anni lottato per controllare il sentimento di maternità? Ho riflettuto, ho paura, non posso continuare la gravidanza, ho paura che mi risucceda di nuovo una tragedia , prendo dei psicofarmaci di cui non riesco a fare a meno, ho ridotto con la guida del mio psichiatra ma non li voglio tolti! Lo psichiatra ha detto che ho iniziato una gravidanza a rischio, è avvenuta una fase di divisione cellulare in cui non avrei dovuto prendere i farmaci ma io non sapevo di essere incinta ed oggi per continuare dovrei ridurli....io non riesco, è da sei anni che li prendo , ho fatto tentativi di riduzione ulteriore nel passato ma ahimè falliti...dopo alcuni mesi stavo male e ritornavano i sintomi allo stomaco...no non ce la faccio...in più non ho una esperienza di gravidanza positiva a supporto di una scelta di continuazione della attuale! Ho deciso...sono all'inizio e posso interrompere ma ho lo stesso paura! ogni scelta è causa di angoscia per me! Se prima ero una donna forte ,oggi non lo sono più! Ho paura di riprovare il dolore fisico della seconda mia gravidanza e ho paura delle conseguenze psichiche che la scelta di interruzione può causare! se ritorno a dover lottare con il sentimento di maternità che oggi non dico che non è presente ma è razionalizzato, sono cioè consapevole dei rischi che essa comporterebbe, come farò?lo so che chi leggerà dirà che in me c'è tanta confusione, che non sono sicura di niente ma si capisce ho bisogno di aiuto...voglio interrompere la gravidanza e non vorrei rivivere il calvario che ho subito dopo l'aborto in quel caso" ritenuto" della seconda esperienza gravidica! Spero di essere stata chiara e di avere delle vostre risposte...mi sarà sicuramente utile ricevere il vostro punto di vista....cordiali saluti

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Maria,


non si giudichi sulla sua confusione o sulla scelta che vorrebbe fare. 


Lei deve riuscire a stare su ciò che la farebbe stare più tranquilla e serena al di la dei pensieri o giudizi degli altri. 


Potrebbe inoltre chiedere un supporto psicologico in riferimento a questa sua decisione che deve prendere ed essere così accompagnata e aiutata sia a livello decisionale (dove poter parlare anche nel dettaglio del passato e di cosa le crea questa paura attuale) sia emotivo. 


Resto disponibile per informazioni, domande aggiuntive e/o eventuale consulenza online.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoanalisi"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come comunicare i miei sentimenti alla mia psicologa?

Sono in psicoterapia psicodinamica da ormai 4 anni. Ho iniziato da adolescente per problemi di ansia ...

3 risposte
Come chiarirsi

Ho 34 anni, sono Calabrese e, quando avevo 21 anni, per motivi di studio e poi lavoro mi trasferii a ...

3 risposte
Le maestre segnalano che il bimbo è ingestibile

Salve, sono la mamma di un bimbo di tre anni e mezzo. Da 4 giorni ha iniziato la materna, i primi ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.