Condividi su:

La maggior parte degli atleti che ho seguito in questi 10 anni di attività mi hanno riportato come primo aspetto critico della propria prestazione un’inefficace gestione emotiva legata soprattutto alle competizioni.

Durante il percorso di mental training che hanno intrapreso con sorpresa hanno potuto apprezzare e sperimentare come l’ansia in realtà, se letta come manifestazione dell’attivazione fisiologica, non è sempre un fenomeno negativo, tutt’altro!

Se gestita efficacemente, può addirittura stimolare il miglioramento della performance, incrementando la propria efficienza, il livello di attenzione e la capacità di concentrazione. Questa ansia positiva viene definita eustress, dal greco “stress buono” ed è da considerarsi una valida alleata della nostra prestazione.

Conoscere il proprio livello di attivazione ottimale e apprendere con il supporto di un preparatore mentale tecniche di rilassamento che ci permettano di non superarlo, consente all’atleta a tutti i livelli di preservare quella tensione positiva e stimolante che porta un aumento di efficacia dell’esecuzione del gesto e un miglioramento della performance.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia del benessere"?

Domande e risposte

È normale che faccia male?

Ho realizzato di essere lesbica poche settimane fa e penso di averlo da sempre saputo! Però ...

4 risposte
Genitori oppressivi

Buongiorno sono una ragazza di 22 anni e mia madre non mi fa vivere. Non vuole che abbia un fidanzat ...

5 risposte
Emotività

Sono una persona che tendenzialmente supera facilmente i dispiaceri, non piango, non ho alcuna valvo ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.