Condividi su:

Tale armatura poteva trovarsi in superficie o in profondità,

poteva essere molle come una spugna o dura come un sasso;

 in ogni caso essa aveva la funzione di proteggere dal dispiacere”

(W. Reich, 1942)

L’Analisi Bioenergetica è un metodo che combina psicoterapia corporea e psicoterapia verbale. Il concetto di integrazione è basato sul fatto che mente e corpo formino un’unità. Noi siamo i nostri pensieri, emozioni, sensazioni, impulsi ed azioni.

Il primo a descrivere “il linguaggio del corpo” fu W. Reich, inteso come l’espressione degli occhi, del viso, la qualità del tono di voce o i vari tipi di tensioni muscolari.

Reich notò nei pazienti una scissione fra le varie espressioni corporee, ed osservò che iniziata la terapia, le tensioni muscolari mutavano. Sperimentò, dunque, come rilassare i muscoli, cronicamente tesi, mediante pressione diretta e scoprì che, in questo modo, il paziente poteva entrare in contatto con emozioni forti, a lungo dimenticate, e con ricordi dolorosi. Il suo allievo A. Lowen coniò il termine “bioenergetica”. Egli anziché limitarsi alla sola pressione e manipolazione delle tensioni muscolari croniche, fece uso di alcune posizioni di stress, che potevano aiutare tali tensioni a rilasciarsi. La prova evidente di questo ammorbidimento delle tensioni, era l’insorgere nei muscoli di una fine vibrazione. Giunse alla conclusione che i blocchi muscolari impedivano il libero scorrere dell’energia, privando la persona di una parte della sua vitalità e della sua personalità.

Il radicamento (grounding), concetto di base introdotto da Lowen, descrive il contatto energetico con la realtà. Allo scopo di avere un buon contatto energetico, è indispensabile che l'energia scorra liberamente verso quelle parti del corpo che sono a contatto diretto con il mondo esterno: organi di senso, braccia e mani, gambe e piedi, pelle e organi sessuali.

L’assunto di base è che, nel corso della crescita, facciamo esperienza di come la libera espressione delle nostre emozioni si scontri con il rifiuto, la disapprovazione, la punizione.

Nella vita impariamo molto presto a controllare le nostre emozioni.

Questo ha delle conseguenze, in quanto bloccando le espressioni emotive, blocchiamo anche permanentemente i muscoli coinvolti in queste espressioni, medianti tensioni croniche inconsce.
blocchi nella gola e nelle mascelle ci impediscono di piangere o di urlare,  ma d’altro canto ci impediscono anche di cantare o di gridare di gioia. I blocchi nelle spalle e nelle braccia frenano non soltanto il nostro desiderio di aggredire e di colpire, ma anche il nostro desiderio di abbracciare. I blocchi nella vita frenano il pianto e le grida altrettanto bene di quanto ci limitano il respirare e il sospirare. La contrattura dei muscoli delle gambe e dei piedi blocca la spinta alla ribellione, ma diminuisce anche la nostra capacità di sorreggerci e di essere indipendenti. I muscoli della parte bassa della schiena, delle natiche, delle cosce, del pavimento pelvico sono invece coinvolti nel controllo della sessualità e delle funzioni escretorie.

L’ Analisi e Psicoterapia Bioenergetica risulta dunque di grande utilità per tutti, in quanto ripristina un funzionamento psicofisico adeguato e consente l’aumento del livello energetico, attraverso esercizi respiratori che stimolino la consapevolezza dello “stare nel presente” e manipolazioni corporee che sciolgano le contratture muscolari, permettendo di giungere, in modo rapido, ai nodi emozionali inconsci del paziente. Inoltre è di grande efficacia in tutte le situazioni sintomatiche di origine psicologica e psicosomatica. 

L’incontro terapeutico diviene così “un mondo reale di co-creazione, co-presenza e condivisione di affetti, in cui ciascuna parte gioca la propria autenticità, e può sentire l’altro, fidarsi di lui, affidarsi a lui” (May 1991).

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia del benessere"?

Domande e risposte

Non riesco a capire perchè mia figlia mi odia !!

Buonasera, mi trovo a scrivere dopo l'ennesima lite con mia figlia di 19 anni .. non so più dove ...

9 risposte
Sono ossessionato dal sogno di diventare un bravissimo clarinettista

Mi presento, sono Riccardo Lollo e ho 16 anni... il mio più grande sogno è diventare ...

7 risposte
Ansia di non riuscire a fare alcunchè di positivo nella vita lavorativa

Buonasera, ecco il mio problema. Sono ansiosa, ho l'ansia di restare l'ultima rispetto agli altri...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.