Psicologia del benessere

Liberarsi dai sensi di colpa

04 Marzo 2019

contattami

Condividi su:

Il senso di colpa serve a star male, cosa diversa dal riconoscere le proprie responsabilità quando si commette un errore, scusarsi e riparare il danno arrecato, ripromettendosi di non ripetere in futuro il comportamento che ha portato conseguenze negative a terzi.

Chi è prigioniero dei sensi di colpa, teme a priori di far soffrire gli altri, di urtare la sensibilità, di sbagliare, mentre non considera importante il proprio vissuto di preoccupazione costante. I sensi di colpa ci fanno leggere situazioni negative per altri, dove noi non abbiamo alcun potere, come determinati da noi, e ci fanno attivare per porre rimedio. Es. Amica/o o collega umorale, che ci saluta freddamente (in quanto assorbito dai suoi pensieri), lo interpretiamo: cosa ho fatto affinché si comporti in modo distante, devo assolutamente essere gentile e disponibile con lei/lui.

Il senso di colpa può essere legato alla bassa autostima e al tentativo successivo di farsi accettare dagli altri essendo compiacenti (non rifiutare le richieste anche se le consideriamo eccessive, adattarsi alle esigenze, domandare con difficoltà. Es La/il collega pianifica le sue ferie e poi noi rimaniamo con i giorni restanti. Ci costa fatica chiedere un cambio turno, non vogliamo disturbare), anteponendo i bisogni altrui ai propri (vado a vedere al cinema il film che piace all’amica/o, anche se non è il mio genere), minimizzando l’impatto emotivo negativo su di noi di attacchi volontari o insensibilità altrui (non voleva ferirmi).

Ci esponiamo alla manipolazione e alla poca considerazione, anche involontaria dell’altro: ci sarà chi farà leva, anche in modo molto sottile, sul nostro senso di colpa per trarne un vantaggio personale (se fai così, mi fai star male) o chi inavvertitamente ci ferisce o trascura (non posso più venire con te in vacanza, so che tu non te la prenderai).

Cosa possiamo fare per liberarci o almeno mettere in un angolo i nostri sensi di colpa?

Intanto riconoscere questo nostro automatismo disfunzionale e dircelo: è il mio senso di colpa che mi sta parlando, mi sta facendo soffrire e mi induce a comportarmi così.

Individuare le manipolazioni altrui: vuole farmi sentire in colpa, anche se mi sono comportata/o in modo rispettoso e corretto.

Far emergere i nostri bisogni e desideri: cosa voglio e cosa non voglio, cosa mi piace e cosa non mi piace.

Sentirsi in diritto di muoversi verso i propri obiettivi e scopi: se vado verso la mia realizzazione personale, non sto andando contro a nessuno.

Sganciare la propria autostima dall’approvazione altrui: non succede nulla se dico di no alle richieste o se ho un contrasto, vado bene comunque.

Se ci rendiamo conto che uno o più di questi passaggi sono per noi difficili, possiamo chiedere aiuto ad uno psicologo psicoterapeuta, che ci accompagnerà nel percorso di allontanamento dai sensi di colpa.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia del benessere"?

Domande e risposte

Come posso respingere la nascente insofferenza verso il ruolo che devo avere?

Buonasera, ho 20 anni e da sempre sono stato cresciuto, "addestrato" e indirizzato per portare avant ...

6 risposte
concorsi e sfide

Salve sono la mamma di un bimbo di 6 anni appassionato, fin da quando aveva 2 anni, di LEGO.L'ho ...

4 risposte
Come superare il momento?

Buongiorno a chi mi vorrà rispondere. La mia situazione è questa: ho quasi 30 anni, ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.