Vigoressia: cosa è come riconoscerla

La vigoressia è un disturbo incluso nel manuale psicodiagnostico DSM V, e in particolare ricade nella categoria "Disturbo Evitante/Restrittivo dell'assunzione di cibo.”

Consiste nella “preoccupazione cronica di non essere sufficientemente muscolosi e tonici”, in caso di donne, muscolati e magri ,e in generale si intende la tendenza quasi ossessiva, di avere un fisico atletico e perfetto.

Questi individui vanno in palestra ogni giorno e condizionano in maniera particolarmente marcata la loro routine, a vantaggio dell’allenamento che serve apparentemente a scolpire il loro corpo, ma in realtà sotto sotto potrebbe nascondere un altro intento.

Ossia quello di soddisfare una carenza, un'insoddisfazione, un concreto problema di autostima e sicurezza personale.

L’insoddisfazione nei confronti di se stessi, viene trasferita sul corpo, che rappresenta la maschera di una sicurezza a cui si tende, ma che al momento non è detto che si abbia.

Va precisato subito che questo disturbo non ha nulla a che fare con la sana passione di chi va in palestra anche spesso, ma la intende come divertimento, passione, luogo di autoespressione e socializzazione, dove l’autostima c’ entra poco.

La vera autostima è quella infatti di chi si accetta come è, e cerca di migliorarsi senza stravolgere e condizionare profondamente se stesso, la propria personalità e la propria rete sociale.

Il limite infatti tra soggetto affetto da vigoressia e semplice amatore del fitness, è ahimè molto sottile e fare confusione è facilissimo.

La caratteristica che distingue compiutamente queste due figure è comunque quell’aspetto del proprio comportamento per cui si stravolge completamente la propria routine a vantaggio della palestra, fino  all’auto-condizionamento estremo; il vigoressico tende infatti a isolarsi e a far girare tutti i suoi interessi dietro alla palestra, sacrificando anche amicizie importanti.

Inoltre egli organizza la sua routine verso una:

 

  • Ricerca smodata della perfezione fisica;
  • passa un tempo eccessivo in palestra (ogni giorno anche due ore)
  • abusa di integratori alimentari e cibi ipocalorici;
  • è competitivo verso gli altri e ipercritico verso se stesso

Probabilmente questo disagio è figlio del nostro tempo, dove la giovinezza e la bellezza sono considerati veri e propri valori  cui attenersi; vero, però, che il vigoressico ha una fragilità di fondo, che ha origini tutte da esaminare e che non si possono collegare esclusivamente al concetto di bellezza come valore.

Chi ha questi disturbi probabilmente ha questioni irrisolte, più personali che altro, e l’enfasi data alla perfezione fisica, molto probabilmente, contribuisce solo in parte all’espansione della Vigoressia.

commenta questa pubblicazione

Sii il primo a commentare questo articolo...

Clicca qui per inserire un commento

AREA PROMO

Dott.Roberto Benis

psicologo clinico, psicologo dello sport - Bergamo

  • Disturbi d'Ansia e dell'Umore
  • Preparazione mentale nello sport
  • Tecniche di mental training per atleti professionisti e amatoriali
  • Depressione
  • Problematiche legate all'autostima
  • Mindfulness
  • Psicologia del Benessere
  • Psicologia della salute
  • Stress e disturbo post-traumatico
  • Life Coaching
  • ACT e terapia di terza generazione
  • Tecniche di gestione dello stress
  • Training di rilassamento
  • Disturbi psicosomatici
  • Psicologia scolastica
  • Deficit d'iperattività e d'attenzione
visita sito web