Psicosi

Da un po' di tempo non riesco più a essere presente mentalmente

Haru

Condividi su:

Salve, in questi anni -2018 ma soprattutto quest'anno- non riesco a vivere nessun momento.
È un po' come se la mia presenza fosse limitata ad alcuni momenti.
Mi sento stanca e sapere di avere cose da fare mi fa perdere la voglia di provare anche solo ad iniziarle. Mi sento distante dal mondo. Il mio punto di vista è distante, tanto che a volte mi sale la confusione e per capire se sono davvero in un posto devo toccare gli oggetti che mi circondano.
Le giornate passano in fretta e non capisco più cosa sto facendo, mi sembra tutto un continuo senza fine.
Vado già da una psicologa ma non riesco mai a dirle quel che vorrei e quando ce la faccio non ottengo mai risposte soddisfacenti. La vedo una situazione un po' triste, a volte mi piacerebbe avere un supporto ma non ho veramente un amico con cui parlarne e mi ritrovo a pensarci ogni volta giungendo sempre alla solita risposta: "mi trovo scomoda in questa vita, in questa situazione e in questo corpo".
Ringrazio in anticipo chi risponderà a questo mio sfogo.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve,


la mia indicazione è quella di condividere con la sua psicologa la difficoltà che ha nel far uscir fuori le sue emozioni, i suoi pensieri, i suoi vissuti durante i vostri incontri.


Durante la giornata dedichi anche solo 10 minuti a se stessa per stare un po' in connessione e provare e trovare un equilibrio ( es: respirare e inspirare) , scrivere tutto ciò le fa stare male e poi strappare tutto.


Rimango a disposizione,


Saluti


Dott.ssa Margherita Motta

Salve, mi spiace molto per la situazione che descrive poiché comprendo il disagio connesso.ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.


Credo che un percorso cognitivo comportamentale possa essere utile al fine di identificare i pensieri disfunzionali che mantengono in atto la sofferenza impedendole di raggiungere uno stato di benessere.


Resto a disposizione, anche online.


Cordialmente, dott FDL 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicosi"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Inizio di una psicosi tardiva

Dopo un periodo di miglioramento purtroppo rivelatosi solo apparente, riecco gli assalti di una ...

2 risposte
Primo caso di psicosi

Mio fratello ha avuto un primo episodio psicotico in seguito ad un periodo di particolare stress con ...

1 risposta
Come comportarsi con compagno bipolare, padre di mia figlia?

Buongiorno a tutti. Mi rivolgo a voi perché sono disperata e non so più come comportar ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.