Dormire soli

Sara

Buongiorno, mio figlio ha 15 anni, dorme con la sorella. Però noi abbiamo preparato già da un anno, in vista delle superiori, una stanza solo per lui al piano superiore. Ora questa stanza la utilizza per freccette e materiale pesca, di cui lui è appassionato. Ogni sera io rimango nella camera di loro due per fare compagnia alla sorella finché si addormenta, poi vado nella mia stanza. Entrambi restano a dormire tranquilli. Il ragazzo va bene a scuola, anzi mi dicono anche troppo maturo per la sua età. Non capisco il perché non voglia dormire nella sua camera, ha provato, poi si è alzato ed è tornato nella sua camera. Premetto che quattro anni fa la sorella di 9 anni ha avuto problemi di salute, ha dovuto fare due interventi e radio terapia e siamo rimaste via di casa per qualche mese. Ora sta bene, fa i controlli di routine. Grazie per eventuali risposte e buona giornata.

2 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Sara, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e le preoccupazioni di una mamma. Ritengo importante approfondire la questione mediante un consulto psicologico al fine di capire importanti dettagli della storia personale e familiare del ragazzo e per trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarlo ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che gli impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarlo a parlare con se stesso utilizzando parole più costruttive.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Gentile Sara,

da come descrive la situazione potrebbe essere magari dovuto a questa paura in riferimento al passato medico ma magari anche a qualcosa di suo. Lui quale motivazione darebbe? La sorella è contenta di condividere la stanza o preferirebbe avere la sua privacy?

Sa stare da solo magari di giorno o preferisce la vostra compagnia? La notte per lui cosa rappresenta?

Se il dubbio dovesse persistere anche dopo un dialogo aperto con vostro figlio vi consiglio di valutare un breve percorso psicologico dove insieme a un esperto poter indagare meglio questo vissuto, avere uno spazio solo per lui o voi insieme e da li capire come ripartire e vivere la vostra vita serenamente a 360°.

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, Rivoli e online