Adolescenza

I miei genitori mi impediscono di vivere la mia vita

Asia

Condividi su:

Ho 20 anni e i miei genitori mi trattano come se ne avessi 12, non mi permettono di fare nulla.
Ora non si può, ma quando era possibile, se uscivo alla sera non potevo mai tornare dopo mezzanotte, perdendo così la possibilità di fare qualcosa di diverso dalla solita uscita in centro, e questo anche se non erano loro a dovermi venire a prendere. Vorrei specificare che inoltre hanno sempre conosciuto tutti i miei amici con cui uscivo abitualmente, perciò sapevano anche precisamente con chi fossi.
Negli anni in un modo o nell’altro mi hanno fatto perdere tutte le amicizie che ho avuto, oppure ne manipolavano altre. Mia mamma ha praticamente obbligato a chiedermi di uscire una ragazza con cui ero amica anni prima, e che in quel periodo era sempre pronta a criticare, solo perché voleva che non uscissi più con un’altra amica, inoltre riuscendo nel suo intento.
Mi hanno sempre criticata, per tutto, aspetto fisico, peso, per l’essere troppo magra o troppo grassa (a seconda dei periodi), per il mio modo di vestirmi, per la mia voce, la mia risata, ciò che mi piace, il mio carattere, lo studio, letteralmente qualunque cosa, non vado bene in niente. Mi hanno sempre fatta sentire inadatta.
Hanno sempre avuto l’ossessione che quando uscivo gli mentissi su cosa avrei fatto realmente, dove sarei andata o con chi sarei stata. Hanno sempre dubitato di me, credendo che saltassi scuola senza dirglielo, che facessi qualcosa di sbagliato. La cosa che più mi stupisce di tutto ciò è che non gli ho mai dato motivo di farlo, non ho mai “tagliato” a scuola, non ho mai creato problemi, gli dicevo sempre la verità, poi un po’ perché non venivo mai creduta, un po’ perché non sopportavo il senso di oppressione che mi creavano, ho iniziato anche a dirgli qualche piccola bugia su alcune cose, ma nulla di grave, e soprattutto ho iniziato a farlo solo dopo.
Ora sono fidanzata con un ragazzo di 22 anni e hanno iniziato a criticare pure lui, non ci permettono mai di dormire insieme, e se dovesse esserci la possibilità non mi lascerebbero fare una piccola vacanza di qualche giorno con lui in estate.
Non ne posso più, mi fanno sentire sempre di più uno schifo, in più ho sempre di più il timore che questo ragazzo possa stufarsi di dover sopportare tutto questo, di non poter fare nulla per colpa loro.
Non so come fare, quest’anno finirò le superiori (perché ho perso un anno) e sto iniziando a pensare di abbandonare il mio sogno di tutta la vita, l’Università, per poter cercare un lavoro e scappare finalmente da questa prigione.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Asia, la situazione che vive è sicuramente difficile perché non può cambiare la testa dei suoi genitori. Ma potrebbe lavorare su di sè per rafforzare la sua stima e per staccarsi dalla dipendenza e dai sensi di colpa. Rinunciare al suo sogno universitario sarebbe per lei un'ulteriore sconfitta in questo momento. Perché non prova a fare un percorso di psicoterapia prima di prendere una decisione così importante? Un caro saluto.


Stefania Martino 

Ciao Asia


La situazione con i tuoi genitori, descritta da te, sembra piuttosto critica, manca dialogo e comprensione.
Il mio consiglio e di perseguire comunque il tuo sogno di frequentare l'Università, in modo da poterti creare una vita autonoma.
Credo che anche i tuoi genitori sarebbero contenti di avere una figlia Laureata.
Con il tempo anche i tuoi genitori cambieranno atteggiamento nei tuoi confronti.
Rimango a tua disposizione per ulteriori contatti telefonici che trovi su sito oppure su WhatsApp.
Ti saluto cordialmente

Cara Asia


Non rinunciare ai tuoi sogni. Se desideri andare all'università non rinunciare. Capisco perfettamente la tua difficoltà e mi dispiace tantissimo. Ormai tu sei grande e stai cercando in tutti i modi di andare avanti. Cerca, se puoi, di svincolarti da questa situazione familiare,  molto complessa e svalutante. Chiedi aiuto ad un professionista, che possa darti la forza di procedere, di crescere, senza sentirti in colpa. Purtroppo hai potere su ciò che puoi fare tu e non sui tuoi, che non cambieranno. L'unica persona che può cercare di modificare la situazione sei solo tu. Ricorda che sei molto di più di ciò che ti viene detto, anzi sei molto altro e molto meglio. 


Auguro buona fortuna


Dott.ssa Elisa Danza 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Sconforto per scelta universitaria

Buongiorno, sono una studentessa di 19 anni, da poco diplomata al liceo scientifico con pieni voti...

2 risposte
Figlia adolescente introversa

Da qualche tempo sono molto preoccupata, mia figlia quasi 14 anni non ne vuole sapere di relazionars ...

2 risposte
Mia figlia ha bisogno della mia presenza per dormire

Mia figlia di dodici anni ha ancora bisogno della mia presenza per dormire. La sera andiamo tutti a ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.