Adolescenza

Isolamento volontario

Chiara

Condividi su:

Buongiorno
Mia figlia di 15 anni con buoni profitti a scuola e nello sport, da circa 4 mesi si è isolata volontariamente dai suoi amici (dice che non hanno niente in comune, che non sanno ascoltare ma solo parlare dei loro problemi) al liceo non ha legato con nessun compagno per lo stesso motivo; la scuola le piace ma troppo spesso ultimamente chiede di stare a casa. Vuole abbandonare anche lo sport perché non le interessa più.
È seguita da una psicologa da circa un anno (all inizio L abbiamo portata su sua richiesta perché aveva episodi di rabbia con la sorella che ha 11 anni e nel pieno della vivacità) e ha continuato perché dice che almeno lei sa ascoltare
Anche a detta della psicologa, sembra sia matura per la sua età , rigida nelle convinzioni,....io la vedo apatica e priva di interessi, mentre neanche un anno fa voleva spaccare il mondo. Ha giorni brutti dove mi fa spaventare con brutti pensieri che ha in testa, un giorno mangia niente, il giorno dopo mangia tantissimo. Ha avuto attacchi di panico e mi parla di depressione. Dorme tantissimo.
Il problema è che lei dice che non vuole provare a cambiare, però parlandone alla psicologa e a me, e vedendo il suo dolore nelle giornate buie, io intuisco il contrario.
Io vorrei non abbandonasse lo sport perché si isolerebbe ancora di più e poi starebbe tutto il giorno a casa, lei mi risponde che la vita è sua e decide lei; secondo me sarebbe un errore anche perché non ha voglia di fare niente altro.
Ho fiducia nella psicologa attuale, anche perché ha cominciato a ottenere la fiducia di mia figlia solo nelle ultime sedute. Però vorrei sentire anche un parere da voi
Grazie

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Chiara,


da ciò che scrive mi sembra che sua figlia stia vivendo un grande momento di cambiamento, anche in coincidenza della fase evolutiva in cui si trova. L'adolescenza si manifesta con una serie di nuovi bisogni e il cambiamento in alcuni ragazzi è impegnativo. Le dia il tempo di sperimentarsi in questi nuovi abiti, come credo stia già facendo, mostrandole la sua vicinanza e offrendole la possibilità di essere sostenuta dalla psicologa che la segue.


In bocca al lupo.

Buon giorno


il comportamento che cambia così repentinamente lascia pensare che sia successo qualcosa, è una forma di difesa naturale quella di disinvestire in tutto si arriva al blocco , al disinteresse generale. probabilmente dell'accaduto non riesce parlarne a nessuno. A volte è un fatto concreto , altre volte anche una esperienza che ha a che fare con i social , che non perche avviene su internet è meno traumatica del reale.


E' importante che ci sia una persona di cui si fida per potersi confidare, questo permette di sdrammatizzare le cose e di guardarle da un punto di visto più realistico.


I genitori in questa situazione dovrebbero mantenere un atteggiamento di comprensione ma anche di fermezza, si può arrivare a litigare, l'importante è dimostrare che si è vicini e realmente interessati a lei accettando qualsiasi cosa sia successo.

Salve,


i 15 anni per un/una adolescente sono particolarmente difficili per la crescita e per il relativo cambiamento nel percorso personale.


Molto spesso il disagio si riflette nel cibo, nella chiusura verso l’esterno e il bisogno di dormire quale separazione dagli eventi che nel quotidiano non soddisfano più.


In particolare la   rigidità nelle convinzioni e l’apatica, i  brutti pensieri e gli attacchi di panico sono significativi di un cambiamento interno nella persona.


Quindi le consiglio di avere per prima lei come madre la fiducia della psicologa che segue sua figlia nonché di dimostrare più fiducia in sua figlia: la ascolti di più senza giudicare le sue incertezze, le amarezze e le delusioni del presente.


Le accolga come espressioni naturali di una quindicenne che richiede da parte degli adulti stima, riconoscimento, valore e sostegno in un  suo processo di crescita dove sono presenti anche la  conflittualità e la  rabbia.


Cordiali saluti

Gent.le Chiara, la persona più adatta a rispondere ai suoi dubbi è la psicologa che segue sua figlia e che faticosamente ma pazientemente ne ha conquistato la fiducia. Sua figlia ha 15 anni, età burrascosa di ricerca e consolidamento dell'identità, affronti tutto ciò con meno ansia possibile in sinergia col lavoro della terapeuta. E poi...pazienza, tanta pazienza.


In bocca al lupo

Gent.ma Chiara,


credo che la privacy di sua figlia vada rispettata visto che é una ragazza matura di 15 anni.


È doveroso non interferire col lavoro della collega è trovo debba avere più fiducia nella professionista che la segue e in sua figlia.


Non è corretto interferire e sminuire il lavoro altrui.


Chieda un colloquio alla psicologa e le esponga le sue perplessità,


Cordialità 


 


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Dopo sei anni dal divorzio dei miei genitori ancora non riesco a stare bene

È ormai qualche anno che ho dei problemi con il sonno dormo un massimo di 5/7 ore. Trovo ...

8 risposte
Figlio volgare e violento

Buongiorno, Mio figlio ha 13 anni e da 1 mese ha comportamenti sia violenti che volgari. Insulta i ...

11 risposte
È normale provare continuamente nostalgia per qualcuno che ci ha delusi?

Allora, da dove iniziare? In estate ho conosciuto una ragazza con cui ho subito creato un bellissimo ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.