Adolescenza

Mio figlio si rifiuta di convivere con la mia compagna

elena

Condividi su:

Buongiorno, cercherò di essere breve. Sono la mamma 40 enne di un ragazzino di 13 anni che vive con me da 8 mesi, poichè sto affrontando una causa giudiziaria col padre. Io e mio marito 60 enne e disabile, eravamo separati in casa. Nostro figlio lo sapeva, come sapeva che sono omosessuale. Quando mio figlio compie 11 anni mi innamoro di Irene e chiedo la separazione, che viene presa molto male da mio marito che inizia una causa giudiziale chiedendo l affidamento esclusivo di nostro figlio. Io faccio altrettanto. Mio figlio insiste per voler stare col padre, e io accetto che stia col padre che gli fa tante promesse che non mantiene e dimostra di non essere in grado di occuparsene, poichè fisicamente non ne ha la forza e non ha idea di come si mandi avanti una casa. Stando col padre, mio figlio non frequenta piû la scuola (3 mesi di fila), e abbandona tutte le sue passioni, vivendo e stando a contatto col padre 24 ore su 24. Al che faccio un istanza uregente per salvare mio figlio. E ho ottenuto l affidamento esclusivo ma non definitivo. Sono riuscita a recuperare mio figlio in tempo: ha ripreso la scuola conclusa con ottimi voti, si è fatto degli amici, fa una vita normale. Mio figlio oggi ha 13 anni. Il mio problema: mio figlio si rifiuta nel modo piû categorico di convivere con la mia compagna che non ha mai conosciuto per via della causa giudiziale e perchè ostacolato e plagiato dal padre. Mi chiedo: pretendo troppo? Devo rinunciare alla vita affettiva di coppia? La mia compagna vive al nord, io al sud. Se non chiedo troppo nel voler vivere con mio figlio e la mia compagna, come posso modificare il pensiero di mio figlio che dice: assolutamente no! Ti accetto perchè sei gay, ma lo fai fuori casa. Io non la voglio frequentare la tua compagna! Qualche suggerimento? Dopo 2 anni non pesanti e sacrificati per salvare mio figlio dal padre, ho qualche lontana speranza di essere anch io serena?

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Elena, 

ci sono scelte in cui gioca molto la libertà personale; in questo caso tuttavia lei deve, come ha fatto finora, pensare anche alla tutela del minore. Forse, dopo aver così faticato per "recuperare", tra l'altro sembra molto bene, suo figlio da una situazione difficile, potrebbe aspettare ancora qualche anno prima di turbarlo con una convivenza sgradita.

I 13 anni sono un'età ancora molto critica in cui i preadolescenti maschi sono ancora molto attaccati alla figura materna e sensibili ad allontanamenti, perdite ecc., ma tra qualche anno la situazione sarà molto cambiata. Con l'adolescenza ci sarà un distacco sempre più forte con il passare degli anni dal nucleo familiare.

Dott.ssa Rita Messini Latina (LT)

Salve in merito alla sua domanda ha speranza di essere felice, il punto della questione è che all'età di suo figlio e per la storia da lei raccontata il problema non è su chi sia il compagno del genitore, il problema è che all'età di suo figlio non rinunciano ai loro genitori e li desiderano entrambi per sè, per loro è già difficile accettare la separazione, in quanto, mamma e papà li vogliono sempre con loro, poi se c'è un compagno/a viene visto come una minaccia alla relazione esclusiva che desiderano, quindi per i figli accettare le separazioni dei genitori non è facile, provi ad andare con suo figlio da un collega privatamente ed iniziare un percorso per elaborare la separazione ed accettarla, e capire come in un secondo momento gestire la relazione con il nuovo compagno/a che il genitore frequenta ed ama, ma che per il bambino è un estraneo che toglie tempo a lui di stare con la sua mamma o il suo papà. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Salve signora... credo che suo figlio le abbia già dato un modo per poter vivere la sua storia d'amore in modo sereno. I consigli non si danno, ma forse per lui è meglio che lei lo faccia "fuori casa". Credo che per lui, il fatto di avere due genitori in lotta sia stato, ed è faticoso da accettare, così come una relazione, omosessuale o meno. Non pretenda che accetti tutto insieme, dia il tempo anche a lui di poter "digerire" tutto quello che è successo. Per lei ci sono voluti anni per decidere di separarsi e molti  di più per darsi la possibilità di poter vivere una storia importante. Provi a  non imporre nulla. I figli amano vedere i propri genitori felici. E credo che gli farà bene vedere che in coppia ci si ama e non si fa solo la guerra. Forse smetterà anche lui di farla a lei. Buona serenità

 

 

 

 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco ad essere sincera con mia madre e ad aprirmi con lei

Salve, sono una ragazza di 21 anni e scrivo per un aiuto nel migliorare il rapporto con mia madre ...

3 risposte
Come superare una depressione da tanti anni ed avere l'autostima più alta?

Sono una ragazza che soffre di depressione da qualche mese, ma perché ho avuto un periodo ...

2 risposte
Come fare se si è visto un abuso su adolescenti?

Salve, scrivo qui pur sapendo che potrebbe essere il luogo sbagliato, ma ho bisogno di sapere come ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.