Adolescenza

Mio figlio di quasi 14 anni non riesce a dormire nel suo letto

Alessandra

Condividi su:

Buonasera,
sono una madre divorziata da quando mio figlio aveva sei anni. Sono molto presente nella sua vita e le mie relazioni personali non si sono mai inserite nel nostro rapporto. In sostanza non gli ho mai presentato nessuno altro uomo.
Adesso mio figlio ha quasi 14 anni, ha una vita sociale regolare, va bene a scuola, ma noto, adesso che è più grande, che dipende molto dal mio giudizio e da ciò che io decido o meno di fare nelle più svariate circostanze.
La cosa che mi preoccupa di più è che non riesce a dormire da solo nel suo letto ed ogni notte viene a coricarsi con me.

Ho cercato di fargli capire che è sbagliato ma lui ha interpretato il mio diniego come rifiuto e si è molto risentito. La situazione che trovo più paradossale è che quando si trova dal padre, che è sposato con un'altra donna, dorme da solo addirittura in un piano diverso rispetto alla camera da letto del papà. So che la responsabilità è mia, perché, cercando di non far soffrire troppo mio figlio per la separazione con il mio ex marito, ho chiuso il mio mondo attorno a lui. Vorrei riparare ma al contempo non vorrei pensasse che lo sto allontanando.

Con il padre il rapporto è abbastanza costante ma poco costruttivo. Spesso mi racconta di come non si senta capito e considerato da lui. Eppure è già indipendente, rimane a casa da solo e se deve andare da un amico non esita ad uscire per i fatti suoi.

Come posso aiutarlo a crescere più sicuro e meno dipendente da me, senza che questo lo possa ferire? Soprattutto come faccio a fargli capire che deve dormire nel suo letto? Tengo a precisare che ultimamente e più di una volta mi ha detto che a lui farebbe piacere se avessi un fidanzato.

Ringrazio anticipatamente per la risposta che vorrete darmi

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Alessandra,


ci sono vari elementi che mi fanno pensare che suo figlio avverte il bisogno di rassicurarla affettivamente.


Sembra paradossale, ma il fatto che risulti autonomo ed indipendente con il padre e regredisca con lei, può voler significare che sente di doverla in qualche modo risarcire per la separazione vissuta e per la sua assoluta dedizione. In altre parole è come se si prendesse cura di lei o si sentisse in colpa nel lasciarla sola o nel contraddirla. Questo non significa che sia stata lei a trasmettergli queste convinzioni, ma probabilmente è un suo vissuto, tra l'altro tipico dei figli dei genitori separati. Anche la richiesta di fidanzarsi rimanda ad un bisogno di vederla soddisfatta e felice con un altro uomo accanto. In altre parole è come se suo figlio si stesse prendendo la responsabilità di farle simbolicamente "da marito", dormendo con lei nel lettone. Suo figlio ha bisogno di emanciparsi da lei e lei da suo figlio, con la reciproca consapevolezza che questo non significa abbandonare o non amare. Sarebbe auspicabile che entrambi iniziaste un percorso (ognuno per conto proprio) che vi aiuti a svincolarvi da un rapporto esclusivo che consenta a lei ed a suo figlio di evolvervi e di essere felici. Le auguro un grosso in bocca al lupo.

Gentile Signora,


si dovrebbe approfondire la storia di suo figlio, per esempio se ha vissuto momenti di separazione, come ha reagito alla vostra separazione etc.... possono esserci diversi significati rispetto al fatto che suo figlio non riesce a dormire da solo. Io le consiglio di consultare qualche collega che certamente può aiutarla a mettere chiarezza. La ringrazio per avermi contattata.

Gentile signora, 


premesso che qualunque diagnosi e interpretazione per essere fondate necessitano di un rapporto clinico che non è possibile in questa sede, si possono avanzare delle ipotesi riguardo il comportamento di suo figlio. 


Il ragazzo si avvicina all'adolescenza, o è già in questa fase, in cui il processo di "svincolo" dalla famiglia di origine subisce una brusca accelerazione, in conseguenza della maturazione psico-fisica. E' possibile perciò che il ragazzo si renda conto di un suo prossimo crescente distacco nei confronti della madre e del cambiamento che inevitabilmente interesserà il legame madre-figlio e, di conseguenza, può preoccuparsi della possibile "solitudine" della madre. 


Ciò renderebbe conto sia del desiderio espresso che la madre abbia un fidanzato, sia forse di questa ricerca di vicinanza che sarebbe una sorta di compenso, di reazione alla sua preoccupazione.


Ovviamente, come le ripeto occorre un coloquio clinico, eventualmente anche on line, per confermare l'ipotesi, cui far seguire successivamente anche un percorso psicologico, che può essere ntrapreso anche dalla sola madre, come può meglio capire leggendo l'articolo al seguent link 


https://www.psicologi-italia.it/disturbi-e-terapie/psicoterapia-della-gestalt/articoli/MigliorarelerelazioniinterpersonaliconlaTerapiadellaGestalt.html


Cordiali saluti

Salve Alessandra,


è chiaro che suo figlio, con la separazione, ha sentito di poter prendere il posto di suo padre accanto a lei e da allora sembra occuparlo anche nel suo letto.


Dal suo racconto mi sembra che lei abbia avuto un ruolo facilitante in ciò creando un rapporto simbiotico con lui.


Spesso, di fronte alla separazione, i figli reagiscono con atteggiament i protettivi e tutelanti verso i genitori, specie verso quello che avvertono più fragile o emotivo. In altre parole, si fanno carico dei bisogni affettivi del genitore.


Suo figlio potrebbe star facendo, ancora oggi, questo come se avesse percepito, e continuasse a percepire, che lei ha bisogno di lui per andare avanti.


Mi incuriosisce, infatti, che a distanza di tempo, lei non gli abbia mai presentato nessun altro uomo e che nessuno si sia mai interposto, come lei afferma, tra di voi.Questo, al di là di un atteggiamento cauto e tutelante nei suoi confronti, dà sicuramente un messaggio a suo figlio di difficoltà da parte sua a riorganizzare la sua vita in maniera autonoma ed indipendente.


Cominci con fargli vedere che  è in grado di riprendere da sola in mano la sua esistenza, di avere nuove relazioni, senza nascondergliele.


Solo così potrà rompere questa simbiosi (di cui sembra più bisognosa lei che suo figlio) e permettere al ragazzo di crescere in modo sano ed adeguato.


Per qualsiasi chiarimento resto a sua disposizione.


Dott.ssa Cinzia Cefalo


 


 


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non sopporto il tradimento di mia madre

Ciao, ho 18 anni e sopporto da 11 anni il tradimento di mia madre. Fin da quando avevo 7 anni sono ...

10 risposte
Figlio e compagno

Buonasera, Da due anni a questa parte i rapporti fra mio figlio e il mio compagno che x 9 anni erano ...

2 risposte
Infanzia ed adolescenza "turbolente"?

Iniziamo dal dire che mi trovo quì per caso, in realtà odio parlare di ciò che ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.