Adolescenza

Nostra figlia ha cominciato a non soffrire la scuola

ada

Condividi su:

Nostra figlia M. ha 15 anni e mezzo e frequenta la seconda in un liceo molto lontano da casa. Ha scelto lei la scuola e noi abbiamo condiviso con gioia perché, sulla carta, l'istituto offre una buona preparazione classica e certificazioni europee in due lingue, oltre a tante altre possibilità: incontri, viaggi, gare sportive, ecc. La scelta, molto impegnativa per la ragazza (40 ore settimanali in classe tra curricola e ore studio) e vita in convitto, ha comportato e comporta anche per noi genitori molti sacrifici economici perché, pur avendo un’ottima preparazione culturale, lavoriamo alle dipendenze con stipendi molto bassi. Ora nostra figlia, da sempre brillante, ha cominciato a non soffrire la scuola, avere difficoltà di relazione con compagni e insegnanti, non riesce a sopportare la lontananza da casa, non riesce ad organizzare tempi studio e svago, non riesce a raggiungere la sufficienza in molte materie, ecc. Negli ultimi tempi la situazione si è aggravata perché si sono manifestate le crisi di panico: tremori, difficoltà di concentrazione, paura ingiustificata, ecc. La ragazza chiede di cambiare scuola e tornare in famiglia. Chiede di fare una scuola al di sotto delle sue iniziali aspettative e motiva la scelta dicendo: almeno nella nuova scuola ci starò meno ore e poi a casa mi potrò riposare e distrarre. Nessun nuovo progetto di vita, nessun desiderio particolare se non di stare sul divano a smanettare con il telefonino per più ore nell’arco della giornata. Noi comprendiamo che a 15 anni si abbia voglia di distrazioni, ma vogliamo crescere una ragazza forte, responsabile, grata per i sacrifici e pronta ad affrontare il futuro, anche in previsione di scelte professionali che sicuramente non saranno facili. Tuttavia comprendiamo che è molto fragile e sta male, e forse finora, assecondandola in tutto, l’abbiamo anche un po’ viziata. Di fronte a questa scelta che sa di “ripiego” e di fuga siamo perplessi. Io poi ho alzato la voce per indurla a ragionare e essere responsabile e lei dice che non può avere stima di sé se viene trattata come incapace di decidere. La ragazza ha accettato di parlare con uno psicologo, ma non la vediamo più serena e non lo siamo noi genitori. Le chiedo aiuto!

10 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentilissima Ada,

vorrei porLe una domanda, a cui non c'è una risposta giusta o sbagliata, ma semplicemente una risposta che permetterà a Lei e a Suo marito di fare chiarezza sulla situazione di vostra figlia.
Cosa vuol dire per voi crescere una ragazza "forte, responsabile e pronta ad affrontare il futuro"? Quali sono le caratteristiche necessarie ad una persona per affrontare il futuro dal vostro punto di vista?
Crescere vuol dire "fare degli sforzi e portare a termine quanto è stato intrapreso" oppure crescere significa "avere la capacità di cambiare, riconoscendo qualcosa che non è più giusto per noi o che ci fa star male?"
Sottolineo ancora una volta che una risposta non sarà più giusta dell'altra, essa dipende dalle esperienze che abbiamo avuto nella nostra vita, dalle situazioni che abbiamo incontrato e che abbiamo dovuto affrontare.
Una volta che vi sarete dati una risposta, riuscirete a stare accanto a vostra figlia nel modo che voi riterrete migliore. E forse questa vostra opinione potrete anche comunicarla a vostra figlia, essendo il frutto del vostro percorso di vita. Tenga conto però poi che, una volta esplicitata con la calma e la serenità necessarie, sarà vostra figlia che, sentiti i consigli delle persone che le stanno accanto e che per lei sono importanti, prenderà una decisione in autonomia, 
Solo un ultimo consiglio, se voi genitori non riuscite a mostrarvi almeno in parte sereni, non ci riuscirà neanche vostra figlia ad esserlo. Certo, queste non sono scelte da prendere "a cuor leggero" , e mostrare un po' di preoccupazione le farà comprendere l'importanza di tale scelta. Ma di sicuro il vedervi molto in ansia non permetterà a vostra figlia di compiere questa decisione con la calma e la serenità necessarie.

Cordialmente.

Salve in base al suo racconto se sua figlia è seguita da uno psicologo, è psicoterapeuta? perchè sono due figure diverse. Se la ragazza ha questa crisi, come lei descrive e scrive è anche dovuta all'età di forte cambiamento, cambiare scuola non è la scelta migliore, per fortificarla come scrive la soluzione è lasciarla dove si trova e trovare un modo per sapersela cavare, per dimostrare a sè stessa che nelle difficoltà riesce a farcela a superarle senza abbandonarle. Una sorta di "Quando il gioco si fà duro, i duri incominciano a giocare!". Mi domando se non ci siano di mezzo i ragazzi a questa età il "fidanzatino" o la "prima vera cotta" sconvolgono la vita degli adolescenti, ed è un argomento delicato con il quale non parlano facilmente con i genitori, un pò per imbarazzo, un pò perchè è una questione intima e personale, un pò per paura di essere offesi nella scelta, provi a chiedere a sua figlia cosa succede a scuola e se c'è un ragazzo nella sua vita che l'ha delusa e che adesso non vuole vedere più tanto da cambiare scuola! Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Buonasera, posso immaginare da quanto ha scritto che in questo momento tutta la famiglia stia soffrendo per questa situazione che si è creata. Sarebbe da capire se sua figlia quando ha fatto la scelta della scuola si fosse creata un immaginario dell'esperienza molto diverso da quello che sta sperimentando. Trovarsi a 15 anni lontana da casa non è semplice,così come affrontare un percorso così impegnativo, anche una ragazza brillante può trovarsi in difficoltà dinnanzi a questo o magari capire che non è quello che si era immaginata e ora vuole altro per sé. Sicuramente andrà aiutata a comprendere cosa desidera ora per se stessa e cosa la sta facendo stare così male. Avrà il tempo dalla sua per fare questo dato ha solo 15 anni, ma sarà importante sentire la vostra fiducia e stima nei suoi confronti. Se avete piacere possiamo fissare un appuntamento o per voi o per vostra figlia, vi consiglierei in ogni caso di sentire lei cosa preferisce fare e chiederle se è felice del percorso che sta facendo. Può sembrare magari che dall'esterno lei non sia serena ma ci vuole tempo per alcune cose, l'importante è lei senta una sintonia con il collega che la segue. Rinnovo in ogni caso la mia disponibilità. Buona serata. 

Gentili genitori,

come penso sia stato già stabilito la figlia ha bisogno per lo meno di "parlare" con un capace psicologo. Si inizia così: lo scopo è risolvere la situazione complessa anche con l'aiuto dei genitori.

Se per varie ragioni non si trova con l'attuale professionista oppure non si vedono risultati previsti dal piano di intervento concordato è il caso di cambiare professionista magari specialista in psicoterapia

Buongiorno Ada. Immagino che per voi genitori sia stato difficile e inaspettato un cambiamento come questo, anche perché da quello che dice, c'é una grossa sofferenza da parte di sua figlia. Sicuramente la scelta di rivolgervi ad uno psicologo credo che vi sarà enormemente di aiuto per capire e acquisire degli strumenti che possano aiutarvi a stare meglio. 

Gentile Ada,

l'adolescenza è sicuramente un periodo di vita difficile, fatto di cambiamenti non sempre di facile gestione, e a volte le risorse per poterli affrontare non sono ancora ben chiare ed evidenti agli occhi dei ragazzi.

E' comune a questa età essere disorientati e talvolta sopraffatti da esigenze dell'ambiente esterno a cui non si riesce a rispondere adeguatamente.

Le vostre intenzioni sono ottime, ma spesso il percorso genitoriale educativo non sempre va come viene programmato; in questi casi si possono strutturare interventi specifici, con la figura dello psicologo, al fine di comprendere quali siano le problematiche portate dalla ragazza, e contemporaneamente avere voi il ruolo di supporto e sostegno quotidiano. Si possono, se desiderate, proporre colloqui di supporto anche a voi genitori per potervi fornire il sostegno nella quotidianità rispetto a problematiche concrete e di tutti i giorni.

Rimango a disposizione per ulteriori informazioni,

Cordiali saluti.

Gentile Ada, evidentemente la ragazza sta soffrendo molto e sta anche somatizzando ad un livello importante questo disagio, in quanto ha iniziato a manifestare dei sintomi di attacchi di panico.

È stata molto eloquente nella lettera, ma sarebbe da capire quanto le aspettative vostre, come genitori, e quelle di M. siano state elevate all’inizio del percorso di studi, sicuramente non facile, in quanto più elevate sono e più il crollo e il senso di fallimento è rilevante quando ci si trova di fronte al non farcela per tutta una serie di motivi.

Per il fatto che l’essere umano è un’unità biopsichica le emozioni che noi proviamo sono dovute ai nostri pensieri, quindi se ho dei virus mentali sarà difficile riuscire a gestire le mie emozioni, al contrario mi farò travolgere da queste e sarà sempre più complicato superare anche semplici imprevisti quotidiani. Pertanto la situazione va affrontata anche da un punto di vista razionale-emotivo.

Io sono Operatore di Training Autogeno a livello europeo e nella mia esperienza clinica ho potuto constatare che è una tecnica di rilassamento molto efficace, perché lavora a livello di rilassamento di base e degli organi principalmente colpiti dall’ansia, ma aiuta anche la persona a cambiare l’atteggiamento nei confronti della vita riuscendo ad affrontare meglio i problemi. È un supporto immediato e pratico che si accosta a dei colloqui di sostegno, ma la persona si trova uno strumento a sua portata e già il fatto di avere uno strumento immediato che ci si può gestire da una motivazione diversa nell’affrontare un percorso: si è attivi nell’aiuto che viene dato.

Rimango a disposizione

Cordialmente

Gentile signora penso sia utile una consulenza psicologica per sua figlia per approfondire questo momento difficile in modo da poterlo vivere come occasione di conoscenza di sé e di crescita.

Può contattarmi liberamente. Cordiali saluti.

Gentile Ada, direi che vostra figlia ha invece cominciato a soffrire la scuola e il tipo di vita che essa comporta. Dire che "non può soffrire la scuola" sembra una italianizzazione dal dialetto trevigiano. Lasciatela libera di rinunciarvi, se come dice il prezzo che sta pagando per una scelta evidentemente sbagliata le risulta troppo alto. Diversamente, c'è il rischio che, tra non molto, vi possa dire che non la capite proprio, che non l'avete sostenuta e rispettata nelle sue difficoltà e che comincia a "non poter soffrire neanche i genitori". Forse vostra figlia non è affatto "troppo fragile", ma solo realista e pragmatica, in grado di comprendere se l'ideale dell'Io è troppo ambizioso. Sembrerebbe che la sua scelta corrisponda piuttosto al VOSTRO desiderio, alle vostre aspettative e al desiderio di mantenere alta "l'ottima preparazione culturale" della famiglia. Ridimensionate le vostre aspettative prima di scontrarvi con una qualche franca psicopatologia di vostra figlia. Non bastano come segnali forti e chiari i disturbi che sta già avendo? 

Salve, Molto spesso i ragazzi presi dall'entusiasmo del momento o dalla confusione si lasciano trascinare da compagni di classe (per non essere soli nella nuova “avventura“) o dai genitori, scegliendo scuole non adatte a loro. All'inizio va capita la reale aspettativa in base alle potenzialità personali. Ad esempio sono bravo a disegnare, perché non fare l'artistico? Quindi, cosa c'è dietro questa richiesta di aiuto di sua figlia? Sarà proprio lo psicologo (mi pare di aver capito che già ci va) a scoprirlo attraverso un percorso, anche alla luce del fatto che lei asserisce la fragilità di sua figlia. Magari potrebbe bastare anche un lavoro sull'autistima.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio figlio di quasi 14 anni non riesce a dormire nel suo letto

Buonasera, sono una madre divorziata da quando mio figlio aveva sei anni. Sono molto presente nella ...

4 risposte
Perché mio figlio si comporta così?

Salve sono una mamma disperata, mio figlio ha 14 anni e non riesce a legare con nessun compagno, lui ...

2 risposte
Figlio adolescente estremamente irrispettoso e violento

Buongiorno, sono la mamma di un difficile ragazzo di 15. Scrivo perché, purtroppo, dopo l'enn ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.