Adolescenza

Qualcuno potrebbe aiutarmi a capirmi?

Ale

Condividi su:

Salve, sono un ragazzo di 15 quasi 16 anni, negli ultimi periodi sto riscontrando vari problemi e non so se sia solamente la crescita o no.
Parto dal fatto che sono una persona che socializza poco ho circa 6 amici stretti e al di la di loro non vado, oltre a compagni di classe.
Ecco partiamo
Allora, ho paura solitamente di parlare alle ragazze e fare nuove amicizie per paura delle opinioni o dei pali, ne ho ricevuto uno in passato che non è stato affatto piacevole. Spesso faccio pensieri brutti ovvero che indicano sofferenza per me per esempio il male di qualcuno a me vicino a volte lo vorrei ma involontariamente poi mi pento davvero molto di averli fatti e questa cosa mi preoccupa molto ,quando faccio questi pensieri una parte di me vorrebbe solo il male ma un altra solo il bene l, non so se mi spiego.
Non so perché ma magari perché voglio più attenzioni?
A volte non capisco se io stia inventando delle cose o no, per esempio prima mi stavo confidando con un amico e non capivo se stavo dicendo cose sincere e vere oppure stavo esagerando non lo so.
Inoltre mi vedo brutto agli occhi degli altri e strano in confronto ad altri, ho spesso pensieri vendicativi ma non agisco mai di impulso per fortuna.
Spesso mi arrabbio anche con amici per esempio li ho minacciati di fare male a loro.
Prima quando stavo riflettendo su queste cose stavo anche ridendo non so perché, magari come ho già detto non sono cose sincere davvero non saprei.
A volte penso di non essere a posto e penso che gli altri abbiano sbagliato in passato, ma altre volte penso che sono io quello ad avere sbagliato
A volte penso sia solo una cosa per attenzioni e che fingo ma a volte no non saprei, come detto sono governato da due parti che vorrebbero il bene e un altra che vorrebbe avere qualcosa

Questo discorso mi é venuto perché avevo notato che alle medie non ero troppo bene voluto e mi era scappata una lacrima

Cosa potrei fare non so davvero?scusatemi la lunghezza e la ripetitività.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Ale dalle cose che hai scritto mi sembra di capire che a volte, nelle relazioni con gli altri, amici e ragazze, senti dentro di te emozioni che sembrano opposte. E ti interroghi sul senso, sul significato e sul perchè possa accaderti questo. Questo interrogarti su quello che provi e che pensi è un ottimo punto di partenza per conoscere chi sei e chi stai diventando.


Senza conoscerti è difficile darti indicazioni precise ma provo lo stesso a risponderti, poi tu terrai quello che senti possa esserti utile. Potrebbe essere che stai sperimentando diversi modi di porti verso gli altri ed ogni volta ti osservi e osservi quello che provi e quello che pensi. Forse stai cercando un te stesso più vero e autentico e lo fai passando attraverso gli estremi opposti, sentendo come si sta dentro quei punti “estremi”.  


Per quello che riguarda le relazioni con gli altri credo che a volte ci troviamo a volte di avere sbagliato noi, a volte che hanno sbagliato gli altri. Questo succede, e nell’interazione, a volte allegra, a volte conflittuale, capiamo chi siamo e ci regoliamo di conseguenza con gli altri, così come loro si regolano con noi. È un po’ come una danza nella quale il mio prossimo passo dipende dal passo che farà l’altro, e per l’altro è uguale. Ci si misura uno con l’altro e si impara molto uno dall’altro.


Inoltre mi sembra di capire che spesso hai pensato che i tuoi comportamenti dipendessero da un tuo bisogno di attenzione da parte degli altri. Anche questo può essere. Per tutti noi è importante il riconoscimento da parte degli altri perché abbiamo bisogno di sentire che per loro valiamo e che ci vogliono bene.


Un saluto


Stella Segatori

Ciao Ale,


Penso che tu avresti molto bisogno di tirare fuori tutte le sensazioni che hai descritto per poter fare chiarezza dentro di te. I tuoi vissuti sono abbastanza comuni, per la tua età, ma la tua autoconsapevolezza è cosa davvero rara.


Se vuoi puoi contattarmi per prenotare un incontro conoscitivo. 


Il mio studio è a Forlì e anche a Meldola.


D.ssa Raffaella Cortini. 

Gentile Ale,


lei inizia la sua richiesta affermando di avere pochi amici circa 6 e i compagni di classe. Cosa la porta a pensare che siano pochi? Come le piacerebbe creare i suoi rapporti amicali?


6 amici comunque potrebbero anche non essere pochi se la qualità, il rispetto, la sincerità e la presenza sono di qualità e la fanno star bene.


Non si giudichi sul tipo di persona che è. Se lei da sempre o in quest’ultimo periodo sente la necessità di descriversi in modo “maggiormente” negativo o positivo le consiglio di capire dentro di sé quale può essere la richiesta: come anche lei citava, bisogno di attenzione? Bisogno di raccontare aspetti negativi?


Con la sua famiglia come sono i rapporti? Aperti? Chiusi? È presente un buon dialogo? Sono genitori che chiedono e ci sono o tendono a relazionarsi in modalità “più fredda”?


Notando molta preoccupazione, confusione e forse anche bisogno di darsi delle risposte, essendo per di più lei una persona giovane e che ha davanti tutta una vita, le consiglio di richiedere un percorso di psicoterapia dove:


- Imparare insieme a “esternare” le proprie emozioni e i vari pensieri,


- Soffermarsi sul giudizio per rimodularlo imparando ad “accettarsi” ed eventualmente modificare alcuni pensieri o modalità di comportamento;


- Osservare e descrivere cosa prova quando a voce riferisce di “voler far del male” per poi pentirsi.


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, consulenza online o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Cosa posso fare in questa situazione di stress, ansia, paura e delusione?

Salve, sono una studentessa al primo anno di medicina, ma purtroppo non mi sta piacendo, continuo a ...

1 risposta
Come può una figlia di 14 anni avere un odio così estremo per la sua famiglia?

Salve, sono il padre di 2 bimbe una di 14 e una di 5 anni. Vi scrivo perche' ultimamente in casa ...

1 risposta
Ho intenzione di scappare di casa domani

Ho 18 anni ed è da quando ne ho 11 che sono vittima di bullismo a scuola. A casa la situazion ...

16 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.