Adolescenza

Ragazzi difficili come aiutarli?

Valentina

Condividi su:

Buongiorno! Sono la zia di un ragazzo difficile......mio nipote è sempre stato un ragazzo tranquillo, bravo a scuola, con interessi sportivi, anche se di carattere è sempre stato pacato, ma introverso. Arrivato al quarto superiore ha iniziato a vacillare a scuola ed a non coltivare più i suoi interessi, fino a che ha iniziato a fare piccoli danni.....es è tornato con il motorino distrutto e non abbiamo mai saputo cosa sia successo.

Al quinto superiore è stato arrestato per spaccio, abbiamo cercato di aiutarlo portandolo da uno psicologo, ma poi non è voluto più andare.

Ad oggi è un ragazzo dalla doppia personalità......nella vita quotidiana è un ragazzo dalla faccia pulita, pacato, calmo e un gran lavoratore, nelle cene di famiglia è tranquillo, a volte viene a casa mia a giocare con i miei figli alla play station, poi quando esce con i suoi amici si trasforma, si ubriaca, fa uso di stupefacenti.

Pochi giorni fa la mamma lo ha visto con l'addome pieno di scritte, gli ha chiesto spiegazioni e lui è diventato aggressivo, tant'è che la mamma si è chiusa in camera. Non sappiamo come aiutarlo, vorremmo portarlo a fare una terapia psicologica, ma lui si rifiuta. Ma è mai possibile che in italia non si trova un modo di aiutare un ragazzo se è maggiorenne? Mi sono rivolta a tantissimi centri, psicologi, psicoterapeuti, carabinieri ed assistenti sociali e la risposta è sempre stata la stessa......se non è lui a volere l'aiuto, lei non può fare nulla. Aiutatemi a capire quale sia la strada migliore da seguire. Grazie

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Valentina, comprendo la sua preoccupazione per suo nipote.


Non mi è chiaro perché sia lei a essersi rivolta a tutte le figure istituzionali che ha elencato e non i genitori di questo ragazzo. Sicuramente i genitori avranno dei problemi con il figlio e quindi sarebbero loro compito chiedere un aiuto, in primis. Tanto più se il ragazzo si rifiuta. In questo caso il supporto psicologico potrebbe essere di grande aiuto proprio a coloro che hanno a che fare con il ragazzo tutti i giorni (e che vive con loro) per trovare modalità relazionali ed educative adeguate a gestire una situazione problematica. Lei, come zia, è un supporto esterno al nucleo ed è compito dei genitori occuparsene e prendersene la responsabilità. Loro possono ricevere l'aiuto necessario.


Cordiali saluti

Gentilissima Valentina,


quando il ragazzo rifiuta di farsi aiutare per lo più è la famiglia che deve rivolgersi a uno specialista, si tratta di una forma di terapia indiretta che viene non di rado praticata. Mi meraviglia che, ad oggi, nessuno tra gli specialisti da voi consultati non vi abbia suggerito questa strada. Resto a disposizione per ogni ulteriore chiarimento.


Cordialmente

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio figlio non stringe amicizie

Buonasera, sono una mamma separata con due ragazzi di 15 e 13 anni. Il più grande, pur non ...

4 risposte
mia figlia non socializza più

Grazie per avermi accolto. Mia figlia di 12 anni è stata sempre una bambina estremamente ...

4 risposte
Mio figlio di quasi 14 anni non riesce a dormire nel suo letto

Buonasera, sono una madre divorziata da quando mio figlio aveva sei anni. Sono molto presente nella ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.