Adolescenza

Sono cresciuta troppo in fretta

Sara

Condividi su:

Salve a tutti.Mi ritengo una ragazza molto estroversa,solare ed empatica ma tutte queste qualità sono sempre state accompagnate da periodi di depressione,nervosismo e aggressività verbale senza una precisa ragione verso le persone con cui mi relazionavo.Inoltre la mia poca voglia di coltivare amicizie è stato il fattore scatenante di una vita di solitudine e perenni pensieri suicidi.Questa svogliatezza mi ha portato ad avere come sola ancora la figura del fidanzato:devo dire che ciò ha aiutato notevolmente la mia asocialità, ma si sa i fidanzati vanno e vengono.Ora sono attualmente fidanzata ma più passa il tempo più mi accorgo di aver bisogno di una figura in più nella mia vita,in parole povere non posso uscire e dipendere da una persona sola!Così ho cercato più che altro di elemosinare qualche uscita con qualche amica,ho cercato di inserirmi in qualche gruppo ma preferivo e dedicavo più tempo al fidanzato.Non cerco affetto o qualcuno che mi capisca,ma qualcuno di diverso con cui uscire e occupare le mie giornate.Ma perché non ho voglia di coltivare le amicizie se questa solitudine è la causa delle mie frustrazioni?è frustrante svegliarsi la mattina e non avere niente da fare,nessuno con cui uscire e occupare le giornate di sole a innervosirsi e intristirsi,aspettando di uscire con il fidanzato!Credo che questi miei 'disturbi'(se così li possiamo chiamare) abbiano radici più profonde:a mio parere son cresciuta troppo in fretta e di questo me ne sono accorta osservando gli atteggiamenti dei miei coetanei:odio la tipica immaturità adolescenziale,il distruggersi di alcool,concedersi ad uno sconosciuto senza nemmeno conoscerlo,decidere e agire senza pensare..Forse è proprio questo il problema,non trovo nessuno della mia età che si comporti più seriamente.Oltre ciò,durante i 3 anni delle medie,ho subito violenze di natura fisica e psicologica da un mio compagno di classe ogni giorno,tutti i giorni:era il mio primo amore e scambiavo queste violenze per un semplice scherzo.Con il passare del tempo però son cresciuta e ho capito che questa esperienza ha segnato profondamente la mia vita:un'adolescenza di rabbia incontrollata,di voglia di comprendere gli altri e di dare spiegazioni plausibili ai propri comportamenti,un'adolescenza di pianti e singhiozzi,di nervosismo,di una personalità fatta di contraddizioni,di scarsissima autostima che mi ha portato a pensare al suicidio ogni minuto,non avendo ragioni di vita..Vi ho raccontato un pezzo di quel che è stato della mia vita fino ad'ora,voi che ne pensate?

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Sara, lei chiede cosa ne pensate....di cosa , di lei della usa sofferenza, del suo bisogno di sentirsi circondata da amici o dell infinita rabbia che accumula da anni e che rivolge a se stessa. Non è facile fare tutto da soli, non è neanche utile, ci da la breve sensazione di potenza ma poi ti riporta a pensare sempre allo stesso modo. Lei sembra ancorarsi ai fidanzati, ma le ancore permettono alle barche di rimanere ferme, invece si scorge dalle sue parole un bisogno di scoperta e di esplorazione di se, attraverso gli altri. E' con il confronto che i impariamo a conoscerci.

Quindi si dovrebbe concedere la possibilità di confrontarsi con se stessa in un percorso psicoterapico per poter riconoscersi nel rapporto con gli altri.

Gentile Sara, la sua situazione raccontata con grande dolore, meriterebbe un’indagine più approfondita, visto anche la presenza di forti emozioni contrastanti. Lei racconta di convogliare tutte le proprie energie e aspirazioni in un unico rapporto, quello col suo fidanzato. La sua àncora di salvezza, da cui dipende e che attende durante la giornata, rifuggendo dal mondo. Ne dipende e vorrebbe non –dipendere, cercando una socialità che le sfugge. Se i ragazzi della sua età sono tutti irresponsabili e tendenzialmente bordeline, lei potrà solo trovare rifugio in quell’unico rapporto, dove poter aspettarsi e investire ogni bene. Che questa relazione, insieme a quelle passate, non le serva  a cercare di dimenticare quell’iniziale traumatica? Da persona estroversa, solare ed empatica, dopo un po’ questa relazione le sta troppa stretta, e torna verso il mondo per recuperare la socialità. Nel mondo sociale, trova il vuoto. Vede Sara il circolo di sofferenza che si è creato. Credo che sia opportuno ricorrere a un collega che possa aiutare a spezzarlo. La Saluto.

Sara ascolti,

Dalla sua richiesta di aiuto noto una rabbia molto forte che va assolutamente affrontata all'interno di un contesto psicoterapeutico e tale rabbia spesso le fa sviluppare pensieri suicidari quando è autorivolta, mentre appare come eterodiretta quando colpisce le relazioni interpersonali. Non può buttare i migliori anni della sua vita chiudendosi all'interno di un sintomo così violento ed angosciante. Appare evidente che il problema non è solo quello da lei descritto ma c'è qualcosa di più significativo da scoprire. Attualmente con la regolamentazione del CNOP è possibile seguirla anche on line tramite sedute su skype che può fare comodamente da casa sua. Anche io effettuo tali psicoterapie con i miei pazienti con ottimi risultati. Non si arrenda. Per ogni dubbio mi contatti pure.

Cordialmente le faccio i miei migliori auguri

Ciao  Sara. Sei stata molto precisa e accorta nella descrizione dei tuoi vissuti. Nonostante questo mi mancano degli elementi fondamentali: la tua età e il rapporto che intrattieni con la tua famiglia. Proverò ad attenermi a quanto hai scritto. Da quanto racconti capisco che c’è un forte difficoltà nell’affrontare la tua realtà relazionale con i coetanei; e con gli adulti? Dici di essere cresciuta in fretta… riesci, dunque, ad intrattenere relazioni stabili con persone più adulte? Hai mai provato a pensare se questo tuo malessere è iniziato in seguito a queste molestie subite dal ragazzo di cui parlavi? Capire a quando risale questa condizione potrebbe darti una grande mano. Sicuramente alla base, però, c’è una storia lunga quanto la tua vita e dovresti iniziare a scendere un po’ più in profondità, affrontare una volta per tutte la difficoltà nello stare con gli altri, mostrarti per quello che sei. Parlane con un esperto. Andrà sicuramente meglio.

Ciao Sara, ho letto ora la tua richiesta e sono rimasta profondamente colpita dal breve racconto della tua vita. Non sono sicura di poter comprendere fino in fondo l'intensità di certe emozioni nascoste dietro le tue parole o la difficoltà e il dolore con cui hai dovuto fare i conti fino ad oggi, ma quello che mi sento di poter fare oggi, considerati i limiti oggettivi di una comunicazione via web, è lasciarti queste parole:

 "Guardandolo col binocolo, mi accorsi che si trattava di una specie di alghe, con un tronco sottile che terminava con un ciuffo di foglie. Sembrava inevitabile (…) che quella fragile pianta sarebbe stata completamente schiantata e distrutta dall’onda successiva. Quando l’onda si abbatteva su di essa, il tronco si fletteva quasi orizzontalmente e la chioma afferrata dalla corrente d’acqua diventava una linea retta; eppure,  quando l’onda era passata la pianta era ancora lì, dritta, tenace, resistente Sembrava incredibile (...). In questa piccola alga simile a una palma c’era la tenacia e il progredire della vita, la capacità di farsi strada in un ambiente incredibilmente ostile e non solo di sopravvivere ma di adattarsi, svilupparsi e diventare se stessa.” (Carl Rogers).

La tua storia in qualche modo mi ha ricordato la vita di quest’alga. Non so se queste parole potranno in qualche modo esserti d’aiuto, se ti ci riconoscerai o se le scarterai, ma rispecchiano il mio modo di vedere le cose ed è di questo che ti faccio dono.

Cara Sara

di certo l'esperienza con il  tuo compagno di scuola, il tuo primo amore ti ha spinto verso l'isolamento, ma ricorda che ci sono persone che amano la solitudine. Scegliere solo rapporti di qualità ti può portare ad evitare molta gente, ma sentirsi soli quando si è in compagnia è davvero peggio. Credo che la soluzione stia nell'accettare la propria natura, chiediti se davvero hai bisogno di altre persone attorno a te o se invece quello che ti manca è il dialogo interiore con te stessa che forse hai dimenticato di approfondire. Un diario personale che ti aiuti a riflettere, che apra le porte dell'anima e ti aiuti ad accettare anche i momenti più bui può essere un aiuto. Se pensi ti possa agevolare scrivimi ancora. Ti auguro una buona giornata!

                                  

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Quanto dura la fase adolescenziale?

Salve, ho una figlia tra poco ventenne e da quando aveva 18 anni è andata a vivere con il ...

5 risposte
Non so come comportarmi!

Buona sera sono molto confusa, mi chiedo se come madre sto sbagliando tutto. Mia figlia di 14 anni ...

10 risposte
Figlia ribelle e aggressiva perchè?

Buonasera sono Alessandro felicemente sposato, e padre di una adolescente di 14 anni, che purtroppo ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.