Famiglia e bambini

Abitare lontano per lavoro dopo una separazione

Stefano

Condividi su:

Buongiorno, cercherò di essere breve. Mi sono separato con mia moglie a Giugno, affettivamente ero già stato abbandonato da un anno e mezzo.

Tralascio le colpe del nostro fallimento: ho provato in ogni modo a salvare la coppia, ma non c'è stato nulla da fare. Abbiamo tre bambini: due Femmine di 14 e 11 ed un Maschio di 12.

Aimè per motivi non miei ho sempre fatto il padre pendolare: prima lei preferiva stare con la madre in Liguria, poi quando ci siamo riuniti nel 2010 (in umbria presso il paese di origine di mio padre) persi il lavoro dovetti tornare al nord per pagare il mutuo, era il 2014, durante questi anni nei quali scendevo ogni due settimane più le ferie lei si è radicata molto bene, io invece ho temporeggiato nel rientrare (avevo un buon lavoro al nord) e le nostre vite si sono divise.

Ora abito a qualche km dai ragazzi, ma faccio 110 km al giorno per lavoro, su due turni, con orari abbastanza difficili, vista la distanza dal lavoro e le elevate spese di trasporto. In pratica li vedo nel fine settimana ed occasionalmente una sera a settimana li porto a cena da me. Ovviamente devo farmi aiutare economicamente dai miei genitori. Sto pensando di rientrare al nord per lavoro, questo mi permetterebbe di riavere un tenore di vita più dignitoso per me e per i ragazzi, senza dovermi appoggiare ai miei genitori, che ovviamente non saranno eterni. Mi chiedo se è una scelta egoista dettata solo dal mio non stare bene qui, oppure cercando di essere partecipe, come ho sempre fatto nonostante la distanza alla crescita dei miei figli.
Questo mio rimorso è ingiustificato? Sono un padre snaturato se ricominciassi a vederli ogni due settimane, oppure è vero che conta la qualità più che la quantita del tempo trascorso con loro?

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Stefano, credo che le separazioni siano uno dei momenti più difficili da gestire in una famiglia: le dinamiche cambiano e le sicurezze di un tempo si trasformano. Condivido quanto scrive rispetto alla qualità del tempo che può trascorrere con i suoi figli rispetto alla quantità. Spesso infatti possiamo anche essere vicini fisicamente, ma se la nostra testa e’ altrove, immersa dentro pensieri difficili, le relazioni ne risentiranno e di certo i suoi figli sentiranno che qualcosa non va. Mi permetto di dire anche che, da quanto ho letto, lei abbia vissuto come pendolare per diverso tempo e che quindi i suoi figli sono abituati a questa realtà. Cerchi di non sentirsi in colpa o combattuto... quello che arriva leggendo la sua email sembra la ricerca di una soluzione migliore o ottimale sia per lei che per i suoi figli e, forse, adesso, ricominciare con la vita nel nord le porterebbe una stabilità sia di lavoro/economica che mentale, tale da vivere meglio anche il rapporto con i suoi figli senza pesare su i suoi genitori. Le auguro il meglio. Distinti saluti.

Gentile Stefano,


le decisioni sono sempre personali; lo psicologo può aiutare a valutare le possibilità e a vederne le varie sfaccettature, vantaggi e svantaggi.


Benchè lei dia per irrimediabile la separazione da sua moglie, le chiedo: avete consultato uno psicologo? un ulteriore trasferimento al nord vi allontanerà probabilmente ancora di più e la cosa un po' paradossale è che sua moglie è ligure. Sul mio sito può trovare un articolo sul matrimonio.


Atavicamente, per milioni di anni e ancora oggi anche se in misura minore, la funzione del padre è stata soprattutto, oltre che protettiva, quella di essere un sostegno economico.


Oggi la comunicazione è diventata più facile tra telefonini skype e altro.


Cordiali saluti


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Vorrei andare via di casa, ho bisogno di consigli?

Inizio col dire che ho avuto un'infanzia difficile, in famiglia siamo in 6, anche se sono l'unico ...

3 risposte
Come ci si salva?

Salve, sono una ragazza di 18 anni. O forse dovrei. Ho sempre amato la libertà, l’ho ...

7 risposte
Tornata a vivere in un ambiente familiare dannoso

Buongiorno, sono una ragazza di 26 anni e, dopo il liceo, ho passato 7 anni in un'altra città ...

10 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.