Famiglia e bambini

Come gestisco la enuresi secondaria diurna e notturna?

Maria

Condividi su:

Buona sera,

mia figlia ha tre anni e mezzo; a due anni ha tolto il pannolino di giorno e sei mesi fa di notte. Da circa due settimane ha ricominciato a fare la pipi di giorno e di notte, le scappa come dice lei, un goccino poi le chiedo di andare in bagno e quando è seduta sul water non la fa.

Dopo 10 minuti si bagna i vestiti. È una bambina serena molto intelligente con una perfetta padronanza del linguaggio indipendente. Non ci sono stati cambiamenti nella nostra quotidianità e io e mio marito siamo una coppia sana. All'asilo va volentieri e le maestre mi riferiscono che è molto serena e che è maturata tanto in questo periodo. Più che non farle pesare il problema, non so che fare di fronte alla mortificazione che lei prova..... AIUTO

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Carissima,


le difficoltà con la minzione a questa età sono molto comuni, a volte i bambini, nonostante comincino a togliere il pannolino, possono ricominciare a bagnarsi per svariati motivi. 


La minzione va comunque vista nell'ordine di un messaggio.


Forse qualcosa è accaduto, ma non è detto che sia qualcosa di eclatante, che possa scatenare nuovamente la difficoltà di controllo.


Se Sua figlia si  mortifica di frointe a questo la sostenga, spiegandole che può accadere.


Le variabili sono molte, potrebbe pensare di rivolgersi ad un professionista per un consulto.


Cordialità


 


Dott.ssa Daniela Fornari 


Iseo (BS)

Gentile signora Maria,


l'enuresi è un fenomeno molto comune: pensi che circa il 40% dei bambini di 3 anni, ha difficoltà nella minzione. Ciò significa che l'apparato renale e vescica sono ancora immaturi per essere consapevolmente controllati.


Tuttavia, mi sento di dirle che prima di pensare ad un possibile legame psicologico con l'enuresi della sua bambina, è opportuno indagare nella vostra storia familiare, e capire se qualcuno in passato presentava difficoltà nella minzione. Quindi le consiglio da questo punto di vista di consultare un medico, per capire se questa difficoltà è legata ad un problema di tipo organico.


Solo in un secondo momento sarà possibile valutare la situazione dal punto di vista psicologico in quanto molti potrebbero essere i fattori che potrebbero aver scatenato l'enuresi. Per esempio: la nascita di un fratellino, un trauma, un grosso spavento, un lutto.


Saluti

Salve Maria


innanzitutto si rivolga alla pediatra e chieda consiglio sulla possibilità di fare qualche indagine medica.


Il ritorno alla pipì sotto o a letto, solitamente, è un sintomo che indica una regressione, la quale può avere svariati motivi.


Lei ci precisa che va tutto bene e ne sono contenta, ma le strade da seguire sono sue 1) pipì sintomo di qualcosa 2)indagine medica


Se vuole mi tenga informata! Buon prosieguo

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Abitare lontano per lavoro dopo una separazione

Buongiorno, cercherò di essere breve. Mi sono separato con mia moglie a Giugno, affettivament ...

2 risposte
Mia figlia quando colora usa il nero

Salve, sono una mamma di due bimbe, una di un anno è una di tre anni. Ultimamente mia figli ...

6 risposte
Mio figlio ha la tendenza a tirare schiaffi di fronte ai NO

Buongiorno Sono una mamma di un bimbo di 3 anni. Premetto che è figlio unico e ha iniziato da poco ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.