Famiglia e bambini

Confondere le idee a un bambino di due anni

Pasquale

Condividi su:

Sono riuscito a riconoscere legalmente mio figlio che ora ha 28 mesi poco tempo fa poichè la madre si era opposta e oggi riesco a provvedere a lui e a frequentarlo per qualche ora alla settimana.
Preciso che la madre si è risposata nel periodo in cui lottavo per il riconoscimento.
Ho insegnato da me la parola papà a mio figlio visto che la madre non vuol farlo, anzi mi presenta a Lui con il mio nome.
Quindi ogni volta che lo vado a trovare mi si fa incontro felice chiamandomi per nome poi dopo poco si ricorda e mi chiama papà e fa qualche bizza, e non mi saluta quando termina il mio tempo di visita. Contestulmente alle volte appella la madre mamy e ricorda il marito della madre con papy. Tra l'altro questo personaggio evita di parlare con me e ho scoperto che nel registro dei battesimi si è fatto mettere come padre consapevole di non esserlo.
Secondo voi come dovrei agire? E' legittima quest'azione continua della demolizione del mio ruolo rispetto al bimbo e la mia sostituzione? Io faccio finta di niente per non discutere con la madre e quando gli ho detto della cosa in separata sede è andata su tutte le furie. Io avrei voglia di rivolgermi ancora alla legge ma per il momento mi trattengo. Grazie

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera,


Il suo desiderio di essere riconosciuto come padre, non solo dalla legge, ma soprattutto da suo figlio, è sacrosanto. Per il bene del bambino eviterei battaglie legali, che non farebbero che allontanarla da lui a livello affettivo. Cercherei piuttosto un'intesa con la madre e con il marito di lei, esponendo le sue necessità. Può essere consigliabile un percorso di sostegno alla genitorialità, per aiutarla ad affrontare al meglio questa fase.

Salve Pasquale,


un figlio ha diritto e ha bisogno di entrambe le figure genitoriali, quindi anche del padre e la madre va aiutata a comprendere e ad accettare tale condizione.


Pertanto, si rivolga alle figure professionali necessarie - psicologo, assistente sociale, legale - al conseguimento di  tale obiettivo.


Allo stesso modo, al padre va riconosciuto il ruolo che lo status di padre richiede.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Follia genitoriale

Ho davvero bisogno di aiuto e non so a chi chiedere. Ho una situazione familiare che è totalm ...

6 risposte
Mia figlia è molto distratta. Cosa posso fare?

Salve sono la mamma di una bambina di 10 anni e di un bambino di 12 anni, nato alla 21° settiman ...

2 risposte
Come posso aiutare mio figlio?

Salve, Sono una madre di tre figli, più uno in arrivo. Due splendidi maschietti, uno di ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.