Cosa fare con una madre che condiziona la tua vita?

Asja

Mia madre non ha amici, non ha un compagno (i miei genitori si sono separati quando avevo 10 anni e anche in quell'occasione ho dovuto fare da tramite e cercare di sistemare la situazione), non guida in autostrada, è ansiosa, se si ritrova da sola è incapace di reagire, in passato ha sofferto di problemi molto gravi, disturbi dell'umore importanti, deve fare continue visite in posti che richiedono l'utilizzo dell'autostrada. Per ora sopravvive grazie ai parenti: papà, mamma, zia, (anziani), che purtroppo prima o poi non ci saranno più. Io ho 20 anni e sono una figlia, che si è sempre sentita una madre, costantemente oppressa e svuotata da tutto questo. Adesso la mia paura qual è? La mia paura è di non riuscire a creare una vita tutta mia, di dover essere costretta a seguire mia madre più di quanto io lo faccia con me stessa, di non poter fare il lavoro dei miei sogni lontano da casa, di non poter vivere una vita tranquilla con marito e figli a casa mia. E poi cosa chiedo di tanto strano o assurdo? Vorrei solo un po' di serenità. Cosa dovrei fare?

1 risposta degli esperti per questa domanda

Salve Asia, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL