Litigare davanti ai figli è molto nocivo??

SILVANA

Buongiorno, a volte mi capita di discutere con mio marito davanti alle nostre figlie di 3 e 10 anni; non ci insultiamo o lanciamo oggetti, ma capita che discutiamo animatamente, soprattutto io alzo la voce e mi arrabbio più di mio marito che invece riesce a mantenere la calma, forse per il carattere tranquillo che ha. Le bimbe, da quello che mi sembra, si fanno i fatti loro, soprattutto la grande va avanti a fare quello che sta facendo e mi sembra che non dia importanza alle nostre discussioni. Finita la discussione torna tutto più o meno come prima, soprattutto nei confronti delle bimbe le coinvolgo e ci parlo, idem il padre, anche se magari tra me e lui c'e ancora della tensione......vorrei sapere se è molto nocivo nei confronti delle bambine, se vedere i genitori discutere potrebbe avere effetti negativi su di loro.

4 risposte degli esperti per questa domanda

Buongiorno Silvana,

sarebbe meglio non urlare di fronte ai figli in quanto potrebbe essere imitato. Se la bimba vede mamma e papà urlare si farà delle domande e magari per imitare la mamma farà suo questo atteggiamento. Discutere e chiarirsi non ha nulla di patologico, anzi, ma se sopraggiunge la rabbia il confronto potrebbe essere controproducente.

Rimango a disposizione.

Cordiali Saluti

 

Gent. sig.ra, la risposta al suo quesito non può essere univoca, le rispondo infatti: "dipende...". Il che significa che non è la singola discussione a far male alle sue bimbe, ma tutto dipende dal clima generale che contraddistingue la vs vita familiare. Cioè se come coppia genitoriale sapete trasmettere loro un adeguato senso di tranquillità e di fiducia nelle figure di riferimento che altro non sono che mamma e papà, senso di sicurezza affettiva molto importante per il loro sviluppo affettivo futuro. Quindi, se a voi capita di discutere ogni tanto per futili motivi davanti a loro, non è certo grave, purchè si faccia loro in seguito comprendere che le vs discussioni nulla c'entrano con la stabilità del vs rapporto coniugale. Diversamente, se litigate spesso consiglierei se possibile di discutere in loro assenza, o quantomeno di rimandare il grosso della discussione in altro momento. In ogni caso sappiate che i figli anche piccoli hanno particolari antenne e sanno decifrare bene l'affiatamento dei genitori in assenza o in presenza di discussioni. Spero di esservi stata utile. Resto a disposizione per chiarimenti ulteriori. Un caro saluto

Carissima Silvana,

L’imporatante non è solo se litigate o meno davanti a figli ( importante che non vi sia alcun tipo di violenza), ciò che è necessario è mostrare loro di aver fatto pace, con gesti visibili dove loro non facciano fantasie che mamma e papà si vogliono separare per un normale conflitto . Potete anche abbracciarvi davanti a loro o darvi dei bacetti affettuosi. Il modo con cui fate pace davanti a loro sarà fondamentale per la serenità dei piccoli.

Cordiali saluti

Buongiorno,

non è nocivo in se il litigio poiché è una parte della convivenza e della vita. Ciò che lo rende “nocivo” sono le modalità con cui viene condotto ed i contenuti ovvero “perché si litiga”: una volta chiarita alle bambine la motivazione del “perché mamma e papà litigano”, mantenendo toni adeguati alla discussione, non si dovrebbero verificare spiacevoli incomprensioni.

Anche la figlia che apparentemente non considera la lite, in realtà, spesso la studia da spettatrice ed una sua idea se la fa: forse potrebbe essere utile chiedere a loro quale idea/rappresentazione si sono fatte del momento della lite.

Saluti