Famiglia e bambini

Mio figlio ha incominciato a criticare l'ambiente scolastico, a bere smodatamente birra

Daniela

Condividi su:

Gentili dottori, il mio è un problema comune a tanti genitori di figli adolescenti, ma da un po' di tempo a questa parte, sta causando parecchie preoccupazioni a me e a mio marito. Abbiamo due figli: un maschio di vent'anni e una femmina di sedici. Abbiamo avuto sempre un'ottima intesa su tutto e, fino a pochi anni fa, ci consideravamo - forse presuntuosamente - anche dei genitori fortunati, in quanto i nostri figli non ci hanno mai causato seri problemi: bravi a scuola, ottimi voti, comportamento ineccepibile in tutte le situazioni. Da qualche anno però, il nostro primogenito ha dei comportamenti un po' negativi. Fino alla fine del secondo anno di superiori (liceo classico, scelto da lui, nessuna imposizione) ha avuto un rendimento scolastico ottimale. In terza però,è andato malissimo in diverse materie, fino ad arrivare alla bocciatura. Da lì in poi è stato tutto un crescendo di atteggiamenti disfattisti. Ha incominciato a criticare l'ambiente scolastico, a bere smodatamente birra e talvolta vino quando è fuori con gli amici, a rientrare tardi (le quattro e anche le cinque di mattina), nonostante le numerose richieste a rincasare più presto, a dire bugie in talune occasioni, a rispondere male ogni qualvolta gli si fa notare qualcosa, ad essere indolente e inconcludente. Essendo bravo nella scrittura, lo abbiamo più volte invitato a partecipare a qualche concorso letterario, ma ha sempre rifiutato dicendo che sono delle inutili perdite di tempo. Dopo avere ripetuto il terzo anno, è stato bocciato anche in quarta ed ora ha voluto iscriversi ad una scuola privata (il cui costo ha pesato non poco sul nostro bilancio) per frequentare il biennio quarta-quinta di un altro indirizzo scolastico per poi sostenere gli esami di maturità quest'anno. Il problema principale è che non riusciamo a fargli comprendere quanto sia dannoso bere la birra esageratamente(notare che a casa non tocca una goccia di alcol nemmeno nelle occasioni speciali) e non sappiamo più come fare: gliene abbiamo parlato in tutte le maniere possibili, ora arrabbiandoci, ora parlandogli con dolcezza, ora persino ironizzando, ma non c'è modo di fargli cambiare atteggiamento. Alcuni mesi fa ha avuto un incidente in cui ha distrutto l'auto e da cui, fortunatamente, lui è uscito illeso, ma nemmeno questo è riuscito a farlo riflettere. Siamo preoccupati per lui e, oltretutto, questa situazione sta logorando anche il rapporto tra me e mio marito (il quale somatizza tutto) che mi rimprovera di essere troppo blanda con nostro figlio, ma il fatto è che faccio fatica a rapportarmi in maniera serena: è permaloso e si inalbera subito. Siamo sempre stati contrari ad un'educazione di tipo autoritario e, sin da quando erano molto piccoli, abbiamo sempre disapprovato le sberle come metodo educativo, preferndo il dialogo e le cose, in linea di massima, sono sempre andate bene. Va detto che il ragazzo, in situazioni particolari di emergenza o difficoltà, si è dimostrato affidabile e collaborativo, mostrando la parte migliore di sè, mentre nella vita di tutti igiorni, non riusciamo a scuoterlo dalla sua quasi apatia nei confronti di tutto. Vi chiederei pertanto un consiglio su come dobbiamo comportarci affinchè lui ritrovi il suo equilibrio e noi un'armonia familiare e di coppia. Grazie.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Daniela

i figli crescendo e separandosi dalla famiglia a volte subiscono forti influenze da parte del gruppo a cui fanno riferimento. Paradossalmente l'incidenza che il contesto sociale ha sulla persona incide talmente tanto da far pensare ad una trasfigurazione della personalità, in realtà ha soltanto il merito o il demerito di far emergere aspetti che per educazione non trovavano lo spazio per manifestarsi. Si accende in questi casi una dura lotta tra i due codici di comportamento che sono molto spesso in antitesi e a cui il ragazzo si sente costretto ad obbedire. L'alternanza dell'obbedienza ad una regola o all'altra crea nell'animo di chi la subisce e non solo nei genitori, un duro scontro che ha però il merito di essere una palestra di vita in cui l'identità emergente di un ragazzo si plasma. Il processo di identificazioni con eroi creati dal mass media o dalle mode del momento fanno il resto. Alla famiglia rimane il difficile compito di comprendere ( nel senso più profondo del termine) il difficile percorso che il proprio figlio sta compiendo aiutandolo ad arrivare alla maturità.Se si aprisse uno spiraglio da parte del giovane verso l'ipotesi di un supporto psicologico Le potrei consigliare di rivolgersi ad uno psicologo che agevoli i vostri rapporti, nel caso questa strada non sia percorribile penso che il dialogo e il sostegno degli affetti più autentici possano aiutare suo figlio a riacquistare i valori che sembra aver accantonato.

Mi scriva ancora se crede possa aiutarla.

Cara Daniela,

comprendo la grande preoccupazione per suo figlio. Ciò che ci racconta può destare in effetti una forte ansia nel contesto familiare, ed in effetti voi vi siete attivati su più fronti, cercando giustamente di aiutare vostro figlio con i mezzi in vostro possesso, tra cui il dialogo, che è certamente fondamentale. Non si può non prendere in considerazione che ciò che ci ha descritto è accaduto in una fase molto delicata della vita di suo figlio quale è l'adolescenza. Dunque in parte potrebbero essere comportamenti legati a ciò. Ora sta crescendo e diventando un ragazzo più adulto, sarebbe auspicabile approfondire alcuni aspetti, come l'uso di alcol. Io credo che potrebbe essere una valida alternativa fare una consulenza da uno psicoterapeuta (voi genitori e se possibile con la presenza anche di vostro figlio), che può fare un quadro completo della situazione e delle strade praticabili. Può contattarmi direttamente se crede tramite il sito. A presto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come aiutare una bambina totalmente esclusa?

Salve, io ho una nipotina di 10 anni che soffre tantissimo perché tutte le amichette di class ...

1 risposta
1 elementare: perchè non vuole andare a scuola?

Gentili Dottori, mio figlio ha 6 anni, ha un fratello di 8 e una sorella di 14 mesi. Dopo la prima ...

5 risposte
Come gestisco la enuresi secondaria diurna e notturna?

Buona sera, mia figlia ha tre anni e mezzo; a due anni ha tolto il pannolino di giorno e sei mesi ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.