Famiglia e bambini

Nel caso di assenza del padre è meno "dannoso" dir loro la verità o consolarli?

Silvia

Condividi su:

Sono mamma di un bambino di 5 anni, il papà lo ha riconosciuto ma non si è mai preso cura di lui pertanto sono stata costretta ad interrompere la nostra relazione a circa 6 mesi del bambino. Ho sempre parlato bene di lui,ho calcato la mano per farglielo vedere (nonostante il disinteressamento del padre) e per creare dei piccoli ricordi positivi. L'interesse è andato via via scemando tanto che ormai lo vede una volta l'anno. Mi è stato consigliato di spiegare al bambino che l'assenza del papà è dovuta alla sua incapacità di fare il padre, di non riuscire a prendersi cura di lui. Tra l'altro da quando mio figlio ha un anno frequento una persona, da due anni convivo e da un anno sono sposata con lui..ed ora è anche in arrivo un figlio.
Ho spiegato a mio figlio che il suo padre naturale non ha le capacità per fare da padre e che il mio compagno lo aiuta a crescere ogni giorno insieme a me, ma ultimamente mi dice che è arrabbiato con il suo papà naturale perchè non si fa vedere, che gli manca e che a lui piaceva quando gli faceva i regali (i 3 regali che nella sua vita ha ricevuto da lui) e sta sera ha aggiunto che lui ama di più il suo papà naturale rispetto al mio compagno. Premetto che rispetto i suoi sentimenti e non voglio forzarlo nei rapporti d'amore ed affetto,però mi domando se sia giusto intervenire, rimarcare, sottolineando l'incapacità genitoriale del padre o se dovrei solo consolarlo e dirgli che appena suo padre potrà lo verrà a vedere.
Sottolineando l'incapacità del padre non creo un'immagine negativa del padre e quindi anche di tutta la figura paterna in generale? Così potrei pregiudicare l'idea che avrà nella vita di papà?
Grazie in anticipo per le risposte.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Silvia, ho letto con attenzione la sua lettera. Quando ci sono queste situazioni, è sempre difficile trovare il giusta misura tra il far conoscere tutta la verità ai figli e il bisogno di tutelarli per il loro benessere. Penso sia stata brava a mantenere una buona immagine del padre, perchè dobbiamo sempre ricordarci che le figure genitoriali, sono anche parti interiori, che come lei giustamente ha colto possono pregiudicare la nostra crescita e in futuro il nostro modo di essere padri e madri. La nuova figura maschile, è senz'altro positiva per suo figlio, ma è capibile che lui senta affetto per il padre naturale. Penso anche, che consolandolo e dicendogli che appena il padre potrà, lo verrà a vedere, lei possa alleggerire e rendere meno duro il fatto che il vero padre lo veda così poco. Crescendo , vedrà che sarà suo figlio a darsi le giuste risposte . Intanto lei ,avrà contribuito a rendegli meno dura questà verità. Quando, lo sviluppo emotivo di questi ragazzi matura, è sorprendente come riescano a vedere, tutte le fragilità dei loro padri e delle loro madri e a trovare e capire il vero motivo del loro agire.


Buona Vita!

Buonasera Silvia,


credo che lei abbia fatto degli ottimi interventi con suo figlio e la sua attenzione e cura nei confronti di questa questione così dolorosa siano davvero apprezzabili. Penso che il tentativo di suo figlio di conservare un amore tenace che lo unisca al padre naturale sia qualcosa che vada rispettato, come lei stessa dice. Allo stesso tempo credo anche che possa essere importante sostenere la sua rabbia e tristezza perché entrambi possono rappresentare delle spinte alla crescita e ad intraprendere delle strade diverse nel suo futuro, magari anche di papà. Gli dica che ha ragione ad essere arrabbiato e ad essere triste e che quello che fa suo padre non è giusto e lui non se lo merita. 


Non gli darei false illusioni. Anche se assicurargli che suo padre a modo suo nonostante i suoi limiti personali lo ami forse è una tutela indispensabile. 


Buona fortuna.


 

Buongiorno Silvia,


immagino che per lei sia doloroso vedere suo figlio soffrire per l'assenza del padre naturale. Rispetto alla domanda che lei pone, non si tratta di scegliere tra negare la realtà dei fatti al bambino e la consolazione. Ai bambini che pongono domande è giusto dar loro risposte aderenti alla realtà. Quando i bambini, invece, esprimono una emozione oppure un sentimento, allora è bene rimanere in contatto con il vissuto che manifestano.


La descrizione della realtà serve al bambino per crescere. La realtà deve appartenere al bambino. Questa fa parte della sua storia. I bambini hanno bisogno di sentirsi amati e desiderati dai loro genitori. È un bisogno ovvio.


Suo figlio è arrabbiato per l'assenza del padre, poiché ne percepisce l'assenza del desiderio del padre. Nello stesso tempo ha bisogno di idealizzarlo. È un vissuto doloroso che lei, come madre, non potrà impedire a suo figlio di sentire. Lei non può garantirgli la felicità. Nessun genitore può garantire la felicità dei figli. Lei, come madre, ha un solo compito: amare suo figlio. 


... ... ...


Silvia, non c'è bisogno, da parte sua, di ribadire la verità ogni volta che il bambino esprime uno stato emotivo di rabbia o di tristezza nei confronti del padre naturale. Quando il bambino le esprime uno stato di dispiacere o rabbia, a lei basterà stare con lui con comprensione emotiva. Il bambino, in quei momenti, le esprimerà un vissuto emotivo che, da parte sua, basterà semplicemente accogliere con amorevolezza. 


Augurandole un gioioso proseguo della sua vita con suo figlio e con la nuova famiglia che si è creata, la saluto cordialmente.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Vorrei andare via di casa, ho bisogno di consigli?

Inizio col dire che ho avuto un'infanzia difficile, in famiglia siamo in 6, anche se sono l'unico ...

3 risposte
Come ci si salva?

Salve, sono una ragazza di 18 anni. O forse dovrei. Ho sempre amato la libertà, l’ho ...

7 risposte
Tornata a vivere in un ambiente familiare dannoso

Buongiorno, sono una ragazza di 26 anni e, dopo il liceo, ho passato 7 anni in un'altra città ...

10 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.