Separazione

A casa mi sono sempre sentito soffocare da mia moglie

Paolo

Condividi su:

Faccio seguito a quanto riferito in precedenza. A casa mi sono sempre sentito soffocare da mia moglie che si, mi ama e ne sono certo, ma ha sempre controllato la mia vita, lei un po' ricattatrice e un po' manipolatrice, sicuramente senza accorgersene. Ma spesso i suoi modi e parole mi ferivano nell'anima. I suoi scatti d'ira, specie di fronte ai figli, mi facevano restare ammutolito e cedevo di fronte alle sue richieste. Il mio spazio personale è stato sempre per lei uno spazio rubato alla coppia, ed io dopo anni sono scoppiato. Lasciando la casa e i miei figli di 20 e 15 anni, con i quali mi vedo e sento senza problemi, anche se il grande è arrabbiato con me per il fatto, credo, di aver lasciato sulle sue spalle la responsabilità della mamma che non reagisce alla situazione. Lei, mia moglie, che in 3 mesi mi ha sempre inviato messaggi dandomi dell'egoista, del distruttore e del seminatore di dolore, per poi ribadire con altri messaggi il suo amore per me immenso e puro. Mi ha anche mandato per messaggio anche 150 foto della nostra vita passata, come a voler farmi tornare sui miei passi. E a farmi rendere conto che non è possibile che io butti tutto all'aria così. Ma le sue manipolazioni, i suoi scatti d'ira, le sue ansie e le sue paure nel corso della nostra vita insieme hanno fatto si che l'amore crescesse “malato“. Ed io ho anche tradito, e per onestà ne ho anche parlato con lei. All'inizio è stato un disastro, accuse verbali, molestie fisiche e atti d'ira indescrivibili, poi il suo confessare amore puro verso di me e ora l'implorarmi di tornare a casa. Io sto seguendo un percorso psicologico individuale che a detta di lei ha distruttonil nostro matrimonio facendomi allontanare ancora di più, lei, dopo tre sedute individuali, ha rifiutato altri incontri perché rivolti all'elaborazione del lutto, ma mai che lei avesse analizzato se stessa ed il perché siamo arrivati a questo punto. Il percorso da fare ora sarebbe di coppia, ma il percorso che vuole lei è quello del ritorno di coppia, quando invece dovremmo affrontare un percorso di accettazione e ritrovare serenità. Nel frattempo i suoi messaggi continuano e suonano come coltellate per me. Pur lei ribadendo il suo amore. Cosa devo fare?

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Da ciò che leggo si tratta di una relazione tossica e malsana caratterizzata da ambivalenza e da alternanze di svalutazioni e manifestazioni di affetto.

Ciò appare come un'interazione che rischia di confondere entrambi e mi permetta, di indebolire lei.Probabilmente sua maoglie ha questo atteggiamento dominante da sempre e si è instaurato un rapporto di dipendenza basato su ruoli ben precisi in cui sua moglie aveva il controllo della relazione, delle decisioni.

La perdita di tale controllo ha fatto saltare degli equilibri consolidati.Certamente sarebbe auspicabile un aiuto che vi riporti a tali disfunzioni e vi aiuti ad interagire diversamente a riorganizzare tali schemi rigidi di dominanza sottomissione che non sono mai salutari.

Il fatto che sua moglie si rifiuti fa intravedere una non volontà di mettersi in discussione, per cui io le consiglierei di proseguire da solo per comprendere chiaramente cosa lei prova per questa persona e se questo rapporto è davvero quello che vuole. In bocca al lupo per questo nuovo viaggio

Mi sembra che vogliate andare in due direzioni diverse. Sua moglie si ostina a voler ricostruire la coppia lei vuole altro. E' vero una terapia individuale a volte allontana la coppia ma per il semplice fatto che slatentizza nel soggetto che visi sottopone bisogni ed istanze  sepolte nel profondo e di cui il soggetto stesso non era consapevole. l'altro coniuge rimane invece indietro nel suo processo di crescita. E per questo che spesso si consiglia ad entrambi i membri della coppia una psicoterapia individualeSarebbe utile una buona terapia di coppia non per  ricostituire la coppia quanto piuttosto per separarvi con serenità e rispetto

Decidi se vuoi provare a stare insieme accettando anche le sue condizioni o se invece vuoi separarti.

Questo lo devi decidere tu.

Caro Paolo, mi dispiace che non ho potuto leggere quanto da Lei precedentemente espresso. Apprendo dalle informazioni che lei scrive che secondo lei è la modalita della vostra relazione ad essere in qualche modo "disturbata"; a questo punto mi chiedo se il percorso di coppia vi sia stato consigliato o se è solo sua moglie che lo prospetta per una riconciliazione. Mi sembra di capire che Lei vorrebbe invece proseguire individualmente e vorrebbe che lo facesse anche lei, da parte sua.  Nella mia esperienza credo che si possa trovare la pace in una coppia, qualsiasi forma vada poi ad assumere, anche attraverso un percorso di coppia, dunque mi sento di consigliarlo. A disposizione, mi dispiace di non avere ulteriori informazioni ed essere piu esaustiva. A disposizione 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Separazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a lasciar andare la persona che amo

Buongiorno, ho avuto una relazione che è durata tre anni, ma che all'improvviso la persona ...

7 risposte
Va bene come sto facendo?

Buonasera, scrivo per un consiglio. Sono separato da un paio d’anni circa. I due bimbi, la ...

5 risposte
Devo lasciare mio marito?

Sono sposata da tre anni con un figlio. Tutto nella mia vita sembrava essersi sistemato fino a quand ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.