Separazione

Mia madre non accetta che voglia finire il mio matrimonio

Marta

Condividi su:

Salve, vi espongo il mio problema: mia madre è sempre stata una persona che vuole che gli altri facciano ciò che dice lei, il suo pensiero è giusto è quello degli altri sbagliato! È un anno che le sto dicendo che il mio matrimonio sta fallendo, che non riesco a stare più con mio marito, e lei ogni volta che le espongo il problema da di matto, sentendosi male, svenendo e stanno giorni al letto! Non so più come comportarmi perché vorrei avere la forza di fregarmene, di pensare che la vita è solo mia e che io devo costruirmi la mia stabilità e felicità! Ma ogni volta che la vedo in questo stato non riesco a prendere la decisione di andarmene una volta per tutte da casa! Vi prego aiutatemi

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Marta, come mai se sa che sua madre ha quella reazione (da di matto come dice Lei), continua a parlargliene? 


Ha detto che lei sa che il suo matrimonio sta fallendo e stando Lei dentro il suo matrimonio e non sua madre, è lei che conosce le ragioni, le dinamiche, è Lei è solo Lei che sa come si sente in questo matrimonio. Quindi come mai ne parla a sua madre che non la comprende? Perché non ne parla con qualcuno che possa ascoltarla e capirla?


Ci pensi e mi risponda.


 

Cara Marta,


Molte persone condividono questa sua dolorosa esperienza, dovuta a fattori culturali con pregiudizi morali verso le donne, educate come in epoche precedenti.


Un consiglio? Cerchi di capire se realmente desidera la fine del suo matrimonio per problemi che sono irrisolvibili. E comprenda cosa teme possa accadere a sua madre..e perche '..? Se accadesse questo. Quale legame famigliare può, se ci sono motivi gravi perche' una figlia si separi, Impedire la separazione per una vita migliore per questa figlia?


Cerchi di parlare con qualcuno esperto nel settore,con etica e privacy. Magari provi a cominciare un percorso tutto suo. Potrebbe essere un inizio per Capire dinamiche famigliari e di coppia, e iniziare a rifletterci senza rabbie e sensi di colpa, ma con un nuovo punto di vista.


La saluto cordialmente con un abbraccio forte !


Simona Rocco, psicologa clinica di Roma 

Salve Marta,


la sua situazione purtroppo accomuna tanti rapporti parentali.


Può capitare che i genitori vivano le vite dei figli come prolungamenti delle proprie ed idealizzino ad altissimi livelli le esperienze e le conseguenze delle stesse. Ma è giusto che lei viva la sua vita senza sacrifici inutili, come il soccombere ad un matrimonio non più desiderato o ad una reazione altrui, nonostante si tratti di sua madre per la quale prova senza dubbio grande affetto. Il tutto sta nel trovare il giusto slancio verso il cambiamento in favore del proprio benessere. 


Restando a disposizione per ogni confronto le porgo i miei auguri


 

Buonasera Marta, quando si prende la scelta di una separazione le famiglie di origine ne sono in qualche modo coinvolte, soffrono per la decisione presa ma la accettano, per forza di cose. Se lei é convinta che la strada giusta da intraprendere é quella vada avanti, sua madre si adeguera. Immagino che non sia facile, nessun figlio vorrebbe veder soffrire i propri genitori soprattutto per scelte proprie.


Provi a coinvolgerla di meno, parlandone poco o nulla con sua madre.


Resto a disposizione

Gentile  Marta, il suo atteggiamento è poco consono ad una persona della sua età; dovrebbe aver acquisito da un bel pezzo la capacità di prendere decisioni in maniera autonoma  senza curarsi minimamente dell'opinione materna. Il problema che riferisce denota, in lei, una grande fragilità, ed una forte dipendenza. Le consiglio di intraprendere un percorso psicoterapeutico al fine di migliorare  la sua autostima e raggiungere il livello di autonomia adeguato, oltre a fare chiarezza riguardo alla sua  situazione matrimoniale. Le faccio tantissimi auguri.   

Buonasera Marta 


se avverte di essere arrivata alla fine del suo matrimonio, probabilmente lei meglio di chiunque altro conosce i motivi che la spingono a prendere una decisione del genere che saranno stati ponderati. Il problema è capire le radici del rapporto con sua madre e quanto si sente influenzata  nelle scelte da prendere. Lei ha 34 anni ed è apparentemente libera di scegliere per la sua vita, ma quali meccanismi si innescano quando sua madre sta male e lei vive il senso di colpa per questo?


Le consiglierei di intraprendere un eventuale percorso di psicoterapia per cercare di far luce su questi aspetti che sono molto delicati e degni di attenzione. 

Buonasera Marta, immagino non sia facile per lei dover gestire contemporaneamente il suo matrimonio e le reazioni di sua madre. Il suo giudizio, nonostante lei abbia 34 anni, è ancora così importante? Perché? Che cos'è che le impedisce di prendere realmente in mano la sua vita e di farne ciò che vuole?


Spero che il mio messaggio la inviti a riflettere.


Un saluto


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Separazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Moglie che tradisce e mostra rabbia e rancore nei confronti del marito

Salve, ho 45 anni e questa è la mia storia. Sul finire del mese di dicembre del 2018 il mio ...

1 risposta
Scelte da donna imposte ai figli

Buongiorno, ho una domanda che mi blocca nella situazione in cui sono: non riesco ad andare oltre al ...

1 risposta
Nuova compagna troppo invadente

Buonasera. Il padre della mia bimba convive da due gg dopo che noi ce ne siamo andate, con una donna ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.