Separazione

Sono un padre di 42 anni, separato da 3 dopo 12 anni di matrimonio

Paolo

Condividi su:

Buongiorno. Sono un padre di 42 anni, separato da 3 dopo 12 anni di matrimonio. I miei figli sono un ragazzo di 15 anni e una di 13. Anche prima della separazione, con la mia ex-moglie abbiamo avuto sin da subito problemi di coordinazione nell'educazione dei bambini, il ché è stato anche la principale causa della fine del nostro rapporto e della separazione. Io molto presente e attento nella loro vita, tengo molto al rispetto delle regole, rispetto nei confronti degli altri e di se stessi, insomma.. Un papà un po' noioso. Lei donna in carriera, un po' fredda, rapporto da amica più che da mamma, grandi sensi di colpa per il poco tempo che aveva (e ha) per stare con loro e di conseguenza li ha sempre viziati molto con montagne di oggetti, senza mai confrontarsi con me. Ho sempre sofferto del fatto che distruggesse ogni mio tentativo di impostare delle regole, dipingendomi sempre come il “nemico“ contro cui ribellarsi. Nonostante questo prima della separazione ho sempre avuto un rapporto coi miei figli che forse non era perfetto, ma stavamo bene. Con il grande è ancora tutto molto bello, evidentemente c'è anche un feeling caratteriale, ma con la piccola dopo la separazione è stata un'escalation in negativo con episodi anche al limite del legale in cui mi è stata letteralmente messa “contro“ in tutto. Adesso sono il cattivo, il padre carceriere, la ragione delle sue tragedie preadolescenziali, parla con parole non sue, mi riferisce che la mamma dice cose orrende su di me e che HA RAGIONE, ed in tutto questo la mamma continua sempre più a rifiutare ogni dialogo con me su questo punto, negando di fare quel che fa. E' un sottilissimo filo che separa le mie sensazioni da quello che effettivamente succede, me ne rendo conto. Ma mia figlia mi odia, a scuola si comporta male, si comporta da bambina viziata e arrogante, sembra gelida nei confronti di tutto ciò che non la riguarda direttamente. Ogni punizione che le diamo per aver -ad esempio- marinato la scuola, apparentemente di comune accordo e dopo averne parlato, cade dopo poche ore, la consola e la coccola e mia figlia torna a casa da me al grido di “la mamma ha detto di trovarti qualcosa da fare invece di starmi sempre addosso“ oppure “Io il cellulare posso usarlo quanto mi pare. Ha detto che ci pensa la mamma a te.“ Piccolo particolare: parliamo di uno smartphone che possiede dall'età di 10 anni, regalatole dalla mamma in occasione della notizia della separazione e contestuale (!) presentazione del nuovo compagno. Mia figlia adora quest'uomo, che è il classico amicone che le regala continuamente montagne di oggetti, vestiti, le insegna cose che non condivido (e mi taccio, davanti a lei). Con la mia compagna ha un buon rapporto, meno stretto ma gioviale e divertente. La mamma invece è lo scudo dietro a cui si protegge da me, che a quanto pare sono il suo unico nemico in questa giungla che è l'adolescenza. Sono abbastanza disperato. Cerco di parlare con mia figlia spesso, di rimanere tranquillo e fermo, ma dentro non riesco a sentirmi davvero sereno. Mi sento come se fossi aggredito da una forza invisibile ogni volta che mi guarda con quello sguardo di sfida che dice “dai, sgridami così lo dico alla mamma“ . La mia ex-moglie rifiuta categoricamente di parlare con me di questo. Non so che fare. Rivorrei tanto mia figlia, non so proprio come riconquistarla, e non voglio litigare con la mia ex-moglie che è una polveriera, competitiva, non aspetta altro che occasioni per litigare, si nutre della mia frustrazione. Vorrei mantenere rapporti civili e la comunicazione necessaria (anche se tanto non serve, perchè ciò che concordiamo lo rispetto solo io). Sì, lo so, sono un padre noioso, ma vorrei anche tanto tornare ad essere quello con cui si ride, si gioca, il suo eroe come qualche anno fa e come è rimasto con mio figlio grande. Mi sento a terra, perchè i miei sforzi, che cerco di dirigere in tal senso, sembrano inutili. Cerco di concentrarmi su di lei e sulle cose positive e ignorare questi attacchi invisibili, puntuali e a raffica, ma non sembrano diminuire ne' migliorare. Aiuto... Grazie in anticipo a chi risponderà.

9 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Dott. Giulio Grecchi Monza e Brianza (MB)

Gentilissimo Sig. Paolo.

Apprezzo con quanta passione esprime il suo pensiero e le sue pene rispetto ai figli e rispetto alla sua secondogenita in particolare. Lei dice "si nutre della mia frustrazione", esprimendo in tal modo quell'atteggiamento competitivo e di contrasto che da tempo sembra tipico in sua moglie. Solitamente quando accadono queste situazioni, i figli, dopo un primo periodo di palese turbamento, sembrano "sposare l'atteggiamento del genitore inconsciamente vissuto come più debole" che per sua figlia, a mio parere, sembra essere proprio la madre. Forse lei come papà riesce a rimandare alla figlia un atteggiamento di costanza e sobrietà, abbastanza indistinguibile rispetto alla vostra storia di famiglia e ciò, sempre a mio parere, rimanda alla ragazza la sensazione di non doversi preoccupare di lei, in quanto persona costante nei suoi intendimenti, sia come autogestione propria che come modello educativo che esprime. Molto spesso i figli, in questi casi, sembrano appoggiare, come per dare sostegno, quel genitore "in difficoltà", all'interno di un atteggiamento aultizzante di cui ovviamente non si ha consapevolezza. Detto questo, nella speranza di essere compreso, occorre che lei possa riflettere, magari anche con l'aiuto di un professionista, su quali mosse e comportamenti da mettere in atto, in modo da permettere ai suoi figli, la piccola in particolare, ad accogliere la sua proposta accuditiva, senza che ella possa sentirsi in difficoltà per il rischio di "tradimento" della madre. Sono certo che, a partire dalla sua già cospicua capacità riflessiva, può ottenere buoni risultati di trasparenza, comunicazione e condivisione con la sua adorata figlia. Se può, già da ora, metta da parte quella sua percezione di odio, che, a suo parere, sua sua figlia le rivolge. Forza sig. Paolo, non è ancora finito il suo compito genitoriale e con esso, quel godimento che solitamente ha già sperimentato nell'essere e nel fare il genitore. La saluto con affetto.

Gentile padre, mi dispiace molto per la situazione di disagio che sta raccontando. Vostra figlia, oltre ad essere una preadolescente e a vivere tipici comportamenti di ribellione per differenziarsi e affermarsi sta "alzando il tiro" mettendosi a rischio e manifestando così il suo disagio. E' la punta dell'iceberg di questi problemi non ancora risolti di una coppia genitoriale in difficoltà. I figli sopravvivono e sono in grado di accettare la separazione di una coppia, intesi come marito e miglio ma non di una coppia genitoriale. Questo conflitto può generare in loro profonde ferite. Apprezzo molto la sua consapevolezza, attenzione e la preoccupazione per i suoi figli. Le consiglio un percorso sulla genitorilita' con la mamma dei suoi figli. Sarebbe per loro un toccasana. Se ciò non dovesse essere possibile potrebbe fare lei un piccolo percorso per lavorare sul suo ruolo di padre e sulla sua affermativita'. Fare rispettare le regole e' un elemento prezioso ed importante, potrebbe anche pensare ad uno spazio e dei momenti per divertirsi insieme a loro. Un caro saluto

Gentile Paolo,

avverto un certo senso di impotenza nel suo racconto che potrebbe trovare una certa giustificazione nella maggiore difficoltà a controllare e gestire i figli per il genitore che convive di meno con essi, se questo è il suo caso. 

Tuttavia potrebbe e dovrebbe a mio avviso trovare più efficaci modi di interazione sia con la figlia che soprattutto con la madre e può farlo con l'aiuto di uno psicologo psicoterapeuta.

Tra i  vari approcci mi sento di consigliarle la Gestalt perchè molto efficace e veloce, se ben utilizzata, nel migliorare la comunicazione.

Cordiali saluti

Dott.ssa Federica Corbetta Monza e Brianza (MB)

Buongiorno Paolo,

la sento davvero triste e molto frustrato. L'adolescenza è già difficile da gestire per un genitore, quando tutto va bene, figuriamoci quando non c'è accordo fra chi deve educare! Non si disperi però, lei ha sicuramente molte risorse da mettere in campo. Le consiglierei di scrivere a sua figlia il bene che le vuole, magari con l'aiuto della sua compagna, e proporre di trovare degli accordi sulle regole (comunque necessarie per riconoscere le situazioni di rischio e le conseguenze delle sue stesse azioni) proprio per riconoscerle una parte di autonomia e ricordarle il forte amore che vi lega. Spesso, quando i genitori si separano, i figli sentono di dover prendere le parti di uno o dell'altro...non è cattiveria, è un meccanismo che scatta. Provi a far capire alla sua ex moglie che quella rabbia che avevate l'un l'altro, non vi appartiene più; ormai siete in un'altra fase, più "adulta" e, soprattutto, questa tensione non fa bene alla ragazza. Ad entrambi i ragazzi, in realtà. Se la situazione dovesse continuare senza cambiamenti, mi contatti pure! Un grossissimo in bocca al lupo!

Gentile Paolo, l'impressione che ho avuto leggendo il suo scritto, è che la rottura della relazione coniugale non sia stata ancora elaborata e abbia ancora un suo peso emozionale nel vostro rapporto. E' vero, entrambi avete nuovi compagni, ma un legame e una comunicazione seppure difficile tra di voi rimane ancora. Non si riesce a stabilire delle regole condivise. Lei si è descritta come una persona attenta, presente ai figli, ha voluto insegnare il rispetto per sé e per gli Altri. La sua ex-moglie come una persona fredda, attenta alla carriera, poco presente, con difficoltà ad assumere un ruolo genitoriale. Una mamma amica più che mamma-mamma. Ora è molto probabile che la bambina stia facendo quello che ha sempre fatto: cercare di distruggere le regole che lei vorrebbe imporre, ribellarsi al fatto di avere un papà "un po’ noioso". E' proprio della fase evolutiva pre-adolescenziale e adolescenziale cercare di ribellarsi alle regole. (Anche se, sotto-sotto, gli adolescenti cercano di più un eroe, magari idealizzato). Se non c’è nessuno che pone delle regole, non cè neanche la possibilità di ribellarsi. E di scegliere. Si costruisce se stessi attraverso le scelte che si fanno e anche, attraverso le ribellioni e i rifiuti. Se non c’è nessuno contro cui ribellarsi, la ribellione non ha senso. Inoltre, facendo ciò che fa da sempre, la ragazza mantiene un legame, quello che lei sola conosce, quello che c'è sempre stato tra di voi. Lei che impone le regole, sua moglie che le contesta e le svaluta. E' probabile che, questo le dia l'illusione di mantenere una famiglia, la sua. Non riesco a darle altri elementi utili perché bisognerebbe approfondire meglio le emozioni e i conflitti in gioco. La inviterei a un colloquio in studio.

Gentile sig. Paolo

una figlia a tredici anni è già nel pieno dell'adolescenza e comincia comunque a non vedere più il papà come il suo eroe...ed è bene sia così, perchè solo superando questo rapporto simbiotico può riuscire a guardare oltre, nel mondo, e lasciare che i primi ragazzini si accostino a lei.

Chiarito ciò, la sua situazione conflittuale con la ex moglie non aiuta la ragazzina a guardare con calma il "fuori" della famiglia e ad affrontare la crisi dell'adolescenza che incalza, perchè viene praticamente "costretta", a livello psicologico, a schierarsi da una parte o dall'altra. Tenga presente però che è proprio quando i genitori sono in opposizione, soprattutto a livello educativo, che i figli si possono sentire confusi e alla fine possono tendere ad approfittarsene per fare un po' quello che vogliono.

Io le consiglierei di provare innanzitutto a chiedere a sua moglie (ex) un incontro in tutta tranquillità, in un luogo neutro , come un bar o una pizzeria e con tranquillità, spiegare poi che la ragazza ha bisogno di chiarezza e non di contrasti , che qui non si tratta di continuare coi vostri conflitti, ma che è in ballo la serenità della figlia di entrambi. Quindi provi ad accostarsi non come un giudice a sua moglie, ma come un possibile interlocutore , e di rassicurarla che la figlia ha bisogno del reciproco accordo dei genitori e che per questo lei ha chiesto un incontro.

Potrebbe anche essere sufficiente per instaurare quel dialogo che avevate perso molti anni fa, forse perdendo la possibilità di interagire, perchè arroccati su diverse e opposte posizioni, o comunque potrebbe essere l'inizio, per lo meno rispetto ai figli, che in realtà hanno bisogno di tutti e due i genitori, e soprattutto di non dover prendere le parti dell'uno o dell'altra.

Se desidera essere aiutato in questo percorso, ricevo a Milano e a Binasco,sono psicologa e picopedagogista e mi occupo di consulenza alla genitorialità e all'educazione, collaboro con pediatri, scuole e genitori.

Un cordiale saluto.

Gentile Paolo, l'impressione che ricevo dal suo scritto è che questi attacchi su più fronti che sta ricevendo da sua figlia, con il suo sguardo di sfida e la sua ex moglie, che non aspetta altro che litigare e contrastarla, anche nell'educazione della ragazzina, stanno portando a galla qualcosa di profondo, qualcosa che avverto come uno sguardo di critica e giudizio di lei verso sè stesso. Questo trapela dal suo dirsi un padre un po' noioso o nel sentirsi frustrato perchè i suoi tentativi non vanno a buon fine. La invito a guardarsi con più amorevolezza, se lo merita! Si potrà così accorgere che questo padre ed ex marito che lei è va bene già così. Ci sono cose che possono cambiare all'esterno, ma ciò che lei può fare, già da subito, è non accusarsi eccessivamente e accogliersi per quello che è. 

Ci sono tante altre cose che potrebbero essere dette, la invito se vuole a un colloquio per approfondire. Trova i miei riferimenti qui sotto. Intanto spero di esserle stata di qualche conforto. Sento che la sua pena è sincera e le sono vicina.

Un caro saluto

Dott. Fabio Fagnani Milano (MI)

Gent. Paolo, alcune considerazioni: primo. Le coppie funzionano spesso come i piatti di una bilancia; se uno scende l'altro sale per compensazione; tra lei e sua moglie bisognerebbe capire se davvero non sia possibile un maggior equilibrio e dialogo. Secondo. Nel rapporto con sua figlia lei, essendo l'adulto, ha certamente la responsabilità maggiore, e responsabilità vuol dire potere; mi sembra che lei abbia assunto una posizione di relativa passività, sentendo di subire ed essere reso impotente dalla predominanza di sua moglie e compagno; forse è possibile ritrovare il suo potere nel trovare una chiave nuova nel rapporto con sua figlia, scardinando la relazione che oggi appare sclerotizzata; magari assumendo un atteggiamento meno normativo ed utilizzando maggiormente la sofferenza che prova; umanizzandosi maggiormente agli occhi di sua figlia. Esprimendo insomma anche il suo bisogno di ritrovarla affettivamente. Con il gioco perduto, ma anche con momenti dedicati nei quali sia possibile guardarvi negli occhi.  In tutto ciò forse le sarebbe utile farsi aiutare da uno psicoterapeuta, per trovare spunti che invertano il circolo vizioso in cui è piombata la relazione con sua figlia. Non si demoralizzi, e tenti vie nuove che aprano porte ora chiuse. Un caro saluto. . 

Caro Paolo,

comprendo dalle sue parole la sua sofferenza per la situazione in atto. E' già difficile occuparsi dei propri figli quando c'è una separazione, e in questi casi ancor di più. 

Lei vorrebbe giustamente regole condivise con la madre di sua figlia, sia per il bene di sua figlia che per il vostro rapporto, che in questo modo rischia di essere compromesso.

E' vero anche che sua figlia si trova in una fase della vita particolare, in cui si ha bisogno di trovare "qualcuno con cui prendersela". Dunque potrebbe arrivare con la crescita ad una comprensione più ampia della situazione in modo spontaneo. 

In ogni caso mi sento di consigliarle qualche colloquio vis a vis con uno psicologo, innanzitutto per trovare accoglimento alle sue fatiche e sforzi del momento ed anche per capire come orientarsi al meglio all'interno delle dinamiche familiari. Mi contatti pure se crede, il primo colloquio è sempre gratuito. A presto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Separazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

1 elementare: perchè non vuole andare a scuola?

Gentili Dottori, mio figlio ha 6 anni, ha un fratello di 8 e una sorella di 14 mesi. Dopo la prima ...

5 risposte
Non riesco a chiedere la separazione dalla moglie in un modo definitivo, come posso fare?

Gentili Psicologi vi scrivo perché sono in una profonda crisi con me stesso. Ho 44 anni e ...

9 risposte
E adesso?

Buongiorno sono Roberta dalla provincia di Torino...ci sono cascata, anzi ho fatto in modo che accad ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.